Gli anni della musica

“PAUSE . Music Extra Lounge” : Divina Kills in concerto.

“PAUSE . Music Extra Lounge” ospita, venerdì 24 maggio 2019, Divina Kills in concerto. 

“PAUSE” è la nuova rassegna firmata ARTEN e curata dal direttore artistico Andrea Rizzo, al qualeXL Bar ha affidato la propria programmazione musicale. 

In musica, le PAUSE sono segni grafici che rappresentano precisi momenti di silenzio, il cui valore di durata trova corrispondenza nel valore di durata del suono. Detto in altri termini, un orecchio particolarmente educato all’ascolto sarà in grado di apprezzare pause e suoni con pari sensibilità. 
Nella vita, PAUSE vuole essere un invito, forte e chiaro, a riprendersi il proprio tempo, riappropriarsi di una dimensione da dedicare all’ascolto di se stessi e di ciò che sfugga alla frenesia quotidiana. 
Del silenzio, in primis… 
…e poi, tra una pausa e l’altra, della buona musica, magari. 

In questo caso, ad esempio, quella delle Divina Kills, entusiasmante rock band tutta al femminile composta da Elena Indigo (voce e chitarra acustica), Christine IX (basso), Serena Pascali(chitarra elettrica) e Maria Elena Galasso (batteria). 

Divina Kills è una band nata dal desiderio di condividere la passione per la musica e ripercorrere le atmosfere spensierate e giocose del passato. 
Il gruppo propone in chiave rivisitata i successi rock e alternative pop degli anni ’80 e ’90. 
Un viaggio coinvolgente, alternato da sonorità potenti come quelle degli AC/DC e atmosfere penetranti ed intime come quelle di David Bowie e dei Depeche Mode. 
Brani mitici che hanno fatto la storia come “Billie Jean”, “Heroes”, “I love rock’n’roll”, “What’s Up”… e tanti altri! 

Lo spettacolo inizierà alle ore 21:30 presso XL Bar, al civico 28 di via Luigi Sturzo a Lecce, e sarà ad ingresso libero. 

Direzione artistica: 
Andrea Rizzo – ARTEN 
www.facebook.com/ARTEN.events 
arten.events@gmail.com 
+39 347 4417421 

Info e prenotazioni: 
XL Bar 
www.facebook.com/XlbarLE 
Via Luigi Sturzo, 28 – Lecce 
+39 327 941 3115

Gli anni della musica

Ancora un POP- Leone Marco Bartolo


Ancora un POP, un osceno oggetto musicale di un insolito cantautore. 9 canzoni, 2 poesie ed una gag sonora automobilistica per descrivere mediante un pop/folk retro e citazionista il percorso musicale di Leone Marco Bartolo, cantore della tradizione siciliana, bandista di giro, compositore teatrale e, almeno per questa volta, cantante pop. Si sfiorano innumerevoli generi, dal reggae-ton al son cubano in una sorta di biglietto da visita musicale che nasce da una totale e ricercata auto produzione. Tre testi nel disco (Super Circus, La donna cancro e Don Chisciotte) sono firmati da Giovanni Epifani, paroliere salentino, finalista al Premio Tenco, che ha scritto, tra gli altri, per Alla Bua e Mascarimirì. Altra autrice, di scuderia Einaudi con all’attivo due pubblicazioni (Smamma e Mariti), è la scrittrice Valentina Diana, presente con il testo del brano Devo ricordarmi. Le collaborazioni negli anni di questo anomalo ed eclettico musicista spaziano in maniera apparentemente incompatibile e convergono prepotentemente in questo disco: la Banda Vincenzo Bellini di Longi, Andrea “Pupillo” De Rocco dei Negramaro, la compagnia teatrale Principio Attivo Teatro, Claudio Miggiano (co-fondatore di Officina Zoè), il bluesman siciliano Marco Corrao e il chitarrista Daniele Vigna (anima dei primi Alla Bua, curatore delle “Lezioni di tarantella – Puglia” di Eugenio Bennato e creatore dei Petrameridie). Il primo singolo, forte di migliaia di visualizzazioni, è il brano corsi, concorsi e ricorsi, facilmente rintracciabile su youtube, brano spiritoso ma dal forte sapore polemico, irresistibile anche in video, una sequenza di rime in italo-siciliano sulla precarietà nei nostri tempi. Scelta coraggiosa quella di includere nella playlist due reading poetici, brevi ma che lasciano il segno, grazie alla voce e alla scrittura del poeta, attore e regista Giuseppe Semeraro (in scena nel premio UBU 2004 “Cinema Cielo” di Danio Manfredini e creatore dello spettacolo premio EOLO 2010 “Mannaggia a Mort!”). Leone Marco Bartolo, in definitiva un cantore, un musico, un instancabile improvvisatore e calcolatore di momenti musicali di singolare espressività.

Leone Marco Bartolo racconta il brano ” Bolero Vecchio di Venti Anni “. E’ un brano presente nel mio ultimo disco “Ancora un Pop”, visto le mie esperienze fin da bambino nelle bande (ho suonato anche nella banda dell’esercito, durante la leva) ho coinvolto la banda del mio paese (Longi, Messina) in questo folle reggaeton duettando con Ras Pepy, un mostro sacro del reggae siciliano. Il brano parla delle collaborazioni umane, il fatto che tutti gli umani veniamo dall’Africa, in fin dei conti, dovrebbe farci sentire più uniti e collaborativi e, si spera, mai razzisti o culturalisti.

Gli anni della musica

Come l’ultima volta- VENTURELLI

il nuovo singolo
in radio dal 17 maggio

VENTURELLI

“Come l’ultima volta”

il nuovo singolo
in radio dal 17 maggio

Matteo Venturelli è un songwriter polistrumentista DJ attivo dal 2011.

Collabora in studio con Rudeejay & Da Brozz per i loro brani e remix.

Come autore ha scritto il brano “Come ad agosto”, singolo estivo di Marvin con Universal Italia.

Oggi presenta il suo nuovo singolo ‘Come l’ultima volta’, brano tratto dall’EP ‘Lenti Colorate’ in uscita il 17 maggio.

Come scrive l’artista: “Come l’ultima volta è un brano che racconta la paura di affrontare l’amore. Il pensare troppo e il non riuscire a vivere le emozioni di un amore che comporta mille problematiche, può portare ad una grande confusione interiore. Ho voluto esprimere in questa canzone il fatto che forse, a volte, sarebbe meglio lasciarsi andare e vivere un amore come meglio si crede, senza limitarsi dalle circostanze sfavorevoli o dai pensieri negativi, seguendo ciò che ti dice il cuore come se fosse il tuo più grande amico. Non è cosi semplice, ma penso che solo così si possano superare gli ostacoli che una persona porta dentro. Vivilo questo amore, “come l’ultima volta” che ti sei sentito libero

Instagram:

@ilventurelli

Mastering: am-pro.org

Label: AM- Records

Edizioni: ITALSOFT SRL

Management e production

www.am-pro.org

Mailamlabcenter@gmail.com

Gli anni della musica

“PAUSE . Music Extra Lounge”

/////////////////////////////////////////////////////////

“PAUSE . Music Extra Lounge” è la nuova rassegna firmata ARTEN e curata dal direttore artistico Andrea Rizzo, al quale XL Bar ha affidato la propria programmazione musicale.

In musica, le PAUSE sono segni grafici che rappresentano precisi momenti di silenzio, il cui valore di durata trova corrispondenza nel valore di durata del suono. Detto in altri termini, un orecchio particolarmente educato all’ascolto sarà in grado di apprezzare pause e suoni con pari sensibilità.
Nella vita, PAUSE vuole essere un invito, forte e chiaro, a riprendersi il proprio tempo, riappropriarsi di una dimensione da dedicare all’ascolto di sé stessi e di ciò che sfugga alla frenesia quotidiana. 
Del silenzio, in primis…
…e poi, tra una pausa e l’altra, della buona musica, magari.

Ad esempio il venerdì sera, secondo il seguente calendario di concerti:

Venerdì 10 maggio

MINO DE SANTIS- Canzone d’Autore

Venerdì 17 maggio

PAST & FASUL -Swing

Venerdì 24 maggio

DIVINA KILL-SFemale* Rock

Venerdì 31 maggio

LES TROIS LÉZARD *Folk Tadjiguin Revival

Venerdì 7 giugno

GOOD MOANING- Psychedelic Folk

Venerdì 14 giugno

BENJAMARANu- Soul | Funk


Direzione artistica:Andrea Rizzo ♫ ARTEN



Gli anni della musica

CESARE DELL’ANNA: TARANTAVIRUS JAZZ NIGHT

quando elettronica, musica tradizionale e jazz si fondono

COMUNICATO STAMPA

CESARE DELL’ANNA: TARANTAVIRUS JAZZ NIGHT

quando elettronica, musica tradizionale e jazz si fondono

Tarantavirus è costante ricerca, espressione di ritualità salentina che si trasforma e si rinnova in un progetto unico e pieno di fascino in cui l’elettronica e la musica tradizionale si fondono con sonorità fino ad oggi ancora mai esplorate, il jazz. L’improvvisazione e la sperimentazione protagonisti dell’ennesima evoluzione del progetto Tarantavirus, indimenticabile concerto realizzato il 21-12-2012 al “Livello Undiciottavi – La Casa della Musica” di Lecce che verrà pubblicato mercoledì 20 marzo 2019 in free download su www.cesaredellanna.itSotto la guida di Cesare Dell’Anna, trombettista già fondatore di Opa Cupa e GirodiBanda, si sono alternati sul palco alcuni dei più significativi e apprezzati musicisti italiani della scena jazz contemporanea, da Gianluca Petrella e Roberto Ottaviano Fabrizio Puglisi e Giovanni Guidi, da Zeno De Rossi, Marco Bardoscia e Gianfranco Salvatore a Redi Hasa, Rocco Nigro, Andrea Doremi e Giuseppe Oliveto. A completare l’ensemble la partecipazione di Enza Pagliara, Irene Lungo, Rachele Andrioli ed Emanuele Licci.

Tarantavirus, con già tre progetti discografici all’attivo (‘Techno-pizzica’ con George Lapassade e Piero Fumarola, 2002 – ‘Lu_ragno impoverito’, 2007 – ‘Lu_ragno arricchito’, 2009), vede confondersi i suoni tipici della tradizione salentina e dei riti che l’accolgono ed insieme la istruiscono e diffondono, ai beat caratteristici della musica elettronica, in un’orchestrazione unica che riesce a tener conto delle influenze contemporanee e metropolitane, della musica popolare e delle sonorità urbane, creando un mix speciale fatto di pura ricercatezza in chiave visionaria.

L’album rappresenta la diciannovesima produzione dell’etichetta discografica indipendente 11-8 Records e verrà pubblicato mercoledì 20 marzo 2019, non a caso l’equinozio di primavera in cui la notte ha la stessa durata del giorno, così come gli stili che si fondono e confluiscono nel nuovo lavoro di Cesare Dell’Anna. Uno spettacolo che restituisce libertà alla musica rimuovendo qualsiasi etichetta e pregiudizio di genere per confluire in tredici composizioni che ricercano un modo speciale e viscerale di comporre e vivere la musica, di ascoltare, apprezzare ed amare le sue infinite quanto inimmaginabili sfumature.

In Tarantavirus si ritrova e si apprezza la confluenza di suoni e ritmiche nuove, la sperimentazione artistica nelle più varie contaminazioni di genere, dal jazz all’elettronica passando per la musica tradizionale e popolare salentina e del Sud Italia, scomposte minuziosamente e ricomposte dai singoli suoni dei dodici musicisti e delle quattro voci meravigliose presenti sul palco. Un concerto reso indimenticabile dalla partecipazione straordinaria di Grant Marshall aka Daddy G dei Massive Attack, protagonista quella notte di uno speciale aftershow iniziato proprio sulle note conclusive della settima edizione live del festival Tarantavirus.

L’artwork dell’album è stato realizzato e curato dall’artista Fabrizio Fontana, autore della meravigliosa opera fotografata in copertina da Giulio Rugge“Tarantavirus Jazz Night”, la nuova creazione di Cesare Dell’Anna, sarà disponibile da mercoledì 20 marzo 2019 in free download su www.cesaredellanna.it

Gli anni della musica

Giulia Pratelli – Penelope –

Giulia Pratelli è una cantautrice toscana, che cui ascoltiamo con la canzone Penelope, la sua carriera è iniziata nel 2008, il suo ultimo album s’intitola ” Tutto bene “. Ho scelto di farvi conoscere una sua canzone, dal titolo ” Penelope “, in una versione acustica, a mio avviso molto bella, lenta e che va adagio, come il personaggio di cui parla.


Guarda il video della canzone ” Penelope “