The program “La Filastrocca Del Minibasket

cropped-disegno-bimbosport.jpg

The program “La Filastrocca Del Minibasket.

”We should often remember that even the United Nations recognized for children “the right to rest and leisure, to engage in play and recreational activities that are typical of their age and the right to participate freely to cultural and artistic life “. Many of them  should be involved in the idea of ​​participating in a Summer Camping. It should not be a surprise for them to spend the summer playing since, already in  the Middle Age,  “Early Summer Games” were practiced, even if they did not follow any kind of regulation. Today the summer camps are used to discover archaeological sites but also sport. Let them play a game:  Minibasket. Minibasket is for  children between 5 and 11 years, whether they are creative, introverted, extrovert, weak, tenacious, male or female. They will have to face physical, technical and tactical maturation. Who is the student? The child who chooses to practice Minibasket on his purpose. We must therefore take care of the children’s dream and their emotions but we can not work by considering  our experience only, we must avoid the mistake of creating an inadequate context  too. The Instructor should not  be a sad teacher but someone who can stimulate the knowledge of Biddy Basketball. He  must know how to distinguish the emotions of the child from those of the adults, accepting a role, in which we must be ready to question ourselves.

What to teach and what is important to learn?

– a motor learning – forming the personality – motivate in school learning

Learning means to develop:

– Affective Area

– Body Area

– Social Area

– Cognitive area

How to carry out our intervention.

Trying to create collaboration with institutions, first of all the school, which,  together with the companies sports, can ensure that you do not give space to the investment of “so much money”, even if we need it, and give the possibility of educating and training.

It would be appropriate to find a leader, perhaps a professional in motor activity, a graduate in physical education, but also young collaborators who want to share solidarity, friendship and passion (we  have an interest together).

We try to enhance what the child has lived, to make his desire for movement also

possibility to play and communicate.

It should be remembered that it is with the daily practice that we can  verify and improve what the children already learn during  winter,  both in the classroom and in the gym.

MOTOR ACTIVITY.

My choice was  “creation and motor development”; everyone has their motor project. When they I have  followed men or women team sports, sports such as basketball or football, staying with adults, I have lacked basic motor activity.

Nous apprenons des enfants.

always gds

Quand je rentre dans la salle de sport, la première chose qui me vient à l’esprit est de contrôler mon groupe, de voir combien ils sont, s’ils semblent ennuyés, s’ils sont nerveux etc…

Cela ne suffit pas de préparer sur une feuille le programme de la session d’entraînement (c’est bien de le faire) il faut aussi l’adapter à l’ambiance qu’il y a ce jour-là dans la salle de sport.

L’ENFANT DOIT SE TROUVER AU CŒUR DU JEU et ne pas le subir passivement.

Notre tâche, comme tous ceux qui mènent tous types d’activités éducatives, n’est pas simple. C’est pourquoi, dans un premier temps, je cherche à mettre en évidence l’aspect psychologique du rapport enfant/instructeur.

Un instructeur a été un enfant ou mieux, continue de l’être.

Le développement des capacités motrices est sans aucun doute lié à la maturation du système nerveux.

Le développement psychomoteur va de la tête aux pieds; l’enfant apprend à contrôler d’abord les muscles des lèvres, puis les muscles oculaires, les muscles du cou, des épaules, du tronc, des jambes et enfin des pieds.

C’est un explorateur qui découvre ses propres mouvements à travers ses relations avec les autres.

Le jeu/sport minibasklet doit tenir compte du développement et des étapes de croissance de l’enfant. 

Nous commençons par avoir affaire à des enfants qui ne savent pas lire ni écrire et nous les quittons lorsqu’ils savent désormais (on espère) lire et écrire correctement.

GDS COPERTINA

EDUCATION MOTRICE 

L’adulte doit éduquer l’enfant et doit donc prendre ses responsabilités. Une mauvaise leçon de minibasket  produit des dégâts et des tensions. Soit l’enfant idolâtre son instructeur, soit il se met contre lui soit il l’ignore.

L’éducation motrice est l’ensemble complexe d’actions et d’occasions intentionnellement programmées et réalisées (pas d’improvisation) pour permettre à tous d’atteindre le maximum de son propre développement.

Le sujet de l’éducation motrice est l’enfant considéré dans toute son unicité, sa complexité et sa totalité.

Elle se réalise à travers des interventions scientifiquement fondées qui guident et orientent sans façonner et conditionner et qui sont guidées par une programmation éducative, didactique, et structurées selon des objectifs, des moyens, des contenus, des méthodes, des sessions de contrôle et d’évaluation.

Nos raisons

Dans le sport il y a les endroits où aller, où rencontrer les stars, les athlètes, où transmettre sa philosophie. Ces derniers, c’est-à-dire les grands joueurs, nous enseignent qu’il ne leur arrive pas toujours des messages d’encouragements et d’estime. Il y a en effet beaucoup de critiques. N’en parlons pas si le joueur ne marque pas, dans le cas du football, ou bien si le gardien de but prend des buts.

Dans chaque bonne formation on sait qu’il faut faire une “confrontation” entre le modèle de l’instructeur et celui de l’élève, ici vous lisez mon modèle, aux prises avec les comportements qui ralentissent l’inspiration théorique initiale, légitime et formel. Nous verrons donc ensuite où nous serons arrivés, avec cette confrontation.

Nous, que pouvons-nous faire ?

Bien travailler sur les capacités motrices comme on dit souvent, ou bien sur les fondamentaux, nous devons seulement écouter et mettre en pratique les mots de Arthur Ashe, c’est-à-dire que “les champions sont ceux qui veulent laisser leur sport dans de meilleures conditions par rapport à quand ils ont commencé à le pratiquer”.

Il vento dentro di Simona Colaiuda

colaiuda poster 1

Anni travagliati della nostra esistenza, il passato, le peripezie amorose, i giorni di felicità, il rapporto con il padre. Si pensa subito, in partenza del libro di Simona Colaiuda, che l’amore stia per conoscere un nuovo racconto che sappia renderlo glorioso. Il libro, appena pubblicato, che porta il nome di “ Il vento dentro “ si nota subito per la creatività, che  sicuramente interessa il lettore, penso come me, chi legge sarà  certamente interessato dal racconto.

Questo testo, che racconta di un’anima solitaria, cosi viene scritta, che sa parlare ad esempio dicendo “ Sono sola zia, Sono sola come non sono mai stata, dopo papa “ riferendosi alla scomparsa del padre.

Il racconto ha come oggetto l’amore, la famiglia, il sogno della maternità, forse la riga che si cerca della scrittrice, nel racconto, è proprio quella dedicata alle cose intime, se possiamo fare un altro esempio, tratto dal libro, la protagonista si trova attratta da un uomo dalla statuaria bellezza, sconosciuto ma bello. Un uomo che si pensa non si possa incontrare, che fa nascere subito la domanda se provarci o meno, dopo questo incontro, i luoghi, iniziano ad assumere altri significati.

Un lungo fidanzamento che crea l’attesa del momento del matrimonio, la felicità che non arriva, una donna che perde la sua sensualità, le immagini delle pareti, dei mobili, dei movimenti della casa, aprono le ferite di una storia che non si sa, se il libro non lo si legge, cosa dia di fastidio alla protagonista, che sa ben raccontarlo. L’amore esiste, non è solo la scelta di farsi intelligenti, non soffrire per esso, che si può fare, non sempre si trova quello che si cerca, la protagonista del libro, lo sa ben descrivere.

Le recriminazioni sul proprio compagno, le battute che danno fastidio,  lui che spiega il motivo per il quale non sposarsi, un motivo cinico, racchiuso nei kg di troppo, nel non andare in palestra, una coppia che non riesce a dare il meglio di quello che insieme hanno conosciuto.

Una donna che, ovviamente, dalla fine della sua relazione si è “ risentita “, che prepara una nuova storia , prima di parlare d’amore, chiedendosi se ha un lavoro adeguato per interessarsi ad un uomo più ricco, un vero latin lover.

Il libro della Colaiuda qui inizia a prendere una strada che lasciamo a chi vuole leggerlo, sapendo che l’indecisa protagonista, si giocherà le sue carte.

VeiveCura – “νῦν χρῆ μεθύσθην”,

“νῦν χρῆ μεθύσθην”, rassegna musicalefirmata ARTEN e curata dal direttore artistico Andrea Rizzo, ospita Veivecura in concerto, domenica 6 maggio 2018 dalle ore 20:00 presso La Cantina delle Streghe.

VeiveCura nasce in Sicilia dalle mani di Davide Iacono come progetto solista nel 2010.

 

Col passare del tempo la formazione si allarga fino a quindici elementi in fase di studio, mentre dal vivo, oltre che da Davide, il palco viene calcato di solito da altri due polistrumentisti: Salvo Scucces e Salvo Puma.

Noi gli abbiamo incontrati grazie ad Andre Rizzo.

Prima dell’intervista ricordiamo la ” location “.

“La Cantina delle Streghe”

Music, Food and Relax

Piazzetta Duca D’Atene – Lecce

www.lacantinadellestreghe.it
info@lacantinadellestreghe.it

“νῦν χρῆ μεθύσθην”

Intervista ” VeiveCura 

νῦν χρῆ μεθύσθην n.5 - Veivecura

Un progetto nato nel 2010, nel tempo come è cambiato, chi ti ha aiutato a realizzare il tuo percorso artistico ad oggi?

È cambiato tutto negli anni, ci siamo sempre messi in discussione, spingendoci su generi a volte piuttosto diversi dai nostri album precedenti. VeiveCura è cresciuto con l’aiuto di molti musicisti, su tutti Scucces e Puma, e anche grazie a figure come Paolo Mei, nostro manager e produttore.

Le performance live, un altro cambiamento. Come hai completato la formazione? Cosa ti è rimasto degli incontri con artisti affermati?

In passato dal vivo amavo stravolgere i dischi. Con “Me+1” abbiamo deciso di fare l’esatto contrario, ovvero suonare i brani così come sono stati registrati in studio, dal nostro punto di vista è stata un’importante sperimentazione. Adesso sto girando l’Italia da solo, ho messo su un live molto complicato da suonare ma piuttosto affascinante da fruire, o almeno credo. Degli incontri con gli artisti affermati mi è rimasta la magia, quella non se ne va. Provi delle sensazioni indescrivibili. Sono felice di aver conosciuto artisti come Umberto Giardini, Olafur Arnalds, Justin Vernon, Battiato.

Hai prodotto diversi album, parlaci in particolare dell’ultimo, cosa ti è piaciuto di più delle varie opinioni, recensioni su di esso?

Ma guarda, è difficile tener conto delle opinioni altrui, perché il tuo lavoro discografico può essere tutto e il contrario di tutto. La musica, i gusti sono abbastanza soggettivi, secondo me. L’ultimo album da un taglio netto col nostro passato. A parte intro e outro tutti i brani sono cantati. C’è molto uso dell’elettronica e un focus particolare sugli elementi percussivi. “Me+1” è stato un disco difficile, sia da realizzare in studio che poi da far comprendere a chi ci conosce. Abbiamo acquistato una nuova fetta di pubblico, ma abbiamo anche perso chi ci vedeva un po’ come i “Sigur Ros siciliani”. Ma noi siamo fatti così, ci piace cambiare, sperimentare sempre qualcosa di diverso da noi. Sarà così anche per il prossimo disco.

Sarai a “La Cantina delle Streghe” con un live in solo, in una rassegna interamente dedicata all’ascolto “attento”. Che atmosfera ti aspetti?

Sono molto contento se mi dici questo. Sai, in Italia è un po’ utopico trovare dei locali in cui le persone ascoltano con attenzione una band poco conosciuta. Quindi a questo punto da Lecce mi aspetto un’atmosfera meravigliosa, e mi ci immergerò in quell’atmosfera.

Progetti per il futuro?

Progetti per il futuro?…mmm, beh, innanzitutto dare poco peso alla musica, ne sono stato totalmente inghiottito per un decennio e adesso sono molto stanco. Mi concentrerò su qualcosa di davvero importante per questa nuova fase della mia vita. Però la musica ci sarà comunque, mi accompagnerà in un nuovo percorso. Registreremo un disco in italiano.

Michele Scerra in concerto

νῦν χρῆ μεθύσθην n.4 - Michele Scerra

“νῦν χρῆ μεθύσθην”, rassegna musicale firmata ARTEN e curata dal direttore artistico Andrea Rizzo, ospita Michele Scerra in concerto, domenica 22 aprile 2018 dalle ore 20:00 presso La Cantina delle Streghe.

 

Michele Scerra,  voce chitarra e stompbox, proporrà un concerto intimo di parole e canzoni, fra blues, folk  e canzone d’autore.

Un live in un’ipotetica terra senza confini, fra il mediterrano e gli Stati Uniti.

Storie di solitudini, di passione, di potere.

 

«È una buona penna Scerra, adagiato su folk afoso, meticco e introverso.» [Rumore]

«Un album degno di essere annoverato fra le più intriganti riletture della patria tradizione ascoltate quest’anno.» [MusicMap]

 

Michele Scerra, cantautore calabrese con la barba, ma profondamente anti hipster classe 1982, si forma artisticamente a Firenze.

 

Nel 2006 è fra i finalisti dello storico “Rock Contest” di ControRadio.

Nel 2008 fonda, insieme ad altri musicisti, l’Orchestra del Rumore Ordinato.

Pubblica due dischi, “Mestierante” [2009] e “La Terra” [2012], di cui è cantante/chitarrista e autore, in bilico fra blues e psichedelia.

Gira l’Italia in lungo e in largo con un’intensa attività live dividendo il palco con artisti del calibro di Hugo Race, Paolo Benvegnù, Luigi Grechi De Gregori, The Gang, Tom Russel, Robyn Hitchcock, Massimo Bubola, Bocephus King e tanti altri.

Nel 2012, partecipa al “Tenco Ascolta” alla tappa di Piombino e sempre con la band negli anni è ospite più volte del “Buscadero Day” e del “Townes Van Zandt International Festival”.

 

Interessato alla libertà, alla bellezza, alla verità, ai conflitti sociali, scrive canzoni sensibili, d’amore e di passione. È un fan della complessità, è profondamente idealista, e non crede al beneficio della sintesi.

 

Dal 2014 comincia il percorso a nome proprio.

Apre i concerti di Vinicio Capossela nella prima edizione de “La Sila suona bee”, a 1800 mt di altezza, e di Irene Grandi.

Ottiene la menzione speciale per il “Miglior testo” al “Premio Bindi” 2014 con il brano “Il Circo Gelsomino” ed è finalista a “Botteghe d’Autore”.

Nel 2017 esce il primo disco solista ”Torneranno i poeti” (Il carro matto/IRD), lavoro accolto dalla critica specializzata con grande entusiasmo, e menzionato fra le migliori uscite del 2017 dai siti “MusicMap” e “Sound36MusicMagazine”.

Un lavoro sulla ricerca della bellezza, un disco politico, passionale, empatico.

 

Lo spettacolo inizierà alle ore 20:00 di domenica 22 aprile 2018, presso La Cantina delle Streghe, a Lecce.

 

Direzione artistica:

Andrea Rizzo – ARTEN

www.facebook.com/ARTEN.events
arten.events@gmail.com

 

Info e prenotazioni:

“La Cantina delle Streghe”

Music, Food and Relax

Piazzetta Duca D’Atene – Lecce

www.lacantinadellestreghe.it
info@lacantinadellestreghe.it

Cambio Giorno ” è nuovo “.

COLLOQUIO INTERNAZIONALE: mi sgrida ha un ostilità aperta / sta in silenzio ha una ostilità sileziosa
ATTENZIONE BEN CHIARITA ; mettersi in accordo sul livello dei contenuti
UNO SPAZIO CON CUI RINGRAZIARE PERSONALMENTE : l’emozione della narrazione fa nascere del movimento.
LA MANCANZA DI UNO SPAZIO DA ANDARE A CERCARE PER RINGRAZIARE PERSONALMENTE
LA PASSEGGIATA : LA LOTTA TRA GLI ADOLESCENTI E’ SEMPRE ECCO COME MI VEDO CONTRO ECCO COME TI VEDO.

Scrivere per il cinema e la televisione

SCRIVERE CINEMA coverbassa(1)

Verrà presentato a Roma, martedì 24 aprile alle 14.00, Scrivere per il cinema e la televisione, secondo volume della neonata collana Scrivere, con la quale la casa editrice milanese Editrice Bibliografica ha deciso di rivolgersi a chiunque voglia avvicinarsi al mondo della scrittura in tutte le sue molteplici sfaccettature: dal giallo al romanzo rosa, dal thriller alla scrittura sul web, fino alla narrazione autobiografica e alla scrittura per il cinema e la televisione, senza dimenticare i consigli più preziosi per farsi pubblicare.

L’autrice, Cristina Borsatti, giornalista e sceneggiatrice, già autrice di un saggio dedicato a Roberto Benigni e di un volume dedicato a Monica Vitti, presenterà il volume presso l’Accademia di Cinema e Televisione Griffith dove, da oltre dieci anni, tiene il corso annuale di Sceneggiatura.

L’incontro verrà moderato dallo sceneggiatore, regista e produttore Alessandro Colizzi (L’ospite, Fino a farti male, Crushed Lives – Il sesso dopo i figli).

Occasione per parlare del rapporto tra produzione e sceneggiatura, dello stato di salute della sceneggiatura e degli sceneggiatori in Italia e di come si scrivono film e serie tv.

Scrivere per il cinema e la televisione (in libreria dal 22 febbraio) è un pratico manuale, che orienta il lettore in un viaggio alla scoperta delle infinite possibilità della parola scritta per il cinema e la televisione. Contiene tutti gli strumenti per avvicinarsi a uno script o perfezionare la propria tecnica. Diviso in due parti, nella prima si sofferma sulle fasi di scrittura di una sceneggiatura, dall’idea allo script, esplorando la scrittura di soggetti, trattamenti, concept, scalette, scalettoni, bibbie e dossier. Affrontando convenzioni e strategie di scrittura di una sceneggiatura, anche grazie a numerosi esempi pratici. Nella seconda metà, il volume affronta le intramontabili dinamiche del racconto. Principi e meccanismi che, dalla notte dei tempi, aiutano gli autori a eliminare la noia e a produrre emozioni, puntando al coinvolgimento e al piacere dello spettatore.

Per maggiori info e per richiedere il volume: redazione@bibliografica.it

http://www.editricebibliografica.it/

http://www.editricebibliografica.it/scheda-libro/cristina-borsatti/scrivere-per-il-cinema-e-la-televisione-9788870759747-523419.html