Odio profondo.

Parlare e dire di politica

Il Novecento un secolo in cui gli Stati Uniti d’America hanno conquistato, supremazia economica, influenza territoriale. Fin all’inizio del secolo la leadership economica, poteva essere anche appannaggio della Gran Bretagna della Germania ma nel 1914 inizia lo scontro tra le economie di pace e quella del libero mercato contro quelle di guerra.

Photo by Pixabay on Pexels.com

Gli storici hanno riletto il primo conflitto mondiale definendolo la grande guerra, guerra totale, in piena rivoluzione bolscevica e crisi dello Stato liberale questa guerra arriverà a fare nascere grossi cambiamenti.

Photo by Inguaribile Viaggiatore on Pexels.com

Giolitti che dopo lo scandalo della banca di Roma era ancora in politica, aiutato dai socialisti, è protagonista dello stato liberale, il 1914 è famoso in Italia perché si dimette il quarto Ministero Giolitti, all’inizio del Novecento i totalitarismi sono importanti perché mettono in evidenza la guida di politica militare si pone un interrogativo traumatico, il problema fondamentale del destino della specie umana sembra sia questo, se è fino a che. si potrà padroneggiare. il danno alla vita collettiva, provocati dalla presenza aggressiva autodistruttiva nell’odio.

Photo by Janson K. on Pexels.com

La scintilla è un colpo di pistola che uccide, sai lettore, che leggi, ogni tanto rimbomba ancora un suono del genere, lo troverai sulla strada, la pace ne soffre, si vede, si affaccia, alla tua finestra, la parte nazionalista, il periodo è giusto, quello degli anni ’20, dello scorso secolo per lo sviluppo dell’automobile, I soldati armati, hanno sul corpo lo sforzo, quindi ai movimenti nazionalistici, iniziano quasi da subito, a contrapporsi, quelli che difendono il proletariato. Non basta, solo la storia e la sua narrazione, ci vuole anche la scrittura di programmi, che impongono il finanziamento, di una economia di guerra, molti, come Mussolini, scelgono la prova di forza, il colpo di pistola, vedi omicidio Matteotti, Quello che dovrebbe scrivere il migliore storico del fascismo del mondo ? Il rapporto tra il conflitto bellico e la ripresa economica, spiegare lei ha una depressione, dopo il conflitto, riferita ad esempio al consumo dei prodotti agricoli, aggiungendo l’italia fascista, di quello che viene visto come un grande uomo. Si acquista, nello scrivere di storia, non solo la narrazione, anche le questioni della logica politica. La propaganda di un conflitto, l’inutile strage, non basta., infatti, oggi potremmo dire per il suono di una ASL, per avere aperto una clinica, non basta solo il conto, quindi la strage, il nostro fare contare i si e i noi, il gruppo che è morto, quindi ha perso la vita, nel libro, è un conteggio più approfondito, è l’orgoglio della Patria, la parola Paese, la narrazione, non può finire, su questi soldati, come i personaggi di Plauto, nella storia, quindi ” ognuno mangia quello che vuole “. Come vedete, non piace, alla sanità pubblica una intima risonanza, con un personaggio, creato dalla scrittura, Il gruppo della morte, il libro della vita, che nasce, è immerso, da sempre, nei significati, sopratutto della politica. Le anime, infatti, sono dei turbamenti, le forme, nella narrazione, a volte non riescono, hanno una deformazione individuale. Chi sa tutto, in italiano, è Giulio Andreotti te ne accorgi subito, quando leggi di storia in italiano, non sbaglia, si materializza, si evidenza con ” io lavoro per le medicine “, non è facile oggi, in piena pandemia, non farlo, essere spensierato, Pirandello, direbbe, con i suoi personaggi che ci siamo ” svagati troppo “, come Plutarco, con il suo personaggio ” che mangia quello che vuole “, quindi, come ricorda Pirandello, quando si va dal dottore, si va per cose serie, anzi molto serie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...