AVVISO AL LETTORE : Il Blog CAMBIO GIORNO, dal 31 Gennaio 2023, ha chiuso tutte le sue rubriche. E’ attiva solo la sezione Parlare e dire di politica.

IL PERCORSO, AMORE, LETTERATURA.


In quale città hai detto ” ti amo “, ” TI VOGLIO BENE “, hai avuto una storia. Il nostro romano, nella domus esercitava il completo controllo sulla moglie, da questo rapporto nasce la parola struttura sociale per sapere cosa sia ereditato e trasmesso oggi : La struttura sociale, con religione e tradizione, le regole erano in mano agli uomini e ci si aspettava che le donne le seguissero. Noi abbiamo il problema della differenza tra un testo tecnico, rispetto ad uno che serve solo alla divulgazione, alla lettura, passando il tempo. Direbbe Giuseppe ” coming up go to the step one :cover story about us “.


IL MODELLO OPERATIVO.

Iniziamo col politico, che ha saputo fare il discorso della Montagna, non solo per dire sono nella tua casa con gli alpini, dicendoti guarda che sono io che ti faccio domanda, “come potrai dire al tuo fratello ‘permetti che tolga la pagliuzza dal tuo occhio’, mentre nell’occhio tuo c’è la trave?”. Giuseppe risponde, con un testo.


COSA IMPARARE.

Ti presento una recensione di storia, scritta negli anni 90, quando si diceva si saprà la verità sul Fascismo, si direbbe quindi, come è stato,che ogni politico che aspira ad una direzione politica, lo dovrà sapere, come dire il ” buffone ” sarà sostituito, da chi è nella ” realtà “, quando uno nella vita scrive di quelle che sono opere, buone o meno, deve aspettarsi lo ” pseudonimo “, un modo di dire ” alleato “, se quindi l’opera non è completa non sarai compreso ed appoggiato.


Nel solo ricordo possibile, nel silente mare azzurro, la vita insegna molto, vedi le stelle lontane

Giuseppe Di Summa

Per il mio bene-Ema Stockolma.


Per alcuni Ema Stockolma è una voce, quella di Back2Back su Rai Radio 2, per altri una formidabile dj e una commentatrice spumeggiante di grandi eventi musicali, come il Festival di Sanremo e l’Eurovision Song Contest. Per la maggioranza la vincitrice di Pechino Express e la talentuosa ballerina del format di successo di Milly Carlucci Ballando con le Stelle. Proprio questo programma l’ha consacrata come personaggio pubblico e ha avuto il merito di farne conoscere la storia. Eppure di sé aveva parlato, anzi scritto, nella sua autobiografia Per il mio bene.
Un’opera che non è passata inosservata ai lettori più attenti. Ricordiamo che si è aggiudicata il Premio Bancarella nel 2021. Chi è Ema? Il suo è lo pseudonimo di Morwen Moguerou. La tipica “erre” ne denota la provenienza francese. Vive con la madre e il fratello Gwendal di pochi anni più grande.
Dall’incipit “Non si è sicuro in nessun posto” si comprende la drammaticità del suo racconto. La casa a Romans-sur-Isère dovrebbe essere focolare, rifugio, ma come i peggiori incubi vi dimora il mostro. Un mostro ciccione. Ha i capelli lisci e scuri e la pelle bianca. Non l’ho mai trovata bella, anche se devo dire che non è neanche brutta. Il fatto che sia un po’ grassa però mi dà molto fastidio, perché io sono uno stecchino a confronto e lei mi odia anche per questo… (pag. 13).
A cinque anni Morwen ha il terrore di restare con lei. Per questo odia la domenica e prova una nausea profonda ogni volta che l’orologio rintocca l’ora dei pasti. Una parola apparentemente innocua e giù schiaffi e sculacciate. Nulla è risparmiato ai due bambini: volgarità, offese, botte. Tante botte. Un’infanzia trascorsa a giocare poco per non disturbare, ad evitare di essere troppo gioiosi per non subire punizioni.
In mezzo il rapporto con un fratello che non reagisce alle aggressioni e si sfoga provocandosi ferite sulle braccia o sul petto. Un legame complesso, privo di abbracci. Come se il terrore creasse un muro invisibile tra Morwen e Gwendal.


Intorno il silenzio di chi forse ha visto e non ha parlato. E questo è l’obiettivo del libro: scardinare l’indifferenza, scuotere le coscienze sopite. Com’è possibile voltarsi dall’altra parte di fronte a tanta violenza? Perché nessuno ha aiutato una madre con un palese disagio mentale?

Un interrogativo che, silente, accompagna ogni singola pagina. Un j’accuse potente che è il punto di forza di questo libro che non risparmia nulla, con un linguaggio diretto, estremamente crudo ma per questo efficace. Edulcorare una realtà intrisa di angoscia e brutalità non avrebbe avuto alcun senso.
Ema ce l’ha fatta, è sopravvissuta, ma è dovuta scappare a soli 15 anni. Un treno per Roma ha cambiato la sua vita, non senza pesanti cadute e difficili risalite. Ha rischiato di finire nel baratro e di perdere il fratello. Anni di distanza fisica ed emotiva con Gwendal, recuperati, da adulta, con commovente tenacia.
Difficile, se non impossibile, restare distaccati nella lettura. La storia di Ema Stockolma è di enorme impatto e aldilà della drammaticità degli eventi narrati, suscita non poche riflessioni su quello che ci circonda e che spesso, colpevolmente, viviamo come se appartenesse solo ed esclusivamente ad altri. Vi sono percorsi, invece, che implicano una responsabilità ben più ampia e, pertanto, richiedono una risposta collettiva.
Possiamo provare ad aiutare, con una domanda in più, un ascolto maggiore, e quando serve una segnalazione o una denuncia. E non aiuteremo solo il bambino, aiuteremo anche il genitore, una persona con problemi psichici, che deve essere fermato e se possibile curato. Come sarebbe dovuto succedere a mia madre. È per questo che ho voluto condividere la mia storia, per dirvi di non farvi i fatti vostri. (pag. 187)
In cerca di equilibri
Il Blog di Viviana Damiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: