Blogging

Chi non " farfuglia "

Scassato, con delle parole da aggiungere mentalmente, in un blog, essere raffreddato verso il pubblico. Come si usa oggi una ” voce ” di protesta, un social, un blog, se non si dice nel proprio stato che ti senti ” raffreddato ” oppure ” scassato “. Noi abbiamo scelto la via della gentilezza, lottiamo dalla tentazione di essere topic, con gli hashtag, cioè parlare quante parole ne parla il web. Il poeta, invece, con le sue lettere, sull’amore gentile, sulla cortesia, è sempre gradito riesce a far riprendere a palpitare la platea, cattura, la gente.

Blogging

La produzione del testo ( l'idea della vita come sensazione addosso ).

Le parole sono migliaia quali scegliere ?

Photo by Alexas Fotos on Pexels.com

Cambio Giorno deve fare qualcosa per trovare le ” cose grandi “. Il lettore deve essere raggiunto e convinto, è in preda alla tristezza, considera le posizioni assai diverse, è fiducioso di leggere il legame tra esercito e storia, un modo di dire che gli studi svolti sono poi riconosciuti dai titoli. Noi ci facciamo riconoscere con questo titolo, un modo di dire buon viaggio e felice ritorno in CAMBIO GIORNO, che è un nome che non ha una storia burocratica, è alle prese con la pubblicità, il suo modo di scrivere un ritorno d’immagine, se vuoi provare cosa sia un saggio, che spiega cosa sarà concerto, rivista, programma radio e tv, queste sono, come scrittore, delle dure prove, visto che la star di radio e tv ci tiene al pubblico. La persona molto importante e Giuseppe Di Summa non si conoscono, noi facciamo nostro Leopardi, che ricordava, che tutto giorno si dice e lo si fa sinceramente, capita che a qualcuno non venga in mente cosa voleva dire, non è una bugia che Giuseppe non dice le parole di persone importanti.


Rendilo un grande giorno

Dobbiamo lottare contro la ” debolezza “, spesso ci consoliamo dicendo che il mondo è ” una gabbia di matti “, non solo se il testo è misterioso, diciamo subito al ” lettore vorrei ma non posso ” cioè rendere quel giorno, un grande giorno. La scrittura è prevista da regolamenti. La prima regola è che il lavoro è vita per lui, la seconda è che si viaggia molto in gioventù, nella vita ovviamente troviamo chi rema contro, chi non vuole farti partecipare, quindi arrivano i poeti, che scrivono delle belle della scuola, del quartiere, quindi la poesia ci fa prendere parte a sentimenti altrui. Il poeta accetterà la missione, anche senza la fissa del regolamento, del titolo burocratico, quindi il successo, la sua prova, non è nell’ignoto, nel crudele, nel procurare strazio fisico e morale. Il giorno deve diventare grande, capace di fare notare quello che pulsa, che ha tessuto la vita, dell’uomo, non solo eroico, quindi avventure, menzogne, diventano trame, seppure il pubblico non è ingenuo, non si commuove solo con il poeta. Uno shock, un conflitto, rende affaticato, indisposto, quindi il poeta deve farlo sentire ” un essere umano normale, “, spingerlo, ad esempio, a mangiare bene, a tutti, in modo rassicurante, ricordiamo di abbandonare l’atteggiamento del paziente alla ricerca di risarcimento, visto che alle ferite dell’anima, si risponde con ” personalità “, anche se la poesia ti seduce, con voce, con testo, che ti ricorda l’amore, spesso l’atto sessuale, ricordandoti la bellezza di un viso sereno, che non si sente triste e solo nella vita, ricordandoti che l’uomo non si loda da solo. Il poeta ha scelto spesso di dare fiducia a chi viene detto ” noi non la vogliamo “, ti ispira a metterci qualcosa di buono nella vita, di scrivere ad un giornalista, per dire che ” condivide “. Poi la dura prova è avere detto ti voglio bene con malizia. Quindi presentarsi come latin lover, colui che possiede l’arte di amare, che fa cascarci tutti, qui la poesia è poco indicata.

Noi il poeta, il grande Neruda, scomodiamo, sperando di fare cosa gradita :

Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno. Né il primo né l’ultimo. L’unico.
(Pablo Neruda)

Ricordati che vi è differenza tra il poeta che scrive l’amore, con il linguaggio che ci parliamo tutti, che ci scambiamo, che è quello che è nella ” routine ” di ogni giorno, nella nostra mente. Poi qualcuno si perde, in qualcosa di diverso, con le parole, in qualche termine astruso, di ricerche impossibili, la realtà inizia a diventare incomprensibile, lo spingere via, il nascondere sia le parole dell’amore, come quelle che ci parliamo tutti, da rendere chiare,non è possibile. Ogni giorno lottiamo per la nostra cultura, con concetti famosi in tutto il mondo, sapendo che lo psicoanalista, ha trovato la via per spiegare il nostro conflitto. Carl Jung una volta disse che “Siamo tutti nati originali e moriamo di copie”.  Siamo illusi che il poeta sappia essere quello di originale di noi, anche per cultura, non solo la copia burocratica, un titolo, un numero, un documento.

L’idea di mettere delle parole ” addosso ” per fare vedere che non si ha l’esperienza di una materia, per fare spazi audio e video, non è originale, seppure nella trasmissione le radio, le tv, hanno bisogno degli spazi che creano i progettisti, riconosciuti da finanziamenti, diritti televisivi, ascolti, che creano audience, che hanno bisogno del legame tra esperienza e materia per essere creati. Dipende come rispondiamo alla domanda ” cosa vogliono “, non possiamo fare il racconto di un usurpazione di tale spazi, il blog deve riconoscerli, nella visione del nostro scritto, non siamo una comunità, una rete, resa armonica, ovviamente, dalla visione commerciale. Noi siamo connessi, nella rubrica nella sezione blogging, di Giuseppe Di Summa per il nostro orientamento, indipendente da calcoli dell’economia. Quali sono le parole di ” oggi “, quelle che scegliamo dalla nostra memoria, dal passato, immagini ad esempio del 1923, spesso chiuse in un ottimo nascondiglio, che come i fantasmi, si cercano, ad esempio, Mussolini appare in una copertina del ’23, in una fiera campionaria con il Re, il giornale è la Domenica del Corriere. Nelle parole di oggi, non sempre queste immagini si possono sentire. E’ il 1999 quando il Corriere della Sera si occupa del rapporto dei Sindaci con i graffiti sui muri, quindi nelle città appaiono quelle parole di oggi, in modo anche spontaneo, anche se si riflette sul rapporto tra arte e vandalismo. Quindi alla nostra memoria, oggi ci dà delle parole, la storia, che come vedete è piena di dibattito sullo stile di scrittura, Le nostre espressioni nascono, comunque a dire il vero, anche da chi ha vissuto quel 23, che non tiene come ricordo in un nascondiglio, che subito per quello ha voluto coniare parole nuove di oggi. L’espressione “mondo libero” risale al celebre discorso di Fulton (Missouri, Stati Uniti) pronunciato il 5 marzo 1946 al Westminster College da Churcill. Un solo consiglio stiamo attenti a non dire quelle parole, poetiche o meno, che si sono vissute con le immagini di quel ’23.

Blogging

Presenza letteraria.

Photo by Luis Quintero on Pexels.com

Come quando entri in un libro, ti aspetti di leggere di un vecchio personaggio, dei classici, invece, ne hanno scritto uno giovane, inizia la tua delusione.Poi, leggi, ci pensi, non ti riempi di immagini sui testi, parti da zero ed il ” nuovo ” potrebbe averti conquistato. Il Guardian ha chiesto allo scrittore tedesco Heinz Helle di mettere insieme un elenco dei più odiosi personaggi di romanzi. Sono personaggi che lottano contro i loro impulsi ( ad esempio il tradimento della fidanzata ).

I grandi protagonisti, riconosciuti,da Giuseppe Di Summa, nel suo piccolo sono : POLLICINO chiamato anche con il nome di Buchettino, Pollicino (Le petit Poucet) è una fiaba di Perrault, pubblicata nel 1697 anche se il tema è l’odiosa carestia.1885, Allan Quatermain : un uomo d’azione.1933 DOC SAVAGE : l’uomo di bronzo.Il dibattito, su quell’uomo, che appare nei classici, lo chiude Zorro, apparso il 9 agosto 1919, che significa volpe, astuto, un uomo furbo e scaltro.Comunque, il grande scrittore, per la cronaca ha scritto ” L’uomo nuovo.” è di nome fa Aleksandr Solzenicyn. Si parla di allievo e studente che vanno oltre i programmi scolastici, in uno dei tre racconti, che narrano anche di donne e contadini. Bisogna sempre avere il massimo rispetto dei contemporanei, quando si parla, si legge e si scrive di loro.

Blogging, Parlare e dire di politica

Lettura : Democrazia in America.

Photo by Sharon McCutcheon on Pexels.com

Cose che nessuno ha mai detto, spesso poco popolari, ci portano fuori traiettoria,noi dobbiamo fare parte, come cavallo vincente, della cultura occidentale. Un grande filosofo, che è molto attivo, come pensiero, tra i ricercatori è Alexis de Tocqueville. Nel testo l’autore riflette sui pericoli a cui questo paese è esposto. Propone l’importanza dei costumi per il paese. E’ sempre stato simbolo di prosperità. Tutti come corpi politici, non solo in occidente, sono chiamati quotidianamente ad un giudizio politico su questo paese. Giuseppe Di Summa ritiene gli Stati Uniti d’America primi in classifica, sono un repubblicano convinto, non sono uguali a noi italiani, sono un popolo più grande, con tante cose sotto i loro occhi. In America esistono vari tipi di televisioni famosa è la CBS (Columbia Broadcasting System),  Per noi che siamo vissuti con Dallas, Dinasty, I Robinson, i Jefferson, Hazzard, Magnum P.I, la tv americana è importante. Ci sono circa 1.200 stazioni televisive negli USA. Il 72% delle famiglie guarda la tv via cavo. Vi sono due nomi della CBS, che la dicono lunga su come è entrata nella vita della gente, uno appunto che dimostra come gli USA hanno tutto, quello che gli riguarda, sotto i loro occhi,visto che la CBS è detta ” Eye Network “, seppure per la sua programmazione elegante, d’alta qualità, è chiamata anche ” rete Tiffany “. Il risultato di una televisione di questo genere non sembra difficile a spiegarsi, una grande televisione, che spesso ha commosso tante persone rendendole quasi simili, sullo schermo, in quello che ascoltano con le proprie orecchie. Tutti abbiamo le tecnologie oggi che abilitano una comunicazione interattiva, per restare agli argomenti del nostro blog, non solo la tecnologia di rete è capace di dare al mezzo televisivo un nuovo linguaggio e una nuova estetica. Esiste nella definizione televisiva la rete definita ” stracittadina ” a km zero, di solito un emittente regionale, locale, che è la televisione americana ha reso intelligente, quindi a delle imprese, che finanziano, si garantiscono con delle dirette delle riprese. Tutti si legano a Facebook, che come social, è importante a tutti per sapere presentarci i nostri amici.

Blogging

Lo spazio.

Photo by Pixabay on Pexels.com

Oggi tutto passa per il collegamento ” via satellite “. Lo spazio è uno scambio continuo di dati, con delle reti, che ci mettono in connessione. noi scriviamo come blogger, abbiamo bisogno di scrittori che presentino come la loro immaginazione è divenuta scrittura, di critici che ci spieghino i generi, di giornalisti che ci presentino la comunicazione. Noi nel nostro piccolo possiamo commentare la facile impressionabilità di un temperamento creativo, per usare FITZGERALD, chi lo ha voluto usare su di noi, sappia pure, che nel GRANDE GATSBY, l’autore realizza la sua scrittura, dopo essere stato apprezzato e rifiutato, nel corso del suo cammino di scrittore, Tutti sappiamo oggi con i social, quando vediamo ricomparire qualcuno nei post, quanto qualcosa ” ci piace “. Possiamo localizzare qualsiasi oggetto, anche quello ” comunicazione “. L’interconnessione crea uno scambio di dati, che ovviamente si prendono da uno spazio, vediamo nelle statistiche quello che ci piace o meno, che ci interessa. La prima rilevazione, del blog, CAMBIO GIORNO, è che al SUD, la popolazione a rischio di povertà sale al 45%, Quindi per molti non è semplice raccogliere, scambiare il materiale, visto quello del quale ci si deve privare quotidianamente. Non abbiamo una superficie giovane, nel 2016 la nostra età media era, in Italia, di 82 anni. Sono questi i due numeri statistici, che ci portano a riflettere, sul successo degli spazi, in connessione, soprattutto sui social. Anche se la vera missione di una comunicazione di questo tipo è di farci vedere quello che non sappiamo vedere, Arrivano altri dati, che riguardano CAMBIO GIORNO. L’industria editoriale italiana, nel 2018, dati AIE, segna un meno 0.4%. Dati del 2018 : gli italiani che hanno letto un libro lo scorso anno sono 29,8 milioni su il totale di 60,59 milioni. Il GLOBAL MUSIC REPORT 2019 DI IFPI, mette in evidenza, come se la passa in questa epoca di comunicazione digitale, anche il mercato discografico. Il mercato discografico italiano ha registrato nel 2018 un fatturato di 228 milioni di euro, in crescita del 2,6% . Concludiamo le nostre statistiche, in epoca di connessione, con lo sport, con una ricerca EUROBAROMETRO sullo sport e l’attività fisica risultato di interviste, fatte nei 28 paesi membri, nel 2017. Questo è il risultato :  7% di sportivi regolari e del 40% che pratica sport o una forma di attività fisica almeno una volta la settimana, il 46% degli europei è totalmente sedentario

Blogging, Media

SPECIALE NATALE.

In molti paesi scrivono a Babbo Natale, In Canada, ad esempio, è stato predisposto un apposito codice postale per le lettere indirizzate a Babbo Natale: H0H 0H0 . Giuseppe Di Summa e il suo indirizzo sono molti i codici che non usano per scrivere, sappiamo che un testo non sempre arriva a destinazione, ad esempio, il nostro compito ” motorio, relazionale, terapeutico, “, dell’E- Book, dal titolo ” La filastrocca del Minibasket “, non è stato consegnato ancora a nessun indirizzo, con codice postale, quindi rimane un testo che non ha ancora conquistato i bambini. Siamo sicuri, invece, che il codice di Babbo Natale, il suo cap, sia molto attivo. Vi ricordo che esiste anche il codice delle visite mediche, anche quelle da un buon medico chirurgo, dove chi vuole imporre la sua comunicazione, potrebbe essere in agguato, non è il nostro caso. Abbiamo spiegato cosa sia un testo, in un intervista, chiesto di leggere e spiegare la propria scrittura, inserendosi nel Natale, che ha il suo percorso di invio di lettere, di mail, il cui copyright va riconosciuto a Babbo Natale.

Vi presento la programmazione, ottenuta usando la mail CAMBIO GIORNO, inserendo il codice di avviamento postale del Natale 2019. Stiamo ancora lavorando per voi per completare la programmazione.

INTERVISTA AD ANTONIA FLAVIO

INTERVISTA A VERO BABBO NATALE

Intervista a Malusa Kosgran

ROBERTA CANU INTERVISTA GIUSEPPE DI SUMMA

PAOLA RAMBALDI – BRISA

INTERVISTA A ROSANNA CASTIGLIA

PRESENTAZIONE LINK LE RICETTE DI IRENE

LILIANA MARCHESI CAVIE

Su CAMBIO GIORNO come al solito, quando si tratta della mia scrittura per bambini, ci sei anche tu Babbo Natale, in Inglese.

BABBO NATALE ” CI PUOI CREDERE ” HA IL PIANO MIGLIORE PER IL NATALE.

Esempio di texture – struttura – nel senso ci consistenza del suono della voce musicale, che è consistente quando sa creare il ” feeling ” giusto.

” Santa Claus have a letter for a kids. For say peace, house, music, and happy holiday ” ( Babbo Natale ha una lettera per bambini. Per dire pace, casa, musica e buone vacanze )

Remember this voice ? The question is Christmas and this holiday is topic for a kids. The argument is happiness and the scrpt is a value of a letter to Santa Claus. ( Ricorda questa voce? La domanda è Natale e questa vacanza è argomento per bambini. L’argomento è felicità e lo scrpt è un valore di una lettera a Babbo Natale )

Abbiamo anche il francese per gli appassionati del TESTO.

Le père Noël a une lettre pour les enfants. Pour dire “paix, maison, musique et bonnes vacances”. Il se souvient de Noël ? La question est Noël et ces vacances sont des prétextes pour les enfants. Le prétexte est le bonheur et le script est une valeur d’une lettre au père Noë

Santa Claus có 1 lá thư dành cho trẻ em. Chúc các em có một mùa giáng sinh an lành trong ngôi nhà ấm cúng của mình, âm nhạc – traduzione dal Vietnamita : Babbo Natale ha una lettera per i bambini. Ti auguro un felice Natale nella tua accogliente casa, musica

Grazie a YOUTUBE alla letterina a Babbo Natale, alla scrittura raccolta, dedichiamo una canzone ” sul tempo a cui credere al Natale “. Si tratta di una canzone sul feeling natalizio che ho scelto tra le tante.

Blogging, Media

A Natale su CAMBIO GIORNO

Photo by bruce mars on Pexels.com

UNA SENSAZIONE OTTICA DEL NATALE. CAMBIO GIORNO E IL NATALE 2019

Dal giorno 8 Dicembre arriva lo speciale dedicato dal blog al Natale, con interviste, notizie, messaggi di saluto. Il Natale non è uno spazio in molti Comuni, se non cura gli affetti, rinsalda legami. Spesso, suona per le vie la musica natalizia, si rappresentano scene, soprattutto della religione cattolica.

Photo by Kristina Paukshtite on Pexels.com

CAMBIO GIORNO, non è Scrooge il ” supereroe ” del Natale, che rappresenta delle bellissime scene, da sempre molto apprezzate. Una inimmaginabile torta di mele spolverata di zucchero, per usare Dickens in Canto di Natale, che il vecchio avaro non sa apprezzare, seppure come arriva Scrooge versione buono arriva il denaro per tutti, ci si scorda pure di come ha trattato il suo impiegato. Nel testo si coglie benissimo l’effetto dell’arrivo del Natale, nel cuore di noi umani, grazie all’aiuto di un prezioso spirito, che rimane un fantasma, che nessuno può vedere ed ascoltare, tranne Scrooge, quindi lo spirito del Natale, nel libro di Dickens si alza.

Photo by Public Domain Pictures on Pexels.com

Con noi arriverà sempre il clima del Natale e gli auguri. Uno speciale che è un ” regalo ” per i nostri affezionati. Sapendo che il bambino, si aspetta da Babbo Natale, ad ogni sua battuta un modo per potere essere sereno e ridere. Feste serene siano, in modo che nella vivere la sua festa dicendogli noi adulti, è tuo il Natale, è tuo il Natale, il bambino sia capace di dirlo a tutti il suo ” spirito natalizio “. lo si dica tutti, come fa Scrooge, per la felicità, dopo che si è convertito, dicendo che ” ama la vita e la via lo ama “, Un augurio e che si possano così tornare a vivere giornate di ” buon umore “, con dolci e canzoni, fare coincidere, per una volta, con l’aiuto degli educatori, il suono della strada, con quello della casa, augurandosi partecipazione nella festa. Pace e felicità, speranza, tradizioni tutte presenti nella città, grazie anche ad un buon Sindaco, che dolci, canzoni, film, non fa mancare, a nessuno, per una volta quello che viviamo in casa, sia rappresentato nelle vie colorate del Natale.