Etre instructeur de minibasket

Sport
Il faut être du côté des enfants, il est clair que dans les parcours de formation et d’éducation des plus jeunes, ces derniers sont reliés à l’instruction qu’ils reçoivent, l’école valorise capacité et habilité, les transforme en connaissances. Il semble donc évident que nous connaîtrons aussi un enfant qui aime lire, ou bien apprendre les tables de multiplications. Ici c’est l’école qui a rempli son rôle, l’école intervient mieux avec sa formation. Par la suite, le sport saura également faire la même chose, soit créer en partant des habilités, des compétences, qui seront les connaissances d’une discipline sportive.
Clip

Le rôle de l’entraîneur.

– L’instructeur est dans la dimension du jeu, c’est-à-dire dans le parallélisme entre l’élément studieux qui : observe, élabore des hypothèses, expérimente de nouvelles solutions, et les actions d’un enfant qui joue : observe, élabore des hypothèses, expérimente de nouvelles solutions.

Quoi faire ?

1- Les exercices

L’expérience motrice doit correspondre à un « vécu positif ». Les espaces, les temps, les instruments disent que l’enfant, au sein de ce gymnase, est capable de savoir faire assez de choses, avec fair play, il manque souvent cette connaissance de sa santé et de son bien-être, qui influence l’activité.

2- Le jeu

Le schéma classique qui consiste à se présenter et faire voir des jeux ne fonctionne plus si on ne comprend pas le « pourquoi » du jeu. L’élément commun est le jeu, qui doit savoir s’adapter à l’enfant, en sachant que nous devons encourager pour un résultat ludique-formatif et non technico-tactique.

Le modèle du minibasket devrait :

Soigner l’aspect des choses qu’ils doivent savoir ;

Ce que je suis en train d’apprendre et quand j’ai besoin d’habituer les enfants à utiliser leur tête

Faire attention à la compétence et à l’apprentissage technique en sachant qu’il y a abandon s’il y a trop peu d’espace.

Comment l’instructeur doit aider l’enfant ?

En lui permettant d’acquérir des connaissances utiles

Le conduisant à apprendre des habilités qui sont nécessaires pour pratiquer le minibasket

Le faire s’emparer des meilleures connaissances pour jouer un match

Savoir enseigner avec une théorie et une méthodologie des activités motrices et sportives, en sachant très bien que l’éducateur sportif, qui travaille avec les enfants dans le cadre de l’introduction au sport, bien souvent ancien athlète par choix des clubs, doit savoir utiliser toutes les raisons spontanées liées au jeu et au plaisir de bouger.

Coaching con Nico Delfine.

Sport

“Change is promoted by questioning the usual software of our mind activated in the life experience”

foto bari con nico delfine

Il percorso del 2018 con Nico Delfine di Giuseppe Di Summa lo puoi ascoltare nell’audio qui sotto.

Per cortesia devo dirti che non è sempre lì, a Bari, come vedi nella foto, ma che ci siamo trasferiti, per il coaching a Oria, nel 2017, a Latiano e Francavlla Fontana, nel 2018.

La Carta di Toronto per l’Attività Fisica e l’importanza dello stile di vita attivo

Sport

La Carta di Toronto e l’importanza dello stile di vita attivo, è una linea guida a livello internazionale, invita ad approfondire il problema dell’inattività fisica. Cosa ne pensi?

L’attività fisica promuove il benessere, la salute fisica e mentale, previene le malattie, migliora le relazioni sociali e la qualità della vita, produce benefici economici e contribuisce alla sostenibilità ambientale.

Tutto vero che l’attività fisica promuove il benessere, lo sperimento sulla mia persona e sulle persone con le quali mi relaziono. Il benessere significa stare bene, soddisfatti, sentirsi bene, capaci, stare in forma, sapersi relazionare,. Quindi si tratta di un benessere fisico perché permette di avere uno stile di vita in movimento e salutare. Si è sempre pronti a mettersi in moto, cambiare rotta, riprendersi e recuperare. Si tratta di una salute fisica e mentale, perché fisico e mente sono in relazione, corpo e mente funzionano insieme, sono alleati, se sta bene l’uno l’altro sta meglio, le due parti hanno bisogno di sperimentare benessere insieme, se sei disposto a metterti in movimento sei più propenso ad affrontare problemi, situazioni, persone. Ti senti più sicuro, coraggioso, fiducioso. E’ vero che produce benefici economici, perché più fai attività fisica e meno ti ammali e più sei produttivo al lavoro e nelle relazioni familiari e amicali. E’ vero che l’attività fisica contribuisce alla sostenibilità ambientale, sei meno propenso a usare mezzi inquinanti come macchine, ti sposti a piedi per brevi o medi tragitti e in bici per tragitti più lunghi, lo sperimento sulla mia pelle e c’è anche una certa sintonia con altre persone che praticano attività fisica, quando ci si incontra ci si saluta perché si è complici nell’affrontare la fatica che diventa amica perché aumenta la consapevolezza delle proprie capacità e risorse e si raggiungono sempre più obiettivi impegnandosi fisicamente e mentalmente.

La Carta di Toronto per l’Attività Fisica diventa un impegno comune dal lontano 2010, un punto di riferimento per tutte le nazioni del mondo fatte di persone e istituzioni, di famiglie e scuole, di lavoratori che insieme ognuno con il proprio impegno, può contribuire a una società e collettività migliore, meno malata, più propositiva.

L’attività fisica diventa un grande investimento per tutti, per le persone, istituzioni, collettività. Una palestra per promuovere corretti stili di vita e un addestramento alla vita per un futuro migliore, più consapevole. L’attività fisica rende più maturi e responsabili.

Le persone devono essere messe in condizioni di fare sport a qualsiasi età e con ogni modalità e in ogni contesto, dai luoghi di lavoro alle scuole. Uno sport per piccoli e grandi, per persone con qualsiasi difficoltà, deficit, disabilità. Ognuno deve essere messo in condizioni di poter fare un’attività fisica individuale o di gruppo.

http://www.globalpa.org.uk/charter/download.php

Lo sport, il suo insegnamento, e la raccolta di indicazioni scientifiche, come comportasi secondo te?

Ognuno in base al proprio ruolo e competenze può essere protagonista e veicolo di trasmissione informazioni, esperienze, nozioni, insegnamenti di attività fisica o può indirizzare a persone, istituti, scuole. Già nelle famiglie bisogna cercare di spostarsi dalle zone di confort come i divani e scrivanie e frequentare luoghi all’aperto per giocare o muoversi. Iniziando nelle famiglie il percorso diventa più facile nelle scuole dove ragazzi e genitori possono chiedere programmi di attività fisica adatti alla loro età e al contesto di vita e gli insegnanti possono coinvolgere gli allievi in lezioni pratiche e teoriche di attività fisica, allenamento, valori e regole.

L’esperienza dell’allenamento alla luce della promozione dello sport nelle scuole, quali sono le differenze, tra palestra e coach, con la scuola e il maestro/l’insegnante?

I ragazzi devono avere dei riferimenti che all’inizio sono i parenti prossimi come fratelli, cugini, genitori, zii poi le persone di riferimento possono diventare insegnanti o allenatori a scuola o frequentando corsi o scuole di un qualsiasi sport. Bisogna spiegare dall’inizo ai ragazzi la progressione nello sport dal gioco al benessere, dagli infortuni alle sconfitte, dallo sport amatoriale e quello professionistico. L’insegnamento deve comprendere non solo l’allenamento fisico ma anche i fattori inerenti l’aquisizione di conoscenza corporea, anatomica, fisiologica, l’aquisizione di forza mentale, padronanza delle proprie sensazioni ed emozioni, quindi affiancare ad allenatori, tecnici, coach, anche psicologi, medici dello sport, fisioterapisti.

Si parla dello ” sgobbone ” nello sport, di chi è felice di fare fatica, di allenarsi, come arrivare a questo cambiamento?

Come tutte le cose e come in tutti i campi c’è sempre il rischio di esagerare, di investire troppo nello sport, di isolarsi, di coltivare troppo un unico orto, di farsi male, di essere imprudente. Per questo dall’inizio è importante affiancare più multidisciplinarietà nell’attività fisica per spiegare cosa è bene e cosa è male, quali possono esser i rischi, come alimentarsi, come avere a disposizione una via di fuga, un piano B, come distrarsi, come recuperare, cosa può succedere negli anni.

A cosa tieni, specialmente, che si conosca della realtà di oggi sull’argomento Movimento, sport, salute?

La prima cosa è che non dobbiamo rimandare come al solito, non possiamo aspettare di andare in congedo dal lavoro per dedicarci allo sport ma dobbiamo da subito coltivare la passione dello sport e a ciò si ha bisogno di comprensione nei contesti di vita delle persone come le famiglie e gli ambienti lavorativi, bisogna far passare il messaggio che lo sport aiuta le persone a stare bene fisicamente e mentalmente e quindi permettetegli  e agevolateli nella pratica di uno sport, la persona starà meglio e di conseguenza staranno meglio le persone che si relazioneranno. Inoltre agevolare l’uso di strutture e impianti sportivi soprattutto per ragazzi e persone che non lavorano e non possono permettersi ingressi in impianti e strutture sportive. Comuni e istituzioni devono prevedere spazi e tempi a costi moderati, ridotti e anche senza spese. Altro aspetto importante può essere la flessibilità per esempio degli orari di lavoro che permetterebbe a persone di praticare uno sport in alcuni giorni della settimana facendo un orario lavorativo diverso in modo che il vantaggio sarebbe anche per il traffico nel senso che si diluirebbe l’afflusso delle persone nei luoghi di lavoro negli stessi orari intasando strade, paesi e città. Permettendo flessibilità di orari si snellirebbe il traffico e le persone possono viver più ora meglio senza aspettare l’età pensionabile.

Matteo SIMONE +393804337230 Psicologo, Psicoterapeuta

Home

http://www.psicologiadellosport.net/

https://ilsentieroalternativo.blogspot.it/

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Vittorio Brandi alle Olimpiadi

Sport

vittorio brandi tedoforo

 

La fiamma è un simbolo dei gioco, cosa hai da dire in merito a questo emozionante evento, le olimpiadi, avendo per due volte portato la fiaccola, una cosa magari inedita, tra i tuoi ricordi, della quale non hai parlato molte volte ?

Quella fiamma sprigionata prima dalla fiaccola Olimpica di Londra 2012  e ultimamente PyeonghChang 2018 ha un “rumore” che parla di tanti valori da condividere soprattutto con i giovani. Ti da un’energia particolare e senza fine.

46474528_330305837762299_67009654550429696_n

Tu sei portavoce anche dell’importanza sociale dello sport, come pensi gli sportivi famosi, nei vari sport, assieme ai loro fan, possano aiutare il mondo dello sport, soprattutto a farsi portatore di valori come il fair play ?

Le stars dello Sport prima o poi con il tempo tramontano, è importante che durante la loro carriera lascino segni tangibili attinenti il fair play, il rispetto delle regole e siano apertamente contro a qualsiasi forma di doping.

46501677_920763441450298_4413875969555693568_n

Hai anche deciso di affrontare con un libro il mondo dei lettori, cosa ti piace nello scrivere un libro, il tuo mondo sportivo è diventato più grande, oppure sei rimasto solo legato agli sport ove hai condotto la tua esperienza ?

Scrivere un libro è un viaggio raccogliendo delle testimonianze importanti a livello umano e condividendole successivamente, una sorta di staffetta ideale con la torcia Olimpica nel quale ognuno lascia il suo messaggio di sport dalle varie discipline e di vita.

46501946_2188783744724978_9124489215252365312_n

Guardando dentro, ad esempio, il mondo del olimpico, il concetto di pace è molto importante, ad esempio nel 2008 per proteste pro- Tibet, a Parigi a Parigi è stato annullato l’intero percorso della fiamma olimpica, tu come hai vissuto questi percorsi, hai conosciuto persone importanti per la pace ?

Le Olimpiadi PyeonghChan 2018 rimarranno alla storia perché hanno disinnescato un grande conflitto bellico su scala mondiale. Lo Sport, le Olimpiadi non saranno mai sopraffatte da odio, guerre e divisioni di ogni sorta.

46523789_255166625175322_2666759796975206400_n

Quali sono i tuoi impegni futuri ?

Più che prossimi impegni inizia a ripresentarsi la speranza in un altro grande sogno chiamato selezione come Tedoforo per le Olimpiadi di Tokio 2020. Nel frattempo sono in cantiere diverse presentazioni istituzionali del mio ultimo libro 300 Battiti Ed. Wip di Bari la prima delle quali sarà a Tricase per il prossimo 30 novembre grazie al prezioso supporto di BlogConnection Agency. Vi aspettiamo numerosissimi.

 

 

Mindfulness per lo sport

Sport

Nel mio lavoro di psicologo e mental coach mi trovo spesso a lavorare con sportivi che hanno bisogno di imparare a gestire le loro emozioni ed i pensieri che accompagnano tutti i momenti di una gara, dalle fasi di allenamento all’evento vero e proprio. La mindfulness li aiuta ad ancorarsi al momento presente, sviluppare la giusta concentrazione e gestire lo stress in modo efficiente in qualsiasi situazione, dentro e fuori dal campo.

La maggior parte degli atleti infatti, in previsione di una gara, investono gran parte del loro tempo e delle loro energie ad allenarsi per migliorare la propria forma fisica e le proprie abilità sportive, uniche per ogni disciplina. In molti invece sottovalutano l’importanza della giusta preparazione mentale per esprimere al 100% le potenzialità personali.

Molti sportivi infatti non riescono a dare il massimo in gara a causa di fattori psicologici legati ad ansia da prestazione, mancanza di fiducia in se stessi, paura di fallire ecc.

In generale possiamo affermare che chi pratica sport sa quanto lo stress incida negativamente sulla performance. Approcciare una gara carichi di aspettative, magari troppo elevate, sentire la pressione di dover portare a casa una vittoria per non vanificare mesi di duro allenamento o la tensione proveniente dalla paura di essere giudicati negativamente in caso sconfitta sono solo alcuni dei fattori che possono portare una atleta ad avere una performance scadente.

Alcuni sportivi, dopo aver fallito sul campo, iniziano a focalizzarsi esclusivamente sui propri errori e sviluppano la paura di poterli ripetere in futuro, cominciando a vivere con ansia il tempo che li separa dalla prossima gara, certi di fare un’altra pessima figura.

Praticare la mindfulness aiuta questi atleti a concentrarsi esclusivamente sul momento presente in modo non giudicante, liberandosi dalla tensione generata da una mente costantemente proiettata nel passato o nel futuro. Ma andiamo per gradi e cerchiamo di capire cosa si intende con questo termine.

Mindfulness è una parola inglese chepuò essere tradotta in italiano con consapevolezza. Si tratta di una pratica di meditazione scientifica sviluppata dal biologo americano Jon Kabat-Zinn negli anni ’70 ma che affonda le sue origini nell’antica tradizione meditativa buddista che risale a più di 2000 anni fa. Il suo scopo è insegnare alla mente un modo alternativo di gestire pensieri, emozioni ed impulsi. Attraverso la meditazione, infatti, è possibile interrompere quegli schemi automatici di comportamento che ci portano a re-agire nelle situazioni di vita (e nello sport) e sviluppare una maggiore consapevolezza del momento presente.

Perchè praticare la mindfulness è importante per gli atleti?

Innanzitutto perchè aiuta a ridurre i livelli di stress.

Uno studio pubblicato sul  Journal of Health Psychology dimostra come questo tipo di meditazione porti ad una drastica diminuzione del cortisolo, l’ormone dello stress. Attraverso la mindfulness l’atleta impara ad approcciare le situazioni stressanti in modo distaccato, senza lasciarsi coinvolgere emotivamente dai pensieri generati dalla pressione a cui è sottoposto in quei momenti critici. Imparando a defondersi dal chiaccericcio della mente riesce a restare calmo e rilassato, una condizione ottimale per ottenere una buona performance sportiva.

La mindfulness aumenta i livelli di concentrazione dell’atleta.

Meditare aiuta a restare connessi al momento presente, l’unico in cui possiamo agire per modificare una situazione. Durante una partita, infatti, è importante essere concentrati su ciò che sta accandendo in campo senza lasciarsi distrarre da pensieri di qualsiasi tipo. Prima di colpire una pallina da tennis o calciare un rigore la mente dev’essere focalizzata esclusivamente sul gesto atletico. Niente deve distrarci, ne la folla sugli spalti, ne i nostri pensieri. Per raggiungere questo stato di concentrazione è necessario dedicare alcuni minuti al giorno, dai 10 ai 20, alla pratica della meditazione sul respiro, un esercizio durante il quale all’atleta è richiesto di restare focalizzato esclusivamente sulle sensazioni del respiro che riempie e svuota il proprio corpo. La consegna è di riportare l’attenzione al respiro ogni volta che un pensiero ci distrae. In questo modo il nostro cervello impara a prendere consapevolezza sempre più velocemente del vagare della nostra mente e rifocalizzarsi.

La mindfulness aumenta la consapevolezza di Sè e del proprio corpo.

La meditazione è un viaggio all’interno di se, che ci aiuta a scoprire i nostri punti di forza e quelli di debolezza aiutandoci a sviluppare una maggiore capacità introspettiva. Una maggiore consapevolezza delle nostre capacità si trasforma in una migliore autostima, qualità indispensabile per un atleta che deve affrontare ogni giorno una sfida contro se stesso e gli altri per migliorarsi nel proprio sport. A questo si aggiunge un miglior rapporto con il proprio corpo. La mindfulness ci aiuta ad entrare in contatto con ogni fibra dei nostri muscoli, a comprendere il modo in cui ci muoviamo nello spazio e come reagisce il nostro corpo in determinate situazioni di stress. Tutte queste informazioni aiutano lo sportivo a migliorare il gesto tecnico e a gestire meglio le emozioni a livello fisico.

Inoltre la mindfulness aiuta a sospendere il giudizio nei propri confronti (e degli altri).
Smettere di giudicarsi aspramente dopo una partita andata male o per un allenamento saltato aiuta a ridurre i livelli di stress e ad entrare in un ottica di problem solving piuttosto che di semplice critica distruttiva. Meditare aiuta a guardare le cose da diverse prospettiva ed in maniera distaccata. Un errore o una cattiva performance non è più vista come un fallimento ma come un’opportunità di miglioramento.

Per concludere possiamo dire che la mindfulness rappresenta un modo di vivere ed approcciare la vita (non solo la gara) e non un semplice insieme di tecniche per migliorare la prestazione sportiva. Gli studi scientifici sull’argomento sono in continua crescita e migliaia di psicologi in tutto il mondo hanno iniziato ad insegnare questa forma di meditazione scientifica non solo ai propri atleti ma anche ai propri pazienti per aiutarli a superare ansia, attacchi di panico, stress e depressione.

La mindfulness è esperienza e non può essere compresa leggendo un semplice articolo. Quindi non vi resta che sperimentarla sulla vostra pelle.

Antonio Antefermo

sito web : https://www.antonioantefermo.it/

Annamaria Fantini – Intervista.

Sport

Grazie Annamaria di essere qui con noi.

Tra le attenzioni oggi che deve avere un coach di basket, quali ritrovi più importanti, anche confrontandole, con quando giocavi tu, cosa è che ti fa stare dietro alle tue ragazze, che col tempo capisci, è una cosa importante, una regola a cui non rinunciare ?

Le attenzioni che oggi un coach di basket dovrebbe avere verso i ragazzi e ragazze sono molteplici: ognuno ha sensibilità diverse e molteplici interessi che li portano a vivere questo sport con varie intensità. Bisogna avere pazienza, cercare di trovare la chiave giusta per ottenere fiducia e rispetto. Poi bisogna farli parlare ed ascoltare.

Parliamo di te, come ha appreso il basket, quali pensi siano le capacità importanti, anche alla luce dell’esperienza americana, con la quale penso tutti i coach si confrontano, come è il tuo rapporto con chi ti ha insegnato la pallacanestro oggi ?

Credo che alla base di tutto ci sia la PASSIONE, ed è la cosa più importante che mi ha insegnato per primo la pallacanestro, ovvero Lupo Giordani: la passione muove ogni cosa, ti fa prendere aerei, ti fa parlare con gente sconosciuta anche domandando, forse, banalità; la passione ti fa chiamare persone a qualsiasi orario per domandare di un esercizio ed è la stessa che ti fa andare a vedere allenamenti di persone che sanno spiegarti come allacciarsi le scarpe da un’altra prospettiva. Giordano Consolini è un maestro che mi ha fatto vedere la pallacanestro nella sua assurda semplicità.

Ti vediamo in diverse foto sui social in un viaggio tra il basket americano, i consigli che ti senti di dare a chi vive con te qui in Italia, ora nel 2020, le partite di basket, oltre all’importanza delle persone, dei record, che crea la NBA nel mondo, qualcosa che hai fatto tuo in quel viaggio ?

In quel viaggio con Stars Camp (devo ringraziare sempre Richard Lelli e Simone Pierich per l’opportunità) è stato stimolante vedere quanto il lavoro negli USA sia improntato sul lavoro individuale, sull’esaltazione del singolo in un gioco di squadra incentrato sull’1c1 con e senza palla. In Italia si parla sempre dell’importanza dei fondamentali, ma ci piace anche che le nostre squadre giochino “bene”: dobbiamo essere bravi a non perdere tempo in cose poco importanti. Ho imparato che più si diventa bravi e più ci si diverte, questo lo tengo sempre in considerazione.

In che squadra alleni in questa stagione, quali sono gli obiettivi, che ha rapporto hai con giocatrici, società, tifosi ?

Questo è il secondo anno che alleno le giovanili femminili della società Hellas Basket Cervia, la società dove sono cresciuta. La cosa più difficile per me è stato il rapportarmi con le ragazze: ho sempre allenato nel maschile e certe dinamiche sono davvero diverse. Tuttavia mi hanno aiutato a capirle, ho cercato di allenare per appassionarle e per far loro conoscere questo sport da diverse angolazioni. Gli obiettivi? Migliorare e diventare le migliori giocatrici possibili.

Tra le azioni di chi gioca oggi una partita, cosa pensi sia importante, da fare nostro, come educatori, tecnici, per spingere l’atleta a farlo suo ?

A livello giovanile credo sia fondamentale la SCELTA giusta, applicando il gesto tecnico adatto. Far passare questo messaggio credo sia importante.

La Romagna offre grande basket, grande spettacolo al pubblico, dando lo sguardo al passato di grandi tecnici, come Bucci, recentemente scomparso, cosa ritieni oggi sia utile, all’intero movimento basket, per tornare a raggiungere dei risultati a livello internazionale ?

Credo che sia importante che ci siano società solide, con dirigenti che permettano di lavorare con programmazioni a lungo termine e che abbiano chiaro che bisogna fare il bene dei ragazzi: per avere al centro i ragazzi e la loro crescita ci vogliono tecnici preparati, appassionati e pagati adeguatamente per il loro impegno.

Sul blog Cambio Giorno abbiamo sempre una domanda dedicata alla cucina. Cosa ti piace mangiare ?

A me piace molto la cucina romagnola, ma pizza e sushi sono spesso sulla mia tavola.

Nel chiederti i tuoi progetti per il futuro ne approfittiamo anche per farti gli auguri per un felice 2020 !

Il mio futuro? Sono ambiziosa e desidero migliorare, perciò lavoro per essere sempre più pronta a vivere la pallacanestro al meglio delle mie possibilità. Ma essendo anche insegnante di scuola primaria, non ti nascondo che ho scritto diversi libricini per bambini che mi piacerebbe pubblicare!

Ringrazio per questa piacevole intervista e auguro a tutti un felice e sereno 2020 all’insegna dei miglioramenti e dei sorrisi dati e ricevuti.

Il minibasket in cartella.

Sport

CARI ISTRUTTORI MINIBASKET “CERCATE” DENTRO DI VOI!

Far giocare i bambini, giocare con i bambini è difficile, dobbiamo essere in grado di capirli, di educarli, di emozionarsi con loro e di sorridere. Per me è una grande soddisfazione continuare a crescere dentro e diventare più giusto, vero, gentile, attivo, competente. Cercavo la forza e la sicurezza al di fuori di me, ma le ho trovate dentro: sono sempre state lì. Cerchiamo! Possiamo farlo tutti, svolgendo il nostro lavoro quotidiano in palestra come meglio possiamo. Io svolgo il mio lavoro con passione e amore, credo in quello che faccio e sono sempre in cammino.

Prof. Maurizio Mondoni

Il libro del Prof. Maurizio Mondoni, dedicato al minibasket, che presenta giochi e proposte per una lezione minibasket. Un libro sul quale abbiamo chiesto all’autore di esprimere in poche parole, una chiave di lettura, in modo da evidenziare le ” finalità ” per educatori, associazioni sportive, nella speranza di cogliere il ruolo importante del minibasket. Come ricordare a tutti che bisogna essere consapevoli del proprio ruolo, quello di Istruttore, con parole di oggi, con le quali dire che è bello insegnare il gioco.