AVVISO AL LETTORE : Il Blog CAMBIO GIORNO, dal 31 Gennaio 2023, ha chiuso tutte le sue rubriche. E’ attiva solo la sezione Parlare e dire di politica.

IL PERCORSO, AMORE, LETTERATURA.


In quale città hai detto ” ti amo “, ” TI VOGLIO BENE “, hai avuto una storia. Il nostro romano, nella domus esercitava il completo controllo sulla moglie, da questo rapporto nasce la parola struttura sociale per sapere cosa sia ereditato e trasmesso oggi : La struttura sociale, con religione e tradizione, le regole erano in mano agli uomini e ci si aspettava che le donne le seguissero. Noi abbiamo il problema della differenza tra un testo tecnico, rispetto ad uno che serve solo alla divulgazione, alla lettura, passando il tempo. Direbbe Giuseppe ” coming up go to the step one :cover story about us “.


IL MODELLO OPERATIVO.

Iniziamo col politico, che ha saputo fare il discorso della Montagna, non solo per dire sono nella tua casa con gli alpini, dicendoti guarda che sono io che ti faccio domanda, “come potrai dire al tuo fratello ‘permetti che tolga la pagliuzza dal tuo occhio’, mentre nell’occhio tuo c’è la trave?”. Giuseppe risponde, con un testo.


COSA IMPARARE.

Ti presento una recensione di storia, scritta negli anni 90, quando si diceva si saprà la verità sul Fascismo, si direbbe quindi, come è stato,che ogni politico che aspira ad una direzione politica, lo dovrà sapere, come dire il ” buffone ” sarà sostituito, da chi è nella ” realtà “, quando uno nella vita scrive di quelle che sono opere, buone o meno, deve aspettarsi lo ” pseudonimo “, un modo di dire ” alleato “, se quindi l’opera non è completa non sarai compreso ed appoggiato.


Nel solo ricordo possibile, nel silente mare azzurro, la vita insegna molto, vedi le stelle lontane

Giuseppe Di Summa

Recensione ” Non rompermi “.

Di Antonio Ferrante

A cura di Giuseppe Di Summa ( blog Cambio Giorno )

Scoppiano le nostre emozioni, già dal titolo che è “ Non Rompermi “, sono delle parole semplici, quelle da vivere leggendo questo testo, le ascoltiamo spesso, le respiriamo con i nostri pensieri, noi che leggiamo, cerchiamo manifestando il consenso, allo scrittore Antonio Ferrante, di dirlo anche noi con consapevolezza, questo semplice “ Non Rompermi “, con una sorta di approvazione universale del titolo, a cui dare in una recensione un voto alto. Poi leggendo riga dopo riga, lasciamo a lui le parole del racconto, quello che scrive è semplice, nel titolo, seppure rappresenta un ottimo patrimonio artistico, che vale la pena conoscere, un suo personale percorso, sudato come le proverbiali “ sette camicie “. Lo scrive da buffone, da chi ha, come attore, in possesso di voce e corpo, lo scrive da artista, che non vuole il silenzio dalle sua voce, vuole incuriosire, fare parlare di se. Per farsi rispettare, il nostro autore, ci presenta il suo lavoro, da compagnia teatrale, che con la sua scrittura, leggendolo, passa da persona relativamente sconosciuta a compagno di viaggio. Ha il dono del suo genere, che racconta in un crescendo, mentre lo scrive, ricorda Pier Paolo come anima bella, ci racconta di come per essere poeti bisogna avere tempo, inizia a mandare faville, a sputare fuori quello che ha dentro. Sono loro i poeti, che riempiono di poesia la nostra stanza, arrivano alle orecchie, si fermano al gomito, entrano nella gola, il loro testo diviene una partitura, hanno tutti vissuto il momento dei bocconi amari, seppure da attore, da pagliaccio, hanno invaso i nostri sensi, il nostro corpo, di bella poesia, con i loro compagni di avventura Pulcinella, Arlecchino, Colombina e Pantalone. Come tutti si danno un grande da fare, aspettano il consenso di pubblico e critica, che dica hai fatto un buon lavoro. Nel leggere Antonio Ferrante, dopo questi aspetti del suo lavoro, che mi sono particolarmente piaciuti, mi soffermo sul testo, molto bello, che si chiama “ Ho gli stessi pensieri “. Scrive in apertura del testo “Ho gli stessi pensieri di Ronconi di Bukowski Artaud Bene Stanislavskij.” Per me è un ottimo esempio- illustrazione, di quello che ci aspetta leggendolo, non è male vedere un certo eroismo, nell’impegno, seppure poi il corteggiamento è meno “ mitico “, a tutti viene ricordato il “mondo presente “ o meglio “ questo mondo “.

Chiediamo ad Antonio, un commento, un saluto, ponendo una domanda : Cosa vi è di particolare, di tipico, per te, in una storia che racconti in ” Non rompermi ” ?

Premesso che la tua recensione mi emoziona.. io ho voluto cimentarmi con la poesia per interpretare la vita di Bukowski a teatro… E così dal 12 marzo 2019 scrivo una poesia al giorno… Nella vita di ogni persona che ha passione e amore per quello che fa c’è della maestria .. in ciò che fa può vedere chi è… presuntuosamente recito o scrivo in modo che tutti mi capiscano.. e per quanto è possibile con parole semplici.. So che la poesia è prima di tutto forma ma io sono un allievo dei grandi poeti..ho iniziato e continuato perché i teatri erano chiusi.. era che si sono aperti cercherò di recitare in forma teatrale drammaturgica le storie dei poeti…. Ti ringrazio…

VISITATE IL LINK :

http://www.antonio-ferrante.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: