Biografia.

LA LINGUA DEL BLOG :

Vi sono diverse soluzioni per spiegare Giuseppe Di Summa, ti faccio vedere, quello differente, rispetto alle pratiche regole di un curriculum, ti faccio vedere il ” quesito ” a cui il nostro percorso si è interessato. Lo sappiamo se vuoi fare tante domande, procurati qualche risposta, in modo ordinario, senza tentare un grande azzardo, dal punto di vista culturale, capendo chi deve essere il tuo interlocutore. Molti vogliono essere in grado di misurare la propria ragione lavorativa, poi capiscono, come ci si sente quando si arriva a scrivere, domandare, come è meno chiaro, rispetto alla attese. Siamo nello spazio web, molti si scordano che gli esperti dei metri stanno nell’esercito, quelli che hanno tutte le notizie, stanno nei giornali, quindi state lontani da questa ” tentazione “. L’esempio migliore è se io do delle monete al bar, quelli ne avranno, per farmi sentire la musica, se le do al cinema, quelli ne avranno per farmi vedere i film, quindi ovviamente dando monete creo valore all’oro, all’argento, gli trovi, in modo proporzionale, dove sono stati pagati. La natura dell’economia, del vigile urbano, è matematica, dal punto di vista tecnico, è molto apprezzata nelle società sportive di oggi. Tutti abbiamo un nome, il grande Omero, ad esempio, il cui significato del nome è ” ostaggio ” è uno difficile da cambiare come lettere, tanto è preciso il suo testo, insegna che tutti abbiamo un modo di chiamare noi stessi ”  “il cieco che abita nella rocciosa Chio”, si definisce il poeta. Se Giuseppe Di Summa si chiama ” festival oro “, testando la natura economica, sa che il carattere leggendario si perde, scompaiono le illusioni. Quindi chiedere gli anni della musica, scrittori e scritture, la filastrocca del minibasket, agli amici del web, è stato il passo successivo, studiando domande e risposte, quindi un testo, un libro, una canzone, un programma di allenamento, vanno accreditati, riconosciuti, visto che la gente ci dedica anni di lavoro. Non posso andare oltre, come nessuno scrittore, in Italia, a Dante Alighieri, quindi oltre ad essere definiti da noi stessi, dobbiamo anche essere definiti dagli altri, Oròsio, Paolo, viene definito dal grande poeta,  Paradiso (X, 119) «avvocato de’ tempi cristiani». Voglio solo ricordarti che i format dal titolo ” gli anni della musica “, ” scrittori e scritture “, ” la filastrocca del minibasket “, non sono Giuseppe Di Summa, sono la mia partecipazione alla vita culturale del nostro paese, ove esce una Puglia, tra Lecce e Bari, che ha diritto alla sua scrittura, al suo canto, seppure vede un’attenzione a tutto il territorio nazionale. L’unico spazio personale di Giuseppe Di Summa, dove si parla di me, è il sito della FILASTROCCA DEL MINIBASKET versione ONLINE, che è in preparazione per l’uscita tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021, dove vedrai come ho lavorato come Istruttore sportivo nell’arco di 20 anni, dove sarai in un oasi, un posto tranquillo, per lavorare in un giocosport, nello sport.

PER QUALE MOTIVO CAMBIO GIORNO ?

CI VUOLE UN INTERLOCUTORE.

E’ ovviamente vero- obviously TRUE. Ci vuole una giornata positiva da guardare con occhi diversi.


LA LINGUA DEL LAVORO

__________________________________________

Possiamo dire di GIUSEPPE DI SUMMA che tra i suoi punti di forza

E’ una persona:

  • Che predilige i rapporti interpersonali
  • Ottimista
  • Altruista
  • Dotata di senso cooperativo e collaborativo
  • Dotata di senso di mediazione relazionale
  • Affidabile
  • Garbata

E’ una persona:

  • Creativa
  • Originale
  • Innovativa
  • Che possiede spirito di iniziativa
  • Non routinaria
  • Che cerca e dà risposte sempre nuove
  • Che risolve i problemi nella maggior parte dei casi

E’ una persona che in team può esprimere attitudini quali:

  • Empatia
  • Cooperazione
  • Supporto verso gli altri
  • Pragmatismo
  • Spirito di servizio
  • Lealtà
  • Attenzione al clima / agli umori del team

E’ una persona che in team può esprimere attitudini quali:

  • Creatività
  • Innovazione
  • Flessibilità
  • Proattività
  • Problem Solving
  • Gestione delle priorità
  • Adattamento

__________________________________________

LA LINGUA DEL PROGETTO.

Giuseppe Di Summa lo trovi nel suo spazio, come ogni sportivo, che è il Palazzetto dello sport.

Lo sport mi assume, come vedi da questa simpatica mascotte, per fare dire bravo a tutti. Come vedi a me tocca vivere tra i protagonisti, spesso guardando le loro performance con il pubblico, non solo spesso, ho il piacere, di raccogliere le confidenze delle persone che fanno parte del mondo dello sport. Molto di quello che si guarda deve avere successo, a chi scrive piace sempre che lo sport sia guardato, abbia successo, stessa cosa faccio come Istruttore Minibasket, è questa la mia filosofia. Amo molto lo sport di ogni paese, so bene che bisogna anche amare a sufficienza quello italiano, spesso i ” tifosi ” si dividono sul merito, di giocatori, allenatori, non si dividono, invece, sono uniti sull’interesse per il proprio paese. Leggerai i ” post ” nel 2020, sulla Filastrocca del Minibasket, in questo blog, capirai il mio percorso.

Ricordati che Giuseppe Di Summa non guida la macchina quindi viaggia spesso con i mezzi pubblici.

TI RACCONTO LA FILASTROCCA DEL MINIBASKET

WWW.FILASTROCCAMB.IT

POWERED BY

Pecunia non olet è una locuzione latina il cui significato letterale è «Il denaro non ha odore».. Per vedere qualcuno leggerlo, per trovarlo simpatico, anche per odiarlo, ci vogliono, ovviamente i soldi. Abbiamo in questa presentazione sia un percorso intellettuale, che economico, per vedere noi, questo progetto. Diamo i numeri, con i quali spesso tutti, non siamo riconosciuti. Il 44 si dice per quello che ho appena scritto che è un numero odioso e felice, fino a qui ci siamo. Il 48 è un numero pratico ed idoneo, fino a qui ci siamo, per arrivare al 51 un numero malvagio, che insegna il bit per bit, cioè un evento ha il suo contrario, soprattutto per questioni di informazione. Il vero numero del minibasket e Giuseppe Di Summa è il 14 fa parte di una terna pitagorica, la nostra terna è diversa ” correre, saltare, camminare “, oppure ” un intervento, motorio, relazionale, terapeutico “. I soldi, i numeri, hanno necessità di conteggio, quindi non trovare odioso il ricorso all’economia aziendale. Potrei dirti che siamo ” iperreali ” non standard dunque, diciamo in tema di parabola, questa presentazione con i numeri, dicono quanto siamo ” stravaganti “, ” eccentrici “, di quali proteste siamo capaci. Ho scelto nella presentazione un ” transito “, sapendo che il punto di minima distanza per il corpo, ha bisogno del tempo, spesso si vede di noi una unica immagine, quella figlia del motto ” il tempo è denaro ” (  scriveva il saggista e filosofo Sir Francis Bacon nella sua opera Essays del 1597), combinando segnali, lingue, di paesi diversi, è la distanza fisica del nostro corpo, che ovviamente emerge, Non basta rilevare quello che ha risonanza nel linguaggio dello sport, quando si usano unità di misura, come il denaro, i kilometri, nello sport, si arriva alla grandezza, potremmo essere mega: dal greco μέγας, megas, «grande».oppure micro: dal greco μικρός, mikros, «piccolo».

un transito – a transit- a transitional stage


Oggi, nella nuova versione della Filastrocca, leggi di questa misurazione ambientale. Per sentire una connessione, dobbiamo come insegna il grounding, saperla ascoltare con tutto il corpo. Quindi prima di iniziare la nostra passeggiata ricordiamo il motto ”  I know in your line of work time is money.” Ovviamente, con questa ” brutta figura “, pensare ai soldi, ai furbi viene in mente di toglierci simpatia, ospiti, testi, divertimento, ma quello con noi non manca mai. Lo sport non merita la calcolatrice, di questo siamo sicuri, nonostante sia dei ” punteggi ” per regolamenti precisi che usano i numeri, a noi continua a piacere ancora il nostro motto, non fare sport per prendersi nessuna cifra, quindi siamo per la lettura e scrittura gratis, di una parte della filastrocca, disponibile online. A molti atleti, vedi chi fa pattinaggio, tuffi, si può dire basta con questi voti dei giudici, caso anche della ginnastica, i medici, sanno come si analizzano i sistemi che ci portano ad un giudizio, quando siamo incerti tra uno in più e uno in meno. Un giudice di gara nella danza, deve essere in forma, potere guardare, tempo, ritmo, posizione dei piedi, correttezza, eleganza, musicalità, stile, anche l’aspetto estetico, si sottolinea sempre che il giudizio rimane come qualcosa di soggettivo. Molti facciamo delle proteste, presentiamo ricorsi, sull’attività arbitrale, ad esempio, chi scrive, invece, è per la massima fiducia, da sempre, in chi ha fatto giudizi nello sport. Tutti abbiamo quello che ci meritiamo, compresa la nostra posizione in classifica, nella ranking list.Il transito nello sport è caratterizzato da uno spazio di sicurezza della sanità, come leggi nel link un posto tranquillo, ricordando che le tecniche di applicazione, ad esempio di un farmaco, di un esame medico, sono garantite dalla casa produttrice. Chi produce il Basket e le sue tecniche è la formazione della Federazione Italiana Pallacanestro, noi possiamo rifugiarci nel più antico sport dell’uomo camminare, spesso usando i piedi, andando a piedi, possiamo combattere l’ansia. Se rimaniamo in una stanza a leggere di come si applica una tecnica, rimanendo fedele, in origine, all’esercizio, sappiamo che subentra un  altro fattore, in noi, oltre alla Federazione, una giusta ed appropriata, già dai tempi della scuola, educazione fisica. Responsabili di entrambi i fattori, tecnica sportiva, educazione fisica, è l’organismo che dirige lo sport, nel nostro caso. Noi possiamo solo sorridere, del suono al cervello, del moderno paziente occidentale, che sbaglia la realtà da leggere, essendo troppo conquistato dalla tecnologia. Il programma dedicato al minibasket è il riassunto della ventennale attività di Giuseppe Di Summa come Istruttore, non è collegato a nessun programma ufficiale della Federazione Italiana Pallacanestro, quando lo scopri come lavoro, devi sapere il fenomeno che in esso è regolato.

Vittoria Facile – Walk – It was a walkover!


Il fenomeno è il suono ed il rumore, che accompagna la lettura del testo, per presentare gli esercizi come Istruttore, molti pensano si possano usare immagini tratte dalle serie tv, per gentile concessione, in modo da spiegarsi con un ” mi piace “. Chi scrive ha dovuto produrre, senza la tv, la radio, il cinema, le serie tv, la spiegazione, la descrizione del suo lavoro, per evitare, che il divertimento, in una normale attività, sia una forma di sofferenza. L’immagine che si presenta oggi, è chiaro che ha una intensità maggiore, quando sarà stata in grado di resistere, nei prossimi 4 anni, risolvendo il problema di apparire in un epoca diversa, pronta al riconoscimento, anche di immagini, non proprie del sistema mass-mediatico ufficiale, ovviamente il contenuto, nel suo concepimento, ironizza sul volume, eccessivo o meno, nell’ascolto del suono, la stanza, la palestra, il palazzetto, non è equivalente alla corsia, in cui un paziente, è in degenza. E’ il percorso per scrivere il testo, divertente, per un bambino, che si sa è chiassoso, rumoroso, il giusto.

Rispondiamo alle due domande :

che cosa farecome fare

Dal 1998 dopo essere diventato Istruttore Minibasket chi scrive ha seguito i corsi di formazione della FIP, quelli previsti per l’aggiornamento degli Istruttori ( condizione di studio obbligatorio della disciplina )

Formazione online

Il progetto e la definizione di un problema come porta da aprire di cui si conquista la chiave.

Mappa ( tracciare ) – Conceptual map – mapped 


La comunicazione, la presenza nei nuovi media, con la rete, sono da legare alla formazione. Hai dunque scoperto il progetto per un problema, che è quello che leggi in questa sezione, riguardante le attività ricreative realmente realizzate. La psicologia allena la mente, la partecipazione allo sport delle donne, la differenza tra sport per grandi, sport per piccoli, le nostre abitudini motorie, i nostri stili di vita, sino a giungere alla qualità della vita, di uno sportivo, sono oggetto delle nostre interviste nel 2020, per un approfondimento dedicato, dal progetto, al nostro modo di intendere una relazione, che non è fatta per la trasmissione in radio, in televisione, in una struttura sportiva, è realizzata per lasciare in eredità, il nostro passaggio, come tecnico, nel senso in cui noi lo intendiamo. Giuseppe Di Summa nello sport non è un tecnico dalla stagione 2019-2020, mi occupo di direzione, diciamo mi dedicherò all’economia aziendale, che riguarda il settore. Tutti sappiamo, che quando la terapia è inadeguata, sorgono delle crisi, non solo, nel tempo il rapporto tra cibo e malattia, si aggiunge, al concetto di terapia adeguata. Quindi la sede dello studio medico, per tutto quello che riguarda concetti sanitari, non può essere sostituita. Il tipo di vita da condurre dopo una malattia, anche se la malattia è quella di un bambino, va seguito da un medico. Il nostro ritmo giornaliero, è altro, è quello della gestione, della organizzazione, aziendale nello sport.

Campagna pubblicitaria- advertising campaign- he replied to my advertisement

Passiamo ora alla dirigenza dello sport. La Filastrocca del Minibasket è tornata online, per sapere che volto avrà tra 4 anni nello sport, questo è il cammino. Il sito web non è un sasso nello stagno, non solo deve vivere il suo tempo completo, essere definito, non è generico, non è il segnale di un giornale, di un periodico, identifica la fonte nello sport, che ha raccolto e trasformato in ” suoni “, i link, i canali di comunicazione, si muove in un confine preciso, che è quello dell’orecchio, dell’occhio, che arriva qui su questo spazio. Questa finestra ha aperto sullo schermo, anche con i nostri muscoli,  la funzione fondamentale di analizzare il suono, in onda in frequenza, su queste argomentazioni. Qui ha la traduzione del pensiero di Giuseppe Di Summa, quando viene trasmesso un suono, si risponde, si seleziona, si crea una mappa. Al profilo la Filastrocca del Minibasket, viene presentata, come a tutti, con una certa intensità una proposta mass- mediatica, di video, immagini, audio. Noi non abbiamo un media-planning, una campagna pubblicitaria, che è spesso quello che sentiamo come suono, nel nostro spazio,  Non vi è un media- mix, il target, rimane quello della prestazione, non inserita in un contesto pubblicitario. L’analisi del media, che leggete, in queste righe, ci porta a sapere, come siamo presenti senza la pubblicità, a noi un’azienda, in questi quattro anni, comunicherà il media brief, il suo problema. Noi il problema del target, il raggiungimento di un pubblico, lo abbiamo risolto, con questo sito web, con questo testo, con questa cartellonistica, quando si tratta di recepire un suono, spesso pubblicitario, dello sport mass- mediatico.Suoni, immagini che non esistono, in una modalità telematica di trasmissione, con un sistema informativo, per un attività ludica di bambini, è un programma concluso, che ha avuto una trasmissione audio e video, con i nuovi canali web, che ovviamente non sono sufficienti, a togliere il suono mass-mediatico, dei network, che ti dicono che non puoi essere così ingenuo nel gioco. Il futuro, che ci attende, non la domanda di partecipazione, per tale attività, i cui iscritti, gentilissimi, ringraziamo per averci ospitato. In economia aziendale, si spiega l’outsourching, in base alla prestazione La filastrocca del Minibasket, affidandola allo sport, cosa possiamo farle produrre sarebbe la domanda. Il manager, la musica lo insegna, serve a dare realtà al suono, che un musicista ha in testa. Sul web, molti sperimentano, anche i registi, dei videoclip, a livello audiovisivo. Vedremo l’immagine che sarà nata entro quattro anni. L’economia aziendale oggi spiega, come sempre, quale sia la creatività del personale artistico e quella di chi progetta reti informatiche.

Le attività – Performed activities- to succeed or not succeed

Come vedi nei video la voce di Giuseppe Di Summa ha riprodotto un suono, per una immagine mancante su Giuseppe Di Summa, che è poi tracciata su una parte del campo, ha apprezzato come immagine, quelli che a lui, nel tempo hanno dato l’esempio, soprattutto gli americani. Nella palestra, spesso ci si scorda che si svolgono dibattiti, si crea spettacolo, s’incontra gente molto socievole, a volte anche i vip. Un servizio, giustamente, considerato indispensabile, per la realizzazione teorica, è quello reso dai docenti. Chi scrive non è insegnante, docente, possiamo dire che qui è un ” gran- negativo “, visto che la reazione ben definita di uno studente, per chi scrive, passa solo per gli insegnanti, docenti, quindi ricordate che non si può essere inseriti, per essere vivi, in questo programma senza non rispettare questa distinzione tra Giuseppe Di Summa Istruttore Minibasket, i docenti, Professori. Sul piano clinico, la lettura, del testo della Filastrocca del Minibasket, è certamente una ricerca a cui ha diritto un’azienda sportiva, seppure, ovviamente, a frasi tipo ” siamo nati per soffrire “, deve rispondere un medico, non un Istruttore. Questa è la distinzione che ci rende operativi, che crea un livello, che riguarda ovviamente le risorse che un’azienda sportiva deve sapere catturare. Siamo a lavoro nei prossimi 5 anni, per una serie di obiettivi da realizzare, collegati al nostro impegno sportivo, dopo avere realizzato l’impegno per bambini, definitivamente concluso. Non si tratta di usare un potere, d’incontro, diverso da quello dell’ E- Book, del sito che leggi, che ha già funzionato con CAMBIO GIORNO il sito web, dove abbiamo messo in rete i nostri incontri online. Anche questo sito web deve giungere al termine inglese a lister for me – un ascoltatore per me, senza nessun impegno su radio, televisione, giornali, che sono esclusi, si tratta di entrare nello spazio di CAMBIO GIORNO, anche con lo sport. Si parte, con zero- input, poi leggendo il sito, con l’E- Book, potrete ottenere il vostro testo, che come blog, lo sappiamo arriverà, non ad un attività di sharing, come ad esempio YOUTUBE, arriverà ad un micro- sito, che è molto privato, nella sua versione, come CAMBIO GIORNO. Quindi nello sport, potrai portare con te, il progetto, superare lo zero, con un carried load, quindi in quattro anni, carried on, il programma sarà trasportato, ancora con aggiornamenti sul web. Questa presentazione si arricchirà di un corso sul problem solving, da seguire per capire, ricordando che chi scrive non ha bocciato mai nessuno, non fa test. Ho scelto il Minibasket per questa frase inglese ” So far the best test . I have checked is Giuseppe’s. Il test di Giuseppe è il migliore corretto fino ad ora. Per me il migliore test, per creazione e sviluppo motorio, è quello rappresentato dalle linee guida della Federazione Italiana Pallacanestro.

Punteggio – Scoring- to get points

Per collocarsi nello spazio, ognuno di noi, deve giustamente, conoscere dei concetti di tipo ” topologico “. Le ” figure “, insegna la topologia non cambiano, sono senza “strappi”, “sovrapposizioni” o “incollature”, il minibasket mi ha dato l’onore di andare anche sulle ” figurine ” il massimo titolo che abbia raggiunto come Istruttore.  Quindi gli spazi possono essere aperti, anche senza essere deformati, cambiati, l’uno in rapporto con l’altro, in modo giocoso e divertente. Un test importante sulle figure è quello di entrare in un campo dove si allenato un re o una regina dello sport, capisci subito che non è cosa per noi, come avere, un effetto psicofisico, soprattutto da neofiti alle prime partite, su un campo da gioco, di allenamento, dove non riusciamo a giocare bene, sono cose che nello sport accadono. Come vedi hai conosciuto una storia. Giuseppe, il bravo ragazzo, rimasto molto legato, come uomo, ad una disciplina sportiva, verso la quale bisogna dimostrare dedizione. Storie da sempre famose, questo è un modo di scrivere, già presente, ad esempio, nel Il giro del mondo in 80 giorni. Succede che ci venga detto di dire 33, lo abbiamo detto, capiamo che quel medico, non si aspetta un batterista, di una band rock, non si aspetta un rivoluzionario come Savonarola, si aspetta per una storia di leggere gli autori, il loro modo di dirlo, di raccontarlo, come gli allenatori, si aspettano da una storia, un lavoro a contatto con una squadra, i suoi tecnici, dirigenti, portato avanti per lungo tempo. Se ti dicono entra in un ” team management ” la storia cambia, ti chiedono come hai lavorato, nella vita, quando hai avuto l’occasione, con gli sportivi, non se sei rimasto dedito a quello che ti faceva apparire un ” bravo ragazzo,Quando giocavo a basket, facevo la preparazione atletica, visto che non ero mai convocato con i grandi, in casa da solo, usando le scale di casa mia. Quindi io per primo conosco la differenza tra sport agonistico, rientrare in degli obiettivi agonistici, con il fare sport solo per il tempo libero. Lo sport, ha infatti, la scala che ne misura lo sforzo. Fare 14km al giorno quasi, per scrive questo sito, di walking, non è stato facile a 47 anni. Come lo hai percepito questo punteggio duro oppure un pò duro ?Soggettivamente buona fortuna nel tuo Resistance training, sapendo che a me per indole piace nella scala il valore molto leggero simile a una normale camminata, seppure lo sport chiede cose impegnative, quindi ” dure “. Per terminare la presentazione di Giuseppe della Provincia di Brindisi dobbiamo arrivare ai saluti. In una scuola, dal 1999 al 2001, sono i miei saluti allo sport scolastico, del quale non mi occupo. Spesso un Comune ha un ” suono “, giustamente, per fare vedere i suoi luoghi, i suoi sportivi, nessuno ha niente in contrario. Se fa canestro, in un luogo, qualcuno che non vedono, anche un canestro, un tiro, spettacolare, passa inosservato.

Coordinate giuste – right coordinates- the part of brain.

E’ chiaro che lo spettacolo della gara, può vivere, può morire, in base ai colpi di uno sportivo. Per raccontare lo sport dobbiamo avere il permesso, io ringrazio la città di Latiano per avermi permesso di farlo, un piccolo giornale politico del Comune dove vivo, una web radio sempre del Comune dove vivo, che mi hanno permesso di esprimermi su di esso, non per il colpo spettacolare, in campo, per la cronaca di un evento sportivo. La performance di Giuseppe Di Summa, dalla Provincia di Brindisi, non è uno spettacolo che ammazza il tuo pubblico, come vedi dai pochi contatti, è un certo modo di fare sport, che merita la prova video, quindi subito devi riconoscere, con la mia immagine, il tecnicismo necessario per stare in campo. Trasmettere un informazione, fare vedere Giuseppe di Brindisi, non vuole dire necessariamente mettere tutte le visualizzazioni, che merita un campione dello sport. Vuole dire togliere, quel suono della scuola, che è semantica, spesso delle cronache televisive, non degli spunti tecnici di un’allenatore, che sono due cose diverse. Abbiamo scelto il modo classico, per spiegare il suono in una palestra, su un campo, che è la cosiddetta ” lettura “, effettuata anche grazie alle linee del coach sulla lavagnetta.  Dicono i grandi coach che oltre alle linee, bisogna ” sudare “, questo non è meno pubblicizzato, anche tra i coach questo è il migliore suono da fare entrare nella mente del giocatore, linea e sudore, gli senti dire spesso. Perchè dite linea ? Per muoversi, correre, non fare fallo, spesso il prodigio, in inglese anche wonder, meraviglia, sa farlo già da promettente giocatore nel settore giovanile. Gli allenatori che ti dicono non ti voglio vedere più ci sono, proprio per il fatto che non sei uno che la pensa così, sei una pensatrice, un pensatore, di cose diverse. Questa classica strategia ti rende play, guardia, etc…anzi risolve certe circostanze, dando realtà alla nostra società di basket.  L’evoluzione nei sistemi di gioco, delle squadre locali, è molto divertente, non solo il coach diventa un operatore pubblico, che ha fatto il suo lavoro, il reddito, il cartellino, di un giocatore da sistemare. Con il classico motto, della Filastrocca, un intervento motorio, relazionale, terapeutico, ti ricordiamo che il medico fa il medico, lo studioso che nota un rapido decremento della popolazione giovanile, quando la quota non serve, ad esempio, a perdere peso, che è un esigenza di chi pratica sport, è proprio lui. Non solo ogni Stato, Provincia, Regione, ha i suoi confini, la sua immagine ufficiale da tutelare, dei modelli regionali ufficiali per creare sport,. Non a tutti piace vivere un incognita, quindi i collegamenti, funzionano con le statistiche, le teorie, che sappiano riconoscere questi modelli.

La parola da ricevere – the word to receive – words fall me

Emerge, in molte zone, come nella FILASTROCCA DEL MINIBASKET, un percorso di differenziazione culturale, che accoglie anche l’emigrazione, che cerca di vivere, di fare sport insieme, tutelando ogni aspetto della diversità. Cosa rispondere se dopo questa presentazione ci dicono ” non ci servi più “. Prima cosa che il mondo ha il suo spazio, la sua politica corrispondente di prezzo, quindi se non vi è un prezzo per noi, non siamo presenti nello spazio. Lo spazio è qualcosa di complesso, da formare sui territori, attività simili al prezzo che lo spazio può concedere. Quindi se noi, nonostante siamo molto economici, non ti serviamo, rispondo solo ” grazie ed arrivederci “. Un’altro problema, cosa diversa, sono gli spazi da garantire quando vi sono disuguaglianze spaziali, per problemi di benessere sociale, quindi dei gruppi già costituiti hanno il vantaggio della ricchezza, al loro interno, altri, invece no. Nel tempo a chi scrive non ha mai dato fastidio costituire un gruppo, un centro, una società, da zero, con poche risorse. Poi il cambiamento, è ancora, possibile quando si guarda il posto in classifica, in questo caso spetta al tecnico, al suo essere precario, la lotta quotidiana con il rapporto tra vittorie e sconfitte. In molti debbono risolvere il problema se vi è una cifra su un campo di pallacanestro, a quale categoria appartenga questa o quella azione, come di legare ad essa, in questo spazio, un’attività che sia un interesse collettivo, come tale remunerato. Attenzione agli effetti delle azioni, su giocatori, allenatori, spettatori, che nello sport producono troppa sofferenza sugli altri, anche se a noi stessi ci fanno raggiungere quella cifra sul campo di basket. Il coach, non è come il docente, che cerca, nella sua professione un incentivo pubblico, seppure deve dare il suo contributo per il divertimento di tutti, per fare trionfare, ad esempio, gli eroi dei fumetti. Dal Gennaio 2020, chi scrive segue la formazione americana nello sport, con il progetto web. Non vi saranno quindi nuovi testi sui di essa, su come in italia si svolge, quello acquisito con i corsi sarà visibile solo con gli allenamenti di Istruttore di chi scrive, non si potrà leggere online, con file, foto, appunti.

Programma digitale – digital program- manual or programmatically

Per quale motivo scegliere una SCRITTURA che sembra strana e atipica ? Bella domanda, certo se la dici ad un microfono, forse non ci torni a dirla, per fare una battuta. Chi scrive non è più Istruttore per motivi di salute, oramai giunto a 47 anni giustamente i bambini gli lascio ad altri, che hanno il fisico per seguirli. La scrittura strana è una cosa che ha in inglese a che fare con il termine ” verbalizzare “. Se vai sul dizionario e trovi la parola, capisci che è record, nella sua traduzione, intesa come scrivere, quindi verbalizzare vuole dire ” scrivere “, se aggiungi, un’altro significato, che è quello di ” minute “, quindi cronometrare, sai che può essere anche questo il senso, proprio per evitare una tua scrittura strana. Ora noi verbalizziamo un sentimento, che è to be in touch for passion of game, quindi è ovvio che cerchiamo il feeling con le parole giuste. Non scritto rimarrebbe tutto solo, non detto, oppure solo orale, per apprendere un linguaggio, scritto e orale, sono molto importanti. Alla scrittura si chiede di essere ordinata, a volte molti pensano si tratti solo di fare un write out, quindi di trascrivere. Nella mia esperienza con la lingua straniera, nella nuova Filastrocca del Minibasket, come vedi nei file PDF, abbiamo anche trascritto, anche se non copiato, come chiunque fa un esercizio per studiare, abbiamo poi scelto la via del libro, di un E-BOOK, anche se per via telematica da conoscere, una nuova strada, abbiamo scoperto che non siamo uno scrittore, uno che può scrivere per vivere. Ho dovuto spiegare quindi come ” vivere ” questa esperienza, visto che quando spieghi cosa fai di mestiere, come ti vorresti guadagnare da vivere, spieghi quale sia, oggi ai tempi del reddito di cittadinanza, il valore di uno stipendio. Lo sport può anche deludere, anche se la passione, fa sapere, che non sei vivo come Professionista famoso, non sei vivo come creatore d’arte, scrittore, sei vivo per altro, visto che lo sport ti fa sentire vivo, è una bella esperienza, è un come rimanere, con questo sito, proprietario delle stanze della propria casa, dove ti senti vivo, ti rilassi, con una bella lettura, anche in uno spazio web. Le finalità : Cultura e progetti adeguati, economicamente, nel rapporto con la ricerca, visti con occhi di chi si trova nella realtà meridionale. Ovviamente un ” Ente pubblico ” può essere chiamato a partecipare, con finalità previste per leggi. Chi scrive non ha richiesto questa partecipazione. L’agire, spiegare la propria ” anima “, appartenere allo sport, vuole dire comunque accettare, senza nessuna protesta, queste doverose forme di partecipazione. Ovviamente se hai visto come l’economia, un medico, scelgono di entrare, amministrativamente, nella tua casa, devi anche sapere, come non si legano le cifre con questa forma di entrata, quando non è consigliabile, quindi ogni tanto è meglio non partecipare, guardarsi un bel film alla televisione. Siamo giunti alla ” pausa ” per i prossimi 4 anni, non scriveremo più nulla, ricordando che per me il suono, per fare svolgere ” creazione e sviluppo motorio ” si mette, deve essere riconosciuto come possibile. Un racconto ovviamente non può essere trascinato in mille problemi, come leggi qui, bastava dare una lettera di presentazione, ad una segreteria comunale, per dire che stiamo fotografando, come quando si manda un sms alla moglie, per presentarsi per una fotografia. Per farsi leggere, non basta regalarsi molti bambini del Minibasket, se chi ha studiato con te non vuole chiamarti dottore. Noi chi siamo, merita una precisazione, di tipo mitologico, spesso chi ci ha lasciato si porta in cielo le chiavi del suo cuore. Buona Lettura ora possiamo consegnarti la lettura in lingua straniera. Ricordando che da adesso, anche io sono ” nuovo ” ho la mia versione, mai prima realizzata, pronta per gli anni duemila., Non vi è traccia di me in nessuna pubblicazione, è il mio debutto, sapendo, come si scrive con il mio eroe da bambino, cioè Ulisse, il punto più alto, è rappresentato proprio dall’anima dell’uomo, quella l’anima, sicuro vuole successo come sempre.

Dizionario prima del 1995- dictionary before 1995- stay behind

Giuseppe Di Summa è esatto ? Non proprio per scrivere chi è una persona abbiamo bisogno dei giornalisti professionisti, come oggi anche dei blogger, non basta essere empatici, avere umanità, essere buoni, per incontrare un pubblico vi sono delle regole, oggi come ieri, dell’industria culturale. Una sola cosa posso dire non tutti siamo simpatici quando addosso abbiamo un incantesimo, un MAGIC SPELL, quindi bisogna stare attenti alle parole, su di noi, come sugli altri, uno non va subito nel CHARM, cioè nel fascino, nel GLAMOUR, cose piene di prestigio, che attraggono, che spesso caratterizzano la donne, più che gli uomini. Buona Lettura ora possiamo consegnarti la lettura in lingua straniera. Ricordando che da adesso, anche io sono ” nuovo ” ho la mia versione, mai prima realizzata, pronta per gli anni duemila., Non vi è traccia di me in nessuna pubblicazione, è il mio debutto, sapendo, come si scrive con il mio eroe da bambino, cioè Ulisse, il punto più alto, è rappresentato proprio dall’anima dell’uomo, quella l’anima, sicuro vuole successo come sempre. Giuseppe Di Summa è esatto ? Non proprio per scrivere chi è una persona abbiamo bisogno dei giornalisti professionisti, come oggi anche dei blogger, non basta essere empatici, avere umanità, essere buoni, per incontrare un pubblico vi sono delle regole, oggi come ieri, dell’industria culturale. Una sola cosa posso dire non tutti siamo simpatici quando addosso abbiamo un incantesimo, un MAGIC SPELL, quindi bisogna stare attenti alle parole, su di noi, come sugli altri, uno non va subito nel CHARM, cioè nel fascino, nel GLAMOUR, cose piene di prestigio, che attraggono, che spesso caratterizzano la donne, più che gli uomini. Come vedi nella copertina, realizzata grazie ai servizi che offre il web, il denaro è ” seducente ” per molti. Giuseppe Di Summa non è un centro minibasket che è un medico, non deve fare risultare in nessuna segreteria materiale preciso per documentazione per concorsi, crediti di studio, ad esempio. Lo vedi ai tempi di quando ero con ” TUTTO SPORT ” nella mente, tipico ” uomo da solo “, che deve sapere come funziona uno spazio aperto dello sport, oggi, non sono un Istruttore – Giocatore, uomo da solo, cioè che tira un rigore, oppure un tiro libero, mi occupo di tanti. Non è l’ottica del ragioniere, che dice che la scuola, vince su una Federazione Sportiva, sposando l’economia aziendale che mi ha conquistato, lo sport resta importante. Giuseppe Di Summa come diritti d’autore è fermo all’anno del suo diploma il 1992. Si verifica nella scrittura di questo programma, la richiesta di domande, per essere intelligenti, risposte per essere saggi, negli studi successivi, di tipo superiore. Non scrivo nulla che non sia un programma per un bambino, senza questa verifica, ovviamente i diritti d’autore dei giovani di oggi sono altri, Perdonatemi una citazione per amore della musica, non per questioni di crescita, capitale, lavoro, tecnologia, che spesso riguardano i diplomi dei contabili, vi prendo di sorpresa, vi ricordo che con me non si può spostare un suono. Ovviamente una scrittura semplice, fatta di domande e risposte, per un bambino, ha la sua utilità sociale. seppure la ricerca è ” creazione e sviluppo motorio “, che ha una prospettiva, cerca una coerenza, nella sua scrittura, per chi scrive non si sposta un suono, con domande e risposte, per scrivere un testo, in una stanza, per questioni di allenamento sportivo, resto allenato, Molti dicono che per vincere un concorso di comunicazione basta dare il tuo ” numero di telefono “. Nel ringraziare il mondo dello sport, precisiamo che un E- Book non è un fac- simile, le domande con cui si comunica, di attività sportive federali e non, appartengono sempre al bisogno delle varie categorie sportive.

Che tipo di studente è ? – What student is he ?- a plan to reduce

Noi ringraziamo lo sport per il suo ottimo lavoro nella comunicazione. Sapendo che è ” utopistico ” risolvere le cause dei conflitti, con leggerezza, dicendo ad esempio, che una cosa seria come un buon matrimonio, si tratta con la leggerezza di un gioco. Ognuno ha le parole e il suo contesto, non solo spesso, sui campi visto che si gioca, si vedono delle simpatiche scenette, verso le quali vale la pena mettere mi piace, senza giurare vendetta, per avere perso, magari immeritatamente, va sempre riconosciuto l’onore agli avversari che vincono. Lo sport è fatto di immagini eccitanti, spesso chi lotta è definito ” guerriero “, oppure ” soldatino “, ad altri viene detto ” lei si prende un calmante ha contro un medico “, oppure ” andatevene da questo paese dite troppe verità “, sono cose giuste, come commenti, osservazioni, a chi si monta la testa. Vi svelo un segreto, per avere una buona trama, ad esempio un ottimo soggetto e sceneggiatura dell’Odissea di Omero, bisogna conoscere il ” trucco “, ad esempio sapere che la narrazione è ” fila “, cioè una serie di elementi, che si susseguono, in ordine, senza fare confusione, per ottenere il testo narrativo. Le conseguenze cognitive di una narrazione emozionale sono altre, a dire il vero, oggi spesso molti nei gruppi, con il corpo, con l’allenamento si emozionano tanto, non fingono, come in un set, questo è il bello dello sport. di certo una fila di automobili di per sè, anche se è una fila, non ha molto di narrativo, neppure di emozionate, al massimo qualche imprecazione per il tempo che si perde nel traffico. Quando ero piccolo, uno degli ultimi giochi che ti descrivo, giocavo a fare il ” palinsesto ” di una tv immaginaria che chiamavo SAN MARINO NETWORK, un idea di satellite ludico e commerciale. Molti direbbero un esempio di home tv per un ” manichino ” molto inanimato. Nel tempo i canali audio, ne sto studiando uno per il mio blog da tempo, sono quelli che capiscono gli ” inconvenienti ” come questo, cioè se ci sono suoni ed immagini che non esistono. Un canale televisivo, radiofonico, è infatti costruito sopra una città, ad immagine e somiglianza del cittadino, deve sapere rispondere sempre alla domanda ” cittadino ma quale cittadino ? “. Qui la risposta è ” io personalizzo ” i miei ” nuovi diritti “. Giustamente chi studia oggi, rispetto a noi, lo fa via satellite, con i social, i Mooc, altre cose tecnologiche importanti, noi ai nostri tempi non avremmo mai potuto sapere il loro ” voto “, non solo dalle risposte passano ai movimenti, vogliono apparire in video su Youtube,  sugli altri social, si animano con la musica, fanno gruppo, proprio personalizzando questo nuovo diritto, delle nuove generazioni, per farlo hanno il docente della loro generazione. Noi ci stiamo zitti a noi ci basta ? Certamente, bisogna avere una preparazione mentale sufficiente, per accettarlo e non fare parola alcuna, secondo chi scrive. Ricordate che questo è un problema di ” adversaiting “, dei social, delle televisioni, di chi fa di questi mezzi pubblicità a livello imprenditoriale ed organizzativo, nel presentarli, noi possiamo solo dimostrare preparazione mentale. Chi scrive non è un pioniere nella pubblicità, non promuove questione pubblica, sa come tutti, che i clienti di un azienda, da un E- book si aspettano la massima soddisfazione, spesso la promessa generazionale dell’essere un docente, che con me non esiste, non solo per chi scrive non si fanno ” forti pressioni ” di tipo pubblicitario, per fare accettare un lavoro. Come tutti dobbiamo accettare che la vendita, in questo caso di un E- Book,. deriva dalla pubblicità, la buona pubblicità che ci siamo fatti con questa presentazione. Noi abbiamo come tutti la critica, se vieni qui sul web, non devi dire queste cose, vi è il personale dei dipartimenti, che giustamente, si occupa di definire l’Impresa Irresponsabile. Un grande studioso dei dipartimenti, dei quali noi non facciamo parte, è in Italia Luciano Gallino, descrive bene il distacco, nel governo d’impresa, tra obiettivi e realizzazioni, un imprenditore cerca chi gli faccia la realizzazione che gli serve. Un proprietario mette la disciplina nell’azienda che lo deve soddisfare, sa resistere alle forme di attivismo, che ogni giorno sono pressioni, di investitori, soprattutto in borsa. E’ l’imprenditore che ha messo un satellite, che non è Giuseppe Di Summa, sapendo fare una riorganizzazione moderna del capitalismo, non tanto nel rapporto con il fordismo, come in molti hanno capito, quanto capendo bene il valore del linguaggio del futuro, che i moderni mezzi telematici sanno creare. Molti imprenditori pensano di di vivere un affare da sogno, di essere i leader di prodotti per la casa del proprio paese, con il quale tutti fanno profitti, fornendo salario, informazioni, come sempre, assieme alla formazione, assumendo per questo ” affare ” i loro dipendenti, questo è rimasto normale, il cambiamento è avvenuto proprio nel nuovo modo di comunicare, grazie ai nuovi media.

lei è musicista / lei è nuovo ?- Are you a musician- Are you new ? – a good mix

Questa precisazione merita di confermare alle imprese la massima stima, ricordando qui il latino  adverso rumore sum = godere di cattiva reputazione, quindi massimo rispetto per le imprese che fanno il loro lavoro. Abbiamo finito, per dire la filastrocca, in modo semplice, senza ” sbadigli “, bastava dire che sul campo di basket vi è una voce registrata, giustamente, visto che le performance precise, divengono oltre che movimento, anche della buona comunicazione. Il nostro slogan è ” sono innamorato di una sfida che si chiama vita “, ricordiamo che lo sport ti dice ” mettiti alla prova “, anche se chi ti ha conosciuto quando non capisci, in un posto non dimostri i vantaggi come coach per la gente, ti può ricordare che come coach, atleta, hai sbagliato i tuoi programmi, dicendoti che hai superato ogni limite. Allo sportivo piace la parola ” change ” , gli piace, portare le sue preferenze, ogni cosa che succede è la scusa buona. Sono i giornali spesso a superare il problema ” non sei carne e non sei pesce “, oppure il problema inverso dove vai ” ti conoscono tutti “, diciamo che non è corretto dire che la gente non è ” nessuno “, visto che noi abbiamo persone famose che si spiegano per noi, quindi molte news rispondiamo ” io non lo so e lei mi sta dando fastidio “. Sappiamo tutti, ad esempio, che la camera di commercio, per sviluppare le informazioni sul turismo, farà le sue interviste, come lo sport, Spesso per molti scrivere deve essere difficile, è un pò come non volere lasciare traccie per il fatto che il marito sorveglia la moglie se ha l’amante, tutti sanno che la domanda di ogni buona coscienza, è da sempre quella ” sapere veramente quello di cui ci si deve preoccupare o meno “. Quando ero piccolo,. ultimo gioco che ti presento, giocavo con i tappi delle bottiglie di succo di frutta, che avevano la bandiera, chi vinceva in metri, aveva diritto al suo messaggio. Tutti facciamo una stima ragionevole, prudente, tra i valori con cui si è componenti di una società sportiva, certamente molto sorridono a chi fa una gara di tappi, il messaggio sarà disoccupato, come stima, non è una sotto- stima, al massimo saranno ” i succhi di frutta ” a volere il tuo impiego. Una impresa genera un’attività che attrae dei finanziatori. gestisce un prodotto solo se gli crea reddito a fecondità ripetuta. Non si interessa di un ” cruciverba ” con il quale conoscere le parole, si interesse di attività che hanno consistenza, ovviamente, come gruppo, si deve accettare questo compromesso quando si propongono giochi, anche divertenti, cogliere le richieste di una domanda di partecipazione. Siamo giunti alla fine, alla risposta ” tu cosa stai facendo “, oppure ” io cosa devo fare “, che dimostrano che Giuseppe Di Summa non fa il docente, quindi i suoi ricordi non sono quelli dell’insegnante. Non è mai esistito esame, oppure concorso, di cui ricordo come questo si possa dire di esistere, nella mia mente, non ci ho mai pensato di farlo. Non solo al tema d’italiano prendevo anche spesso ” 5 ” quindi non è stato facile decidere di scrivere. Tutti siamo stati curati per ricordi nella nostre mente, seppure non si può dire ad una commissione, un titolo, che fiscalmente non esiste. Boccaccio, grande italico poeta, scrive che faremo noi, Il Ninfale fiesolano è un poemetto, dove un giovane s’innamora di una ninfa e ne va alla ricerca, si deve travestire da donna, per avvicinarsi alle ninfee. Ricordate che Di Summa non si può travestire come nessuno per avvicinarsi ad una cultura, molti nel nostro impegno vorremmo essere un mito, un grande campione, poi siamo umanamente noi, quindi la gente ci sceglie per il fatto che siamo umani. Anche noi sostituiamo all’azienda, delle questioni d’amore, queste possono piacere avere successo. Un’altro grande poeta d’Italia, di nome Francesco da Barberino, fece ben 21 documenti per parlare di ” prudenza “. Con questo autore si capisce, quando entra in gioco l’eloquenza, che spiega la bellezza non artificiale, sono esempi di documenti d’amore, altro modo di scrivere, di raccontare, rispetto a quello di Giuseppe Di Summa, che va rispettato chi insegna per amore, soprattutto ai bambini, fa la scelta giusta, lode a lui. Personas famosas / importantes / conocidas del país. Ogni buon programma, di visita, ha la sua parte culturale, come quella aziendale, ecco, chi scrive, Giuseppe Di Summa può avere la domanda – ¿Dónde vive/s? . Quindi la filastrocca del minibasket risponde con Mi bolígrafo es Giuseppe. E’ Giuseppe Di Summa italiano che vive in Puglia, che ha scritto questo progetto/ programma digitale, spesso si dice che non è colpa della bella poesia, se essa non viene letta dagli ignoranti. Con la mia scrittura è diverso, non essendo famoso, per me non si viene in visita, non si ha un finanziamento turistico, con me in spagnolo si conoscono el tema, el problema, quindi sai di cosa si scrive. Tutti abbiamo avuto un ” COMMODORE 64 ” quando eravamo bambini, ci abbiamo giocato, io costruivo muri tutto il giorno. Nonostante questi ” passaggi segreti “, che leggi nella presentazione, non è semplice oggi, nel 2020, fare apparire delle immagini lavorative. Molti sono i ” muri di tipo professionale “.  Noi pacifisti, scrittori pro-globalizzazione, in italiano e inglese, abbiamo apprezzato al caduta del muro di Berlino., 9 Novembre del 1989., si dice che la caduta del Muro fu causato dai giornalisti, per dire l’importanza del ” testo “. Furono quattro giornalisti, durante una conferenza stampa,. a mettere sotto pressione un funzionario tedesco, che si lasciò andare e poi quello che disse accadde veramente. ” I passaggi segreti nella nostra casa “, tra i nostri giochi, sono belli anche, nella città, quando vi fanno passare, transitare, con denominazioni, il famoso transit exit, dei dirigenti pubblici, in inglese i due termini sono entry, exit, seppure le parole dobbiamo trovarle nel portoghese ” seriado “, quindi nella nostra casa, non è facile fare uscire uno spettacolo, quello esce dal teatro, giustamente, consultor técnico, sempre è in portoghese è quello del quale vogliono o meno una consulenza, qualidade de superfície, la qualità del transito dipende però dal volere o meno questa consulenza. Noi proponiamo un E- Book. Non tutti abbiamo la banda, il tappeto rosso, quando transitiamo, non solo spesso fare come i pappagalli, con suoni, rumori, parole, cioè avvisiamo, con il becco, di non metterci il becco, altrimenti, anche con il linguaggio del corpo diveniamo aggressivi. Fare il pappagallo, in italiano, vuole dire ripetere le parole e i pensieri di qualcun’altro, oggi grazie al segnale dei social, è possibile ripetere subito degli infuocati post, non solo spesso possiamo anche fare corteggiamenti, inopportuni e sgraditi.  A noi, con questo avviso, che vale sempre la pensa rispettare nel transito, cogliamo la parola pappagallo, per la fine che fa il suono, delle nostre letture, nella nostra testa, quando deve essere ripetuto. Ripetere meccanicamente a memoria un discorso, un testo scritto e simili, senza però averne colto il senso o la sostanza, vuole dire fare il pappagallo. Noi nello scrivere a America, Turkia, Thailandia, Vietnam, Brasile, Inghilterra, Francia, Indonesia, con le donne, abbiamo cercato di evitare di fare il play boy, catturando il segnale giusto, secondo chi scrive, come insegna la vecchia scrittura, che parte dal concetto di tabula, essa può essere in parallelo con la mente, una tabula rasa, vuota ma pronta alla ricezione.

sound effect- made artificially – words that explain or describe it

La parola da ricevere, senza essere un pappagallo, amando il paroliamo di quando eravamo bambini, è tandem, essere una coppia legata da attività comune, quindi Giuseppe Di Summa può mandarti un messaggio solo per l’attività scritta in questo sito, nella vita non ha niente altro di cui scriverti. ” Correre, saltare, camminare, bisogni primari in una città “, è una passeggiata, promozione della salute mentale, che ha toccato a volte anche i 20 km, come quando si va in pellegrinaggio da qualche parte, bisogna avere una forte motivazione a guarire. L’opposizione è nella qualità della comunicazione sanitaria, nella diagnosi su quello che funziona, sugli scandali quotidiani, che rilevano la qualità spontanea delle notizie, che ogni giorno ascoltiamo nelle nostre passeggiate. A noi è toccata questa parola inglese in sorte non possiamo sottrarci. Una comunità sa promuovere le sue idee sulla salute. E’ diverso nei saluti, entrare in un negozio, dove si promuovono tecniche di vendita, dire, con lo sport, che qualcosa è bello agli occhi, fa bene, per motivi di vendita del prodotto. Essere all’attenzione dei clienti, per capire chi sono i testimoni, passa per la soddisfazione, quindi ” uno fa la sua scoperta, fa una cosa per la prima volta “, con l’esercizio fisico, cosa diversa dallo ” showrooming ” con cui il cliente scopre qualcosa tramite il web, alla pubblicità, sapendo che il prezzo è conveniente. Il problema per la gente è come previsto racchiuso nella parola ” scegli !!”, quindi bisogna sapere fare ” the best choice “, la migliore scelta, sentirsi bene, sia con gli acquisti, che con lo sport. Giuseppe Di Summa spiega per quale motivo sta a ” 3 “. Chi scrive deve possedere del materiale, per noi FORMA SPORT, è il format sportivo, noi siamo al 100% con tre favole Alice nel paese delle meraviglie, i tre Porcellini, Aladino, proprio per il fatto che nessun allenatore dobbiamo scrivere, siamo nel mondo della filastrocca del Minibasket, creato ad hoc per questo, per evitare di fare pubblicità che non piaccia ad un Preside, per dire quello che va di moda nel nostro paese, l’Italia, che si deve dire che è bellissima, non ci sono numeri e testi per gli allenatori, quelli devono scrivergli loro, non noi. Scomparire dietro una porticina, chiedere la mano se si è ricco, pensare come entrare in una casa, magari calandosi dal camino.. Sono tutti argomenti di una prospettiva spesso eroica, quindi che ogni generazione accoglie, dandole un senso. Sarebbe strano invece che al posto di queste tre favole vi sono una prospettiva catastrofica, per la quale, storicamente, non vi fosse nessun senso, se si scrivesse per un bambino quello che fa un allenatore, non un raccontatore di favole come l’Istruttore, ricordando che sono i tre Porcellini a volere costruire da soli, una casa, più solida e resistente, quindi questa parola ” solido “, quindi ogni bambino impara che si cresce acquisendo dagli errori un comportamento nuovo. Ora chiudendo abbiamo le coordinate giuste, come se stessimo giocando a battaglia navale a scuola durante le ore di buco, per individuare un punto, sulla superficie terrestre, per tornare a sentire la radio e la televisione, in modo corretto, con la comunicazione che interessa a noi, che scritta in questa presentazione appare di certo nel canale giusto, se sai cercarla, prima senza questi passi, ci saremo trovati davanti altro, abbiamo un bel cannocchiale, spesso bisogna guardare bene i punti della scrittura ” inaccessibili “, per una mancanza di accoppiamento, in questo caso Di Summa non può essere accoppiato con un allenatore, quindi per la lettura corretta, si calcola la media di quelle letture che sono state la congiunzione di queste due lune, cioè l’Istruttore e l’Allenatore.

Pubblicato da cambiogiorno

Un progetto web concluso ed archivato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...