Nella vita ci sono.

Nella vita ci sono le canzoni, della musica, quelle che fanno ” ti amo “, ” amore “, ” ti ammazzo “, ” se la ride “. Tutte parole diverse, nel suono, da quelle che ci sono nello sport.

Nella vita ci sono gli Istruttori.


L’ E- Book è presentato per ricordati, sempre, che il Dott. Giuseppe Di Summa, in Italia, per sua scelta non si occupa di insegnamento, sia scolastico, che universitario, per molti qualcosa spesso è talmente seducente, affascinate, da spingersi oltre, per rinunciare a sapere parlare, leggere e scrivere. Lo spostamento, dei bambini, in Creazione e Sviluppo motorio, non è quello verso l’insegnamento, seppure bisogna fare delle ricerche solide, spesso di competenza degli insegnanti. Il mezzo per ridurre tutto ad una educazione italiana, senza rinuncia, lo si trova sempre, basta capire, se uno sa fare le operazioni di matematica, oppure ha imparato a mettere l’apostrofo, poi non dite che il Professore, non ti toglie, il seducente, che è in te. Bisogna essere amici, degli educatori, quindi quello che loro devono proseguire, del tuo testo, che è di loro conseguenza, lo possono fare come nel mio caso, senza nessun problema. Giuseppe Di Summa si ferma alla vita dell’Istruttore Sportivo, spesso, non si sbaglia, le cose sono impegnative, hanno peso formale, quindi vanno trattate nel modo giusto.

PRESS Release


Molti dalla mail comunicazione, da un E- BOOK, si aspettano di vedersi apparire ” du tac au tac “, con le lancette degli orologi, subito in tv, sulla radio, diciamo sui media. Noi proponiamo un’analisi finale. Il nostro comunicato, finisce in un E- BOOK, non nella televisione, la radio. L’educazione, lo insegna ogni paradosso educativo, deve andare dove ci sono da creare gli ambienti giusti,  Tutti vogliono pensare al tempo per giocare senza limiti, appena creato subito amato dai media, da prima serata, Quello che è bene organizzato, anche con espressioni di verità, si presenta, si spiega per molti con la ” realtà matematica “. Molti nel cercare il linguaggio, anche di una filastrocca, ingaggiano una lotta, con le espressioni inutili, sapendo che il tempo di giocare, riceve uno stop ” dalle cose che nella vita ci sono “. Lo spazio, a volte, per le persone, diviene piccolo, camminare, correre, va fatto in modo tecnico, quindi si conosce anche il modo, oltre che la realtà matematica dell’organizzazione, il bisogno del linguaggio.

Le reali difficoltà di una relazione. 


Quando abbiamo una stanza che sta facendo nel basket troppo rumore, forse abbiamo un problema con concetti, che in quel momento sono uno al polo sud, uno al polo nord. Forse scrivere gli esercizi, il testo, degli allenatori che ti hanno allenato, non è facile, come credevi.. Non solo spesso le società sono un tipo d’insegnamento diverso a quello che vuoi scrivere tu, hanno altri interessi, altri programmi, si crea rumore, un problema di sicurezza. Esiste un comportamento rispondente al tuo programma, esiste un altro programma, che forse avrebbe evitato un comportamento, una reazione negativa in una struttura, ora il problema si risolve con la parola qualità, se pensi che la scrittura debba perseguire la qualità di esperto che hai conseguito, verificando anche la quantità che recepisce questo programma, sai che le migliori strategie di reazione, per togliere il negativo nella struttura, sono sempre nel comportamento che è attenzione, interesse. Non solo se il dispiacere, di chi non ha visto il suo programma, quello che ha fatto con piacere suo figlio, ripetuto, produce anche un risentimento, problemi di affetti, oltre che di comportamento, la trasmissione, di quello che tu ritiene qualità, non è possibile, Si controlla quello che è stato ereditato dalla trasmissione del tuo programma, in fase di partenza, dopo il primo step, sino al condizionamento, il superamento di tutte le prove, che lo riguardano, che non devono essere interrotte. Alla fine, ovviamente, la filastrocca, vuole dire al gruppo bambino, che studia, di parlare, di dire,  come anche di misurare, con il Tecnico Federale, giusto la qualità, in base, all’età dell’apprendimento proposto. 

Il nostro colloquio.


Lo sport ha il ruolo di garantire una ottima interazione educativa, ovviamente l’interazione tra il Signor Giuseppe Di Summa, Istruttore, con i suoi colleghi sportivi, ha questo intento. E’ una esclusiva del Blog CAMBIO GIORNO, spesso parlare, con gli altri, in molti contesti, aiuta il percorso di Basket & Comunicazione, che deve essere quello di fornire maggiori capacità di linguaggio. Allenarsi, addestrarsi, nello sport, è dispendio di tempo, di energie fisiche e psicologiche. Proprio mentre vogliamo dimostrare di essere la squadra più forte, bene allenati, entra la gestione dell’incertezza, per la pausa, che tutti dobbiamo vivere, nel 2020, speriamo anche per non tutto il 2021, necessaria per cause di forza maggiore, quindi SULLO SCHERMO, è un commento dell’attualità del fare, oggi, sport. Il periodo di allenamento- apprendimento, con un tecnico sportivo, serve a comprendere quello che non si era capaci di realizzare prima di lui, con quello che si è saputo realizzare dopo di lui. 

Photo by Kampus Production on Pexels.com

LA RAGAZZA CHE SCENDE DAL FURGONE.

Un caloroso saluto.


Nel Dicembre del 2020, nasce questa versione, di presentazione finale dell’ E- BOOK, che rimane online sino a Marzo del 2021. La storia del suono in una stanza, è ovvia, pensate al suono che si usa per riempire una stanza di amici, oppure del suono di una cena delle feste, noi che siamo invitati a queste feste, riconosciamo che le feste si fanno, con racconti per amici, ci dobbiamo fare le pagine che piacciono alle mamme, alle sorelle, agli amici, è un tipo di entrata vitale. Per un Istruttore, è anche ” vitale ” entrare, come alleato, in un settore essendo riconosciuto tra le migliori qualità professionali a disposizione, essere alleato di un Capo, di un Primario, cosa diversa, in tema di alleanza. La filastrocca, ha avuto, in una stanza, una lingua simile a questa, in modo che questo messaggio, dall’Istruttore vitale, si sentisse bene. Attenzione ad entrare qui sul web, per altro, Giuseppe Di Summa, non può fare vita da zingaro, stare fuori da queste stanze, non solo spesso come tutti, quando arriva una certa competenza, deve essere pronto al trasloco. Spesso, molti nello sport, sono disposti a correre, dimostrare il massimo della vitalità, aprirsi, come alleati, a discussioni contagiose, sulle migliori qualità professionali.  
La cifra della scuola, nei testi della scuola, che parlano i tuoi genitori, è ovviamente giusta, nessuno mette in considerazione, che non lo sia, Quindi ” hai capito chi è Giuseppe Di Summa “, uno che si deve fare le pagine che legge la sua mamma, il suo papa, sua sorella, nessuno contesta questa dimostrazione di affetto verso i parenti. E’ un modo giusto, di dire gli eroi del nostro pensiero, che ovviamente sono i nostri cari, che non ci fanno agire, scrivere, in modo automatico, come un satellite. Nonostante, la comunicazione online, l’E- BOOK, uno sport, il basket, con Giuseppe Di Summa, non è un collegamento via satellite. Sulle cose che piacciono ai propri parenti e amici si può andare in giro, in modo molto tranquillo, a chiacchierare. Le cose facili, che s’imparano in fretta, sono le migliori. Il docente, giusto, è quello che ti avvisa, che oltre vi sono le cose ” impegnative “, quando uno si prende la briga, infatti, di contare, quelli che entrano in un salone, vedendo che lo fanno come parenti, amici, con il numero di zero o quasi, la pagina che ti devi fare è quella tecnologica, spesso via satellite, devi sapere, che per avere una voce umana, ascoltata dai tuoi simili, da filastrocca, non solo dai tuoi parenti, ci vuole molta energia fisica e psichica. Il basket è un posto tranquillo, abbiamo in Italia, tutti nessuno escluso, degli ottimi docenti universitari di basket, che Giuseppe Di Summa riconosce competenti ed impegnativi, nonostante il basket sia per molti, giustamente, passione, una cosa di famiglia. Lo sport ha anche la cultura, che si lega con il benessere, non solo il momento teorico, di alto livello, di alta specializzazione. Per una teoria dello sport, spesso vi è la pagina bianca, noi che ci fermiamo all’Istruttore Minibasket Regionale, Istruttore di Pallacanestro, non possiamo che offrirti il nostro scambio formale, fatto di lezioni, clinic, incontri associativi, convegni, seminari, progetti. 
Dovessimo scrivere, queste considerazioni, in un tema d’italiano ? Dove finisce la lingua si è a corto di conoscenza, non solo spesso, si ritiene che la via migliore sia una cosa generale e nota, da proporre, non solo i gruppi sportivi, che dimostrano, che hanno rotto con te, non sono la tua famiglia,, che crescono, prendono il tuo posto, alzano i risultati il livello, sono la risposta migliore. Si ricorda, infatti,l che scrivere, tirare la palla, hanno dei ritmi educativi, l’esercizio, lo spostamento nel campo, possono essere come cose precedenti, oppure dimostrano di essere meglio, di essere una rottura, Devi stare attento, infatti, a garantire alle valutazioni della famiglia, della scuola, della sanità, il giusto apprendimento, dall’inizio alla fine, evitando di stare sotto quelle indicazioni, con periodi di rottura prolungati.
Salutiamo i grandi maestri, dicendo che noi non possiamo essere persone come loro, ad esempio, un bambino si aspetta che si sappia misurare il suono in una stanza, lo abbiamo appreso dalla splendida canzone Oceano di De Andrè, quindi il suono in una stanza non è cosa semplice. Non solo un E- Book deve sapere fare misurazioni tecnologiche, per essere una pubblicazione che viene usata, si pensi al e grande merito della Microsoft, che ha acquistato canali all news. Abbiamo sempre da rispettare scopi didattici- logistici- organizzativi, nel proporre qualcosa, ad un grande maestro dei maratoneti, che ha prodotto successi con le capacità di resistenza, non possiamo affidare un Istruttore, che gli fa avere un voto basso, non essendo in linea con i maestri. 
Chiudiamo con una chiara spiegazione. E’ certo che come vedete su CAMBIO GIORNO bisogna riconoscere, in questo tipo di attività che i medici sono un esame di economia aziendale, se si scrive cultura e benessere è normale accettarlo, non solo è l’impresa sociale a dimostrarlo. Questa è una decisione, un criterio, su cui si basa la scrittura dell’ E- BOOK. La disciplina, la formazione, le relative procedure, sono riconosciute e da rispettare. Non è pianificato, un intervento integrato, con servizi sociali e vigili urbani, per il fatto che non sanno la cifra del Progetto Minibasket, non essendo stata prevista questa integrazione, il problema sociale e relazionale, dello sport, è chiaro nello spazio che non ha una voce, non vi è lo spazio, anche per il fatto che la voce per molti è l’urlo di Tarzan. La nostra missione è compiuta, poi se la socialità per essere impresa sociale, a carattere lucrativo, deve aumentare, con l’integrazione, ovvia, in questo caso di Vigili Urbani e Assistenti sociali, la cifra di un E- Book non è certo 89 centesimi. Noi rimaniamo alla Filastrocca del Minibasket come accettazione e promozione del benessere collettivo, I laureati in Economia, si sanno rivolgere verso problemi vivi ed attuali, noi non siamo laureati in Economia, bisogna stare attenti, nelle statistiche a non nuocere alla serietà degli studi. Capendo il nostro problema, è come quello di tutti dire con la Filastrocca il nostro preciso programma, che se si continua sentire uno spazio dove non si ha voce, come spazio non esiste. 

VITTORIA

Il programma


Quando un Sindaco, per essere Professore, mette nella tua bocca, i piedi come camminano, le macchine come si guidano, per dirti di toglierti dalle strade, se non sai la strada, fa un ottimo programma, per molti se te lo dico persino io di votarlo, è la risposta. Questa è una dimostrazione assurda, di due concetti responsabilità ed utilità, di chi fa i programmi. Quindi quel suono vi è per una operazione razionale che deve essere una definizione. Come studiare le regole ? Prendi ogni libro, dalla tua biblioteca, è trova la parola, in esso, che sa definire. 

Costruire la nostra filastrocca.


Dagli interessi personali, all’organizzazione delle idee, da basta  con questi voti, ai voti alti, ricorda che mentre cammini, questa è la buona maniera i lacci delle scarpe, non devono toccare terra. Il ronzio degli insetti, è vicino o lontano, alla nostra idea. Il nostro discorso, la nostra parola, non si accosta su chi cammina con noi per la strada. Lo spirito, il proprio essere non basta, le quantità analoghe, a te, dell’impiego della forza fisica, con la domanda ” ma ti giova “, è già nella nostra libreria, quella del programma. Quando un politico, uno sportivo, ti dice questo lo riconosci bene, si parla del simbolo della sua autorità. Uno che la sapeva lunga è Ulisse, che dubita subito, questi mi hanno ingannato, sa riflettere, nelle sue prove, come un bravo cuoco che dice lo conosco da quando lo vidi mangiare. Non solo, arriviamo, ad un altro apprendimento, quello che per sapere bisogna calarsi negli altri, entrare nei vostri cuori. Una cosa che tu non hai mai visto, che per te non esiste, non mi piace, che si legga, infatti, s’insegni con i libri, sui libri che la vita è un gioco.
Come scriverlo ?Per Giuseppe Di Summa chi scrive benissimo è Omero, prediamo per un breve esempio, la sua Odissea. se il suono dell’Oceano, è bellissimo, nella musica, come citavano prima di De Andrè, pensate a come Omero rende visibile, l’immagine del mare, a marinai e fratelli. ” Nel solo ricordo possibile, nel silente mare azzurro, la vita insegna molto, vedi la stelle lontane “, quindi il mare e l’oceano iniziano a diventare suoni ed immagini vive. Anche il mare rende tristi, come scrivo io nel mio piccolo testo, quando si è finito di andare in giro, si mettono a posto le vele, oppure tutto oramai è sul fondo del mare. Giuseppe Di Summa, oltre che nel solo ricordo, può scrivere di essere innamorato di una sfida che si chiama vita, sapendo che con Omero si lusinga con le parole, anche quando si vuole entrare in combattimento, quindi Caro Bambino, anche ai tempi di Omero, si scriveva della danza e del gioco di palla.
Anche Omero ai suoi tempi aveva i politici, anche con la ” litania “, non so parlare, leggere e scrivere, non ho un lavoro, quindi anche lui conosceva la parte lamentosa, insistente, della filastrocca, non solo, capiva, come spesso, anche l’autorità, voglia un simbolo che è un espressione volgare ed irriverente, proprio Omero, sa scrivere dei guai che crea una visione che scuote, la gente, come, al caso dei suoi tempi delle ancelle infedeli. 
Quindi che testo scrivere ad un Sindaco che scrive un suono al cervello di un Professore, che serve a creare una comitiva, che riempia la palestra per il gioco ? Non si può certo rispondere, con la visione di uno studente di Economia, che vede otuput positivo, quindi profitto economico. Quindi le parti che sono in corso, che lavorano, vedono scritto altro, qui siamo al sociale, agli assistenti sociali, una persona con quelle definizioni terminologiche, non è un buon matrimonio, per fare un esempio. 
Vediamo, ad esempio, come una vera autorità, la migliore in ambito accademico, che è l’università americana, ha scritto delle parole su Omero, slewed their chariots round, uccise i loro carri intorno, si legge in Inglese, quindi la sfida, da accettare, è il matching tool, lo strumento di corrispondenza, trovare quello giusto per il testo, che può anche non essere un E- Book.

IL LITIGIO

Il verso antico.


Il verso antico, troviamo anche nella nostra Filastrocca, per farlo la biblioteca deve essere personale, creata appositamente. Potrei essere, scrive Giuseppe Di Summa, quindi un inglese, in partenza tipo, con I COULD BE, poi cambiamo con un ” semi- dotto , semi- filosofo “, quindi passiamo al latino, la metà, la parte che possiamo dire ” quasi “. Nella fitta nebbia, un verso antico colpisce alla schiena, non è più formula moderna dicesti. Quindi se è latino, tempo dei romani, la lite, il documento è competenza dell’arbitro, non essendo più latino, bensì inglese, l’importante è comprendere, come arrivare alle parole con autonomia lessicale, 
La Filastrocca finisce con questo racconto, non vogliamo uno scrittore e vogliamo che beve acqua, pericoloso se non sei nessuno tu e non sono nessuno io, quindi noi sappiamo che corrisponde ad Omero, se invece, il testo poi è ” liberamente scritto ” non corrisponde a Sheakespeare, ad esempio. il problema come insegna la Chiesa è il titolo che prevale. Nel 1940 ad esempio i laureati in  Economia, Giurisprudenza, Scienze Politiche, Statistica, erano della stessa categoria, non si potevano dire tra di loro che non sei ” nessuno “, altri menti, il nessuno era anche lui. Uno scrittore, nel mio caso di E- Book, esce da significato generico di studiare il programma, per arrivare ad un suo scritto personale, Vuoi un segreto, il primo giorno di iscrizione all’Università di Bari, il mio pc dopo 6 ore di file si blocca, era di Venerdì, poi prima dell’ultimo esame ho deciso di chiamare un blog CAMBIO GIORNO, proprio per cambiare questo Venerdì, questo giorno di Venere. Ognuno di noi ha il suo carattere, come soggetto, molti che ad esempio, come nel mio caso sono pacifisti, hanno nobili propositi, diversi da quelli che non hanno fatto questa scelta. La pace, con tutto lo sport, che non ci riconosce altro che Istruttore Minibasket Regionale Minibasket e Signor Giuseppe Di Summa, è sicura, proteste non ve ne sono, si tratta solo di capire anziani e bambini, che sono soggetti fragili a rompersi, ad andare giù di morale. Gli sportivi, sono cosa diversa, sono sempre in vita, pronti a germogliare, come un fiore,  vogliono lottare, per evitare refusi, sulla sceneggiatura, oppure il soggetto. 
Ora non sei dentro ad una classe, in cui un Istruttore, deve dare input alla categoria di studi descritta sopra, in modo magari che poi le strade escano solo con le sue lezioni. Sei nella Filastrocca del Minibasket, che non fa parte di questo tipo di categorie, è un posto tranquillo con Giuseppe Di Summa, che se un Istruttore non lo vogliono in Economia, in Statistica, Giurisprudenza, sorride, roba da scuola dello Sport del Coni, livelli che non sono i nostri. Noi siamo l’Istruttore della Filastrocca del Minibasket, la Regina del grande Amleto di Sheakespeare, che stiamo diventando in modo personale, nella Filastrocca, dice che la terra può togliergli le voglie e il riposo, cosa che spesso fanno i nostri nonni e i bambini. Il grande poeta britannico, sa dire, sempre nell’Amleto, che per un ludo, si chiede al pubblico, un ascolto benevolo. Qui, ” LUDO “, è un buon verso antico, è un motivo di ridicolo inganno o passatempo, è ancora un gioco uno spettacolo dell’antica Roma, a noi che abbiamo studiato il fascismo ricorda anche ” ludi cartacei “, per dire sono solo carte, che era usata da Mussolini, come modo per ridicolizzare le elezioni democratiche.  Quindi se te lo dico io di votare il nostro gioco e che sono democratico la presentazione è finita. 

 I contenuti.


Abbiamo finito di scrivere, non tutti possiamo pubblicare ” liberamente “, spesso, nel settore in cui operiamo vi è una conoscenza disciplinare di un corso da rispettare, in modo che vi sia il miglioramento di tutti, nella conoscenza. Non solo, spesso gli spazi, che lavorano, hanno suoni dei lavoratori, si pensi al panettiere che lavora di notte, al suono della impastatrice, del pane suo, che mangerai il giorno dopo, di primo mattino. Quindi i contenuti vanno rispettati, come anche le scelte commerciali, vedi quelle attuali sul commercio di prossimità, ad esempio, quindi se tuo Padre parla, il suo vicino fornaio, è contento, che ricorda il consumo del suo pane, come cosa di famiglia. quel suono nel suo panificio di notte, non gli da nessun fastidio. Questo non si può dire che non fosse mai accaduto, nella tua vita, tutti sono divisi in gruppi di lavoro, i panettieri fanno il pane, i giocatori fanno canestro, anche loro con le loro tecniche.
Come leggi scrivere, un verso antico, liberamente, è ovviamente una conquista di libertà. Oggi, non basta, questa conquista di libertà del mondo web, Se un Istruttore, vuole una pubblicazione, che il suono in una stanza sia preciso con un medico nulla da dire, se un Istruttore, vuole dire liberamente in televisione, che un grande atleta deve essere d’esempio, siamo alla routine quotidiana della informazione, con la sola differenza che una cosa è scriverle le comunicazioni, una cosa usare la voce per dirle. 
Un E- BOOK oltre a queste conquiste di libertà è uno sforzo, anche di stanchezza fisica, per pensare delle lezioni, se poi scopri di potere fare zero esercizi, nessuna lezione, nonostante il suo testo, si arriva alla psicologia dello sport, al suo grande valore, visto che l’individuo,nello studio, viene considerato una serie di informazioni che esistono, delle quali deve venire a conoscenza. 

L’ultimo chiarimento è sul diritto amministrativo e commerciale, molto importanti nella archiviazione di un testo, è chiaro che se un docente vuole un programma, lo insegna, è suo, se lo prende, lo dice lui, lo parla lui, lo scrive lui, è pacifico. Noi che docenti non siamo non abbiamo questa confidenza e riconoscimento legale con una materia, ricordato dal Diritto Commerciale italiano, a tutela del suo paese. Noi mettendo, questo E- BOOK ad 89 centesimi facciamo solo una verifica, chi vuole fare una prestazione sportiva insieme a noi, per chiarezza deve sapere che non è di un docente, altrimenti il fallimento del testo è in partenza. A seguire, abbiamo, il diritto amministrativo, rivolgersi ad un consumatore, con un testo, è cosa seria. vi è il nesso tra informazione e garanzia del consumatore, quindi chi scrive è solo un Istruttore Regionale Minibasket, con nessun altro tipo di qualifica, nel testo, l’attività pubblicitaria, di se stessi a volte è arbitraria, autoreferenziale, ha bisogno del controllo. 
La nostra verifica è altra, chi ha detto con un suono, in una stanza, alla Filastrocca del Minibasket, che c’era e ora non c’è più. Si sa, chi si occupa di sicurezza, vuole, giustamente, essere discreto ed invisibile,. un satellite per esistere, essere esistito, deve sapere elaborare velocemente le informazioni, superando limiti spaziali e temporali, se, con la nuova tecnologia, la rete non ha effetto, è solo per il fatto che si lavora in gruppo, non facendo risultare in maniera precisa, bensì con un artefatto tecnologico. La passione del nostro tempo, è commenti del nostro tempo, anche in un E- BOOK. quindi se andrà male, non ci leggeranno, non ci resta che auspicare l’apertura di un network tv, europeo, magari un Europa tv, in modo da cambiare le cose. Chi scrive è Democrazia Europea, come visione, ascolto, parola, il vero problema è che io sono europeista, chi viene dopo di me, o prima di me, non so, a noi dentro la voglia di vivere, che ritorna dopo il periodo di pandemia, potrebbe metterlo questo nuovo network televisivo europeo, ovviamente, come insegna il lotto, ad esempio, con la quaterna, quando non si paga la posta, non vi è ascolto, non vi sono numeri, non ci sono numeri, bisogna solo puntualizzare, che non siamo entrati in contatto, per la passione dello sport, ci siamo baciati, ci siamo, invece, solo e semplicemente salutati. con un testo. 

Pubblicato da cambiogiorno

Un progetto web concluso ed archivato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: