Le lettere.

Il verso antico, potrei essere un semi- dotto, un semi- filosofo, nella fitta nebbia, un verso antico colpisce alla schiena, non è più formula moderna dicesti. E’ riflessione di Giuseppe Di Summa su quelle ” antiche voci “, che ci hanno accompagnato per la strada con la loro voce, sfatando un Giuseppe nel Paese delle Meraviglie. Ricorda che quelle ” antiche voci “, sono ” cosa buona e giusta “; quindi Pietro e Paolo fondarono la Chiesa di Roma, Dante amò Beatrice, Verga scrisse dell’orbo, sono esempi di ” antiche voci “, le migliori che abbiamo, il verso antico ritorna quando impariamo a scrivere, impariamo la grammatica, oggi vi faccio riflettere sul nostro scrivere d’impeto, con coraggio, sui limiti, anche con il ” glottologo “, che ha posto i limiti alle nostre lettere, con tutte le vie giuste, le loro parole.

Come sia venuto in mente di dire ” come lo dici bene “, viene dall’avere sentito in una stanza una parola inglese, chiedendo di sapere con che percorso ” sia arrivata su quella bocca “, non certo la voce del famoso cantante, vedi Pupo, che ricorda in Santa Maria Novella, di stare alla stazione, aspettando la Nazione. Ricordiamoci tutti che esiste il rapporto tra la linguistica, il linguaggio che usiamo, che si rapporto con la glottologia, la lingua straniera, appare per tutti, nel modo corretto, consente al nostro linguaggio una autonomia di giudizio, che testimonia, come un soggetto sappia scegliere, il giusto, corretto materiale bibliografico, quanto lo tenga nascosto nella scrittura, senza dire da dove viene il termine, le sue conoscenze, devono, giustamente, diventare una metodologia pratica, che si riscontra nella Bibliopatente, il contenuto dell’uso della parola, delle frasi, non basta, il linguaggio non è solo la sua dimensione pragmatica.

Photo by Alina Vilchenko on Pexels.com

Tutte le lettere del ” come si dice Giuseppe Di Summa Blogger di Cambio Giorno, a scuola, nei ricordi di scuola, nascono per rispondere a queste ” antiche voci “, con l’aggiunta di un Ospedale, che vuole sapere se dici bene, pilates, yoga, dieta, addominali, cose normali tutti gli atleti vengono classificati con un punteggio, nessuno si aspetta, da te, dall’età di 19 anni di vedere pubblicazioni diverse, sul corpo, devi soddisfare le richieste. Rintraccia pure tutte le lettere, prenditi pure la Bibliopatente, anche con una indagine semantica sull’uso delle parole, per capire quale sia il mutamento, delle antiche voci, al contatto con la lingua parlata, letta e scritta dal Blogger di CAMBIO GIORNO.

Photo by Michaela on Pexels.com

Abbiamo scelto dunque le ” lettere “, nella sezione Blogging, per la chiusura del testo, non ti ha salvato il cantante con ” era già tutto previsto “, si !, la Professoressa a cui hai detto un ” lei di troppo “, ti ha lasciato il commento giusto ” come lo dici bene “, quando lo ” dici “. Quando lo hai detto bene, ha vinto lei, come vedi nessuno si era accorto di te, per il lavoro con atleti ed allenatori, che non parlano come te. Posso rispondere, che da buon Blogger, non sono estraneo alla diffusione di massa dello sport, quindi ho dovuto commentarlo con delle lettere, che sembrano non quelle giuste, seppure sono le mie. Non solo, devo rispondere alla docente, che è il suono in una stanza, di quelle ” antiche voci “, con un testo, un libro, scritto da molti anni, che molte ” antiche voci ” descrive bene, seppure il grandissimo Oscar Wilde, nello scrivere Il ritratto di Dorian Gray, che io posseggo in edizione Garzanti, ha scritto un capolavoro, è lui che descrive quel ” suono ” di parole dolci, che devono entrare una alla volta nelle orecchie, si tratta di quelle ” antiche voci “. La docente ha ragione, per scrivere delle buone pagine di storia, bisogna conoscere le ” antiche voci “, ora tocca anche a me mi trasferisco su EDX, per studiare la letteratura, con dei corsi online. Quello che ho lasciato alla scuola, qui sul BLOG, è la STORIA MIA GIUSEPPE, non le pagine di storia. Per fare conoscere le ” antiche voci “, il medioevo, è fondamentale, come ricorda Gatto nel Il Medioevo, Edizione Newton Compton, che ogni laboratorio urbano dovrebbe possedere, si comprende, che il desiderio delle crociate degli ordini cavallereschi, in nome della lotta alle eresie, è esistito, non solo il medioevo, ha avuto l’affermazione del monarca assoluto, che ha dovuto creare i mezzi per difendere il territorio, anche se non ha rinunciato alla sua espansione. Siamo al vero punteggio, delle pagine di storia, che può dire solo un laboratorio urbano, che è ” uno se ne deve stare nelle terre sue “, la politica oggi, con un buon laboratorio urbano, insegna quali sono gli scopi di ogni cittadino, la cittadinanza è capitale sociale, la risposta alla domanda ” cittadino ma quale cittadino “, è nelle pagine del filosofo, Lukas, che spiega quelle ” antiche voci “, con una Storia e coscienza di classe, per giungervi ci vuole la Bibliopatente, qui nasce la ” cultura europea “, famoso filosofo nell’arte per il ” rispecchiamento “, come dire a Palermo, con Johhny Stecchino, che non ” somiglia per niente “; il testo dell’attore è a volte perfetto, per le nostre letture, si dimostra che si è letto molto nello scriverlo, per questo filosofo, con il quale concordo, la forma d’arte migliore è il realismo la realizzazione di personaggi ” tipici ” in circostanze ” tipiche “.

Noi abbiamo avuto un suono dei medici, quando siamo usciti dalla scuola, per la parola ” satellite “, Subito viene in mente la parola satellite sia di competenza dell’ aviazione italiana, oppure di una tv satellitare, tipo SKY, oppure di contratti che abbiamo ereditato dalla televisione di Berlusconi. Questi sono spazi, che ovviamente con Giuseppe Di Summa non esistono, non sono mai esistiti, la Chiesa, insegna che tutti viviamo in un calendario, la Chiesa quello liturgico, con cui fare energia, con le azioni che provengono dalle nostre fonti. Hai letto le mie fonti, dello scrivere, in genere, gli antropologi, danno il giusto consiglio, al maritino che cerca moglie, non la nostra società con le sue tv, sono loro che spiegano come il marito abbia bisogno per sposarsi di una casa, per fare bambini ha bisogno di uno stipendio, non solo ha bisogno anche di una pensione per la vecchiaia, tutti dobbiamo ritornare ad essere ” maritino “, sapendo che gli antropologi, per i loro studi hanno guardato noi, non via satellite, bensì ci hanno visto nelle tribù del passato, dove sicuramente trovi le migliori ” antiche voci “.

Come si vive negli ” anni della musica “, è la nostra scrittura conclusiva, ovviamente partiamo da Fabio Fazio, il migliore presentatore tv oggi, in Rai, che scrive Anima Mia Tour, spiegando un viaggio negli anni 70. Di Summa è nato nel 1973, quindi si chiede che suono era presenta alla sua nascita, che è rimasto in una stanza, sino agli anni 90. Vi è il gruppo di studio, con motivazione, come scrive Fazio, nel suo libro, vi è la ricerca di gruppo, che gli insegnanti vedono come stimolo. Vi è la programmazione notturna, in cui, negli anni 70 si guarda allo spettatore nottambulo da catturare. Come dice la musica, la poesia, ” verrà la notte ed avrà i tuoi occhi “, la cartolina non verrà dal Distretto Militare, si negli anni 70 il suono entra nelle nostre orecchie sale al cervello, con le cuffie hi – fi. Giuseppe hi – fi diremmo oggi. Nulla da dire, il giorno 9.01.98 entra in casa mia una lezione di economia registrata con nastro, quindi le cuffie hi- fi conoscono anche questo suono, quello di un testo registrato, che tramite tesi, finisce nella biblioteca giusta, non in un Blog, di un Blogger, oramai i Comuni con la laurea a distanza aprono le loro biblioteche. Non solo, nel 1992, Ron, dopo la mia maturità aveva pubblicato Le foglie e il vento, aveva avuto successo non abbiamo bisogno di parole, con un eco, molto hi – fi tipo ” a noi ci basta “, non solo in questo album, abbiamo una bellissima canzone che si chiama Gerico, dove canta a chi tocca la follia a chi tocca la realtà, quando non vi è nulla da insegnare. Un pò dopo la mia maturità nel 1995, oramai siamo passati da hi- fi a gruppo di studio, allo stereo forum, con Raf e il suo Manifesto, scritto dal cantante dopo un soggiorno in Corsica, lui si apre con due cd, uno in formato audio classico, l’altro con un formato multimediale, possiamo ascoltare, con questo nuovo suono ” Sei la più bella del mondo “, anche io in casa, ho le mie scatole, che custodiscono la serie di canzoni, partite dagli anni 70, che si sono suonate in casa mia, come possiedo i fascicoli di tutti quei fogli, che sono divenuti tesi, solo che i fogli sono riuniti dalla soggettazione di un Professore, quindi quella registrazione economica, insegna la biblioeconomia, con una indicizzazione semantica, la musica, da quella di un bravo DJ, oggi si scopre il grande valore della Bibliopatente.

Siamo al suono anni 90, non ci devi trovare nulla di male se i negozi prima vendendo i cd si guadagnavano la pagnotta, come non ci deve trovare niente di male se tutti i centri minibasket hanno il loro progetto ” disco “. Giuseppe Di Summa non ha avuto il suono dal Minibasket, anche se hanno un ottimo Ingegnere del suono, a me è toccato fare il tecnico audio, video, di CAMBIO GIORNO, come mezzi abbastanza limitati. Ogni buon disco funziona con strutture che lo producono, con i promoter, che lo fanno capire alla gente. Chi scrive non influisce sul prodotto finito, con il suo suono, non è un manager, non partecipa in questo modo al progetto artistico. Quindi dal 1999 quando sono diventato Istruttore il mio consumo di musica è sceso del 90% non spettava a me il progetto disco. Come canta Battisti, la risposta al suono che arriva al cervello, la migliore la scrive il migliore della storia della musica italiana, che è Mogol, è suo il testo di Respirando, dove si sente ” “mi entri nel cervello e mi raggiungi il cuore”, non equivocate, come si fece al tempo con la canzone, io non mi drogo, non ho mai nemmeno fumato, il tema tratta la morte per incidente stradale, con un messaggio importante, la musica salva la vita, anche se qualcuno per esso entra nella tua casa, oppure in quella dove sei ospite, per capire se con essa vivi momenti di trasgressione, tipici di molti generi musicali, anche per non farti fare un corso di allenatore, che non sia del suo Ingegnere del suono.

Pubblicato da cambiogiorno

Un progetto web concluso ed archivato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: