La stanza dei ricordi.

Siamo alla conclusione, dei miei ricordi, qui sul Blog CAMBIO GIORNO, non fraintendere Giuseppe Di Summa che scrive. A me non da nessun fastidio, la luce, la voce, i passi, della Chiesa, anzi, con essi, con me stiamo tutti benissimo. Nessuno può comparire faccia a faccia, con me solo per il fatto che mi chiamo Giuseppe Di Summa, per bocciare la Chiesa, non è possibile, da obiettore di coscienza, chi scrive vuole vedere sempre lo ” stesso arcobaleno “; la Chiesa è il migliore messaggero di “pace “. Ricorda che la filosofia è già accaduta non ti resta che raccontare le cose passate. Tutti i Docenti universitari d’Italia sono un esame di filosofia dove si racconta il tuo passato.

Tutti vogliono spiegato il Di Summa, versione DI Summo, eccolo qui, il momento di spiegare il testo famoso per essere divenuto, nelle cose passate, un suono ed immagine che non esiste, significa solo quello che il corpo esegue correttamente con un modello, per i filosofi, ad esempio, il modello aristotelico. Chi scrive lo ha fermato, nel 1999, un medico dello sport, per il fatto che per me lo sport, poteva, può solo diventare, essere, una cura, poco lavoro, molto volontariato, ci vuole tanta passione, cose che vengono da chi ” lavora per le medicine “; la fatica, si deve sempre misurare, con la scelta dell’esercizio fisico adatto, in questo caso il consiglio del medico dello sport è sacro. Il rischio, per chi come me ha sempre variato gli sport, usando calcio, basket, tennis, insieme, è un allenamento frazionato, quindi l’essere fermato per essere poco allenato, quindi Di Summo, nasce da qui, dalla stessa insufficienza di lettere, per scrivere il proprio cognome completo, ci vuole un allenamento, nel basket, che sia almeno la sufficienza, quindi sono partito alla ricerca delle lettere.

Io sono Di Summa, di nome Giuseppe, vengo da un nome di chi ha applicato le tecniche agricole, è stato a confronto con l’arrivo, anche in agricoltura, con i dovuti capitali, di fenomeni di tipo ” industriali “. Quindi, un Di Summa nella storia se lo ricordano, non sembrava, non sembra, ci sia un Di Summa, che è Di Summo in filosofia. Anche qui ho dovuto cercare le lettere, sapendo che un allenamento insufficiente, non farà raggiungere le alte prestazioni, di lettura e scrittura, che ci vogliono per completare le lettere del proprio cognome. Vuoi sapere da dove viene Di Summo, è il modo di chiamarmi a mare di una ragazza di nome Marzia, è goffaggine di Catone nel confronto con Ortensio, i due mariti di Marzia, il primo matrimonio quello di Marzia, viene definito con le significative parole ” quondam virgo toris melioris iuncta mariti “, come leggi un caso di muscoli e mariti, quindi tu nel confronto sei già divenuto un goffo Di Summo.

Photo by Maksim Goncharenok on Pexels.com

Esce il famoso testo, se avessi bevuto come me Coca Cola, non sarebbe uscito. Quello su Di Summo, che ti ha ricordato la goffaggine al tema d’Italiano, nel quale pensavi di potere parlare di Andreotti, si cercano le immagini degli occhi casti di Marzia, che non ti ha visto ” muscoloso maritino , che beve la sua Coca Cola, diciamo il nostro scarso riscontro come personaggio, in un Di Summa atleta.

Anni fa, sul mio materasso, ho passato le mattine intere, dopo sveglio, avevo 19 anni a leggere libri di filosofia, cosa che è durata mesi, ho riletto due volte Gli eroi del pensiero di Will Durant. Non so quale bibita ti fa dire ” un giorno andremo a letto insieme “, come non solo quale perchè ” ti fa dire non vogliamo uno scrittore e vogliamo che beve acqua “, ovviamente qui la parola la ricorda Voltaire, è la storia del testo che serve a mantenere o meno precisa la volontà di una donna. Il materasso, è certamente, in filosofia, è le lettura, che in filosofia è riferita alla storia dei canti del mondo, non solo Candido, con Voltaire insegna quali sono le disgrazie di noi esseri, sulle quali nasce la felicità generale. Se rimane nella mente, nel pensiero, questo eroe, un dialogo interetnico non sarà instaurato. Se rimane nel pensiero, non scopriremo mai il valore della relazione, per capire cosa è il bisogno di pace versus chi ha bisogno del conflitto. Come sia comparso questo 10 di Di Summo, lui che era un Di Summa quotato 4 in filosofia, appartiene a quelle mattine passate a letto a leggere, non si scrive in modo diverso da ” I comuni, come ricorda Tocqueville, sono sottomessi allo Stato, per interesse che possiamo chiamare sociale “, ecco quale è il testo ad un Comune preciso per dire ” sono interessato a te “. come ricorda Voltaire, il testo andrà tutto bene, è da sempre oggetto di correzione, non bisogna dire andrà tutto bene , alcuni la considerano una sciocchezza, bisogna dire che tutto andrà per il meglio. Come vedete il grande filosofo apre la discussione sul ” testo “.

Photo by Startup Stock Photos on Pexels.com

CAMBIO GIORNO è finto, il testo di Giuseppe Di Summa è completo, il ” pennarello ” ora scrive, ha scritto,un Giuseppe Di Summa. Per un Docente di Diritto Internazionale, l’unica immagine che può esistere è quella scritta sulla ” lavagna “, quindi CAMBIO GIORNO, lo devi trasferire alla lavagna, senza cambiarlo, i termini devono essere sempre di tipo concreto, tra chi studia vi devono essere le stesse possibilità, la lavagna scolastica è la migliore per un trattamento ex aequo, “A parità, alla pari”, in un concorso o gara., se vuoi tentare di essere alla pari di CAMBIO GIORNO puoi farlo, attenta solo al Docente di Diritto Internazionale, il suono non è divertente, delle nostre immagini, infatti ti dirà che il ruolo si esercita tutti con il medesimo schema, quindi tu ricordati di rimanere nel tuo ruolo. Per Giuseppe Di Summa il testo che è ” il canto del mondo ” non è scritto a scuola, dove io scrivevo della frittura, friggitura, siamo al metodo di cottura, lat. coctura, der. di coquĕre “cuocere”, quindi con me a scuola si può cucinare, il testo è sempre della buona bevanda. Il canto del mondo, nasce, con una carta d’identità, una penna in mano, un fiume, un palo, l’aria, i suoni, tutti passaggi in versi che hai conosciuto sul Blog, che partono da take me into your heart, di sera, per il fatto che se il sole sulla terra cade, il nostro amore scompare, è un testo di cuore, che batte, poi quando si ferma, nella parola ” verso”, la lavagna vuole che il canto del mondo, sia l’impegnativa poesia, quindi io lo ho tenuto nascosto alla lavagna, facendomi passare per angolo cottura. L’unico, che ha compreso questo significato sulla lavagna, si è accorto, nel linguaggio sportivo, da sociologo, che in Italia con il testo noi dobbiamo ” finalizzare “, fare rete, le realizzazioni, anche delle ricerche, anche tecnologiche, anche sui satelliti spazzatura, devono essere concrete.

Solo che Giuseppe Di Summa si finalizza con influsso d’inglese, a scuola non lo sanno, in forma finale, si porta quel verso non poetico, sempre con take me into your heart, oggi ognuno di noi, sul web, deve superare la prova, sempre del Diritto Internazionale, anche sulla lavagna, del famoso hate speech, espressione di odio, quindi non scrivere alla lavagna che esiste l’odio profondo ed è meraviglioso, non è una cosa buona, non fare così, da usare scherzosamente ho deciso di usare Giuseppe Di Summa, il suo modo di scrivere il ” testo “, per scoprire che io sono pro- agricoltura, mi accorgo, se con il mio angolo di cottura, ho lasciato nella scuola, sulla lavagna, un suono da suolo agrario, in una stanza, l’ influenza inglese direbbe  An agricultural strategy , sempre per rispondere al Diritto Internazionale, che non può ignorare che la DC si presentava, a tutti, i nostri nonni, come  ” partito contadino “, quindi gli è sempre servito il suono contadino, ognuno per le sue imprese, ha le sue ” insegne personali “, cosa buona e giusta, spesso, il contratto insegna, verso chi te lo ha fatto, un periodo di ” rispetto “, anche questa è cosa buona e giusta, quindi non mettete a me il suono in una stanza, di una scuola, per un suolo contadino, al massimo ti propongo una ricerca, uno scavo, un lato, misure longitudinali, non altro, per questo suono, per capire se è efficiente la completa revisione di un impianto urbano. A me non è mai venuto in mente di richiedere una revisione, di nulla nel mio Comune, per un suono in una stanza, quindi mi va bene, ogni impianto urbano, come suono, non sono ricerca di nulla ho lasciato, in una scuola, sulla lavagna. Posso solo commentare, con i commenti del nostro tempo, il suono in una stanza, di una scuola, che si chiama Aldo Moro, con il massimo impegno, Aldo Moro merita da tutti negli studi in 110 e lode, anche la trasmissione del suo punteggio da parte nostra, di tutti, per il fatto, anche che con lui il suo partito, la DC, che di partito non è mai stato il mio, si sente una ” vittima “, è lui che merita il commenti del nostro tempo, come sostenne lui, Aldo Moro, in una bellissima frase ” Si tratta di vivere il tempo che ci è stato dato con le sue difficoltà.“ Non solo, anche un altro grande come Giovanni Falcone, ha intitolate diverse scuole, dove rimane il suono in una stanza, anche lui merita il massimo punteggio da parte nostra, è lui, chiaro, il giusto, con la parola ” vittima ” da grande Magistrato, tra i migliori della Storia d’Italia, quando sostiene con la frase ” Avete chiuso cinque bocche, ne avete aperte 50 milioni “.

Non fare il furbo, per chi scrive non esiste il suono in una stanza, che non dice che la Pallacanestro, non sia docente, in scuola, università, per chi scrive è così da sempre. Per Giuseppe Di Summa, come sempre il suono in una stanza è il DJ Set, poi non sfugge mai che chi in una stanza, con il suono, vuole dire un esame di Economia, delle Aziende, in questo caso devo rispondere a chi ” vuole fare crescere la cultura d’impresa “. che dice dello sport la parola magica ” you’re in action with Surround sound “, hai la tua precisa area di ascolto, che è stata attivata ad hoc, rispondo a questo segnale degli ascoltatori, che chiedono una performance sportiva, con il solito test acustico, i metri del suono in palestra, le sensazioni di chi parla, all’esterno.

Pubblicato da cambiogiorno

Un progetto web concluso ed archivato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: