Paola Rambaldi – BRISA

BRISA è una storia nerissima, dove tutte le peggiori efferatezze arrivano all’improvviso.

È  ambientata, tra il settembre e il dicembre  del 1956, a   Gorino, un paesino alle foci del Po, dove non succede mai niente E ha per protagonista Brisa, una ventenne  abituata fin da bambina a fare i conti con un aspetto fisico imbarazzante – troppo pallida – troppo alta, con una treccia  nera troppo lunga e  due inquietanti occhi di colore troppo diverso che nasconde dietro un paio di occhiali scuri.

Ha un accenno di baffi e veste con vecchie palandrane che nascondono un bel fisico che tanto non vede nessuno.

Brisa vive con il padre e il fratello e sa  di non essere come tutte le altre.

Il soprannome Brisa (che nel nostro dialetto significa Non farlo) le viene perché ficca brisa in tutte le frasi.  È   la stria  del paese, una maledizione che la isola.

È la sensitiva che tutti cercano e temono. È quella che vede le disgrazie passando la sua lunga treccia sulle fotografie e che ama di nascosto Primino il figlio del Pompe funebri locale, senza essere riamata.

L’inizio è allegro: arriva il luna park per la festa patronale e un complesso suonerà i successi di quell’anno, si ballerà e si farà festa. Ma nella notte tra sabato e domenica, sparisce Lucianino il figlio della bella bottegaia del paese e la sua sparizione sfocia in tragedia.

I  personaggi son gente semplice, si chiamano per soprannome, sembrano innocui e  bonaccioni ma il marcio  nascosto dietro a sorrisi e atteggiamenti amichevoli, uscirà presto allo scoperto. Prepotente, violento e spaventoso. In un crescendo di malvagità, sulle note del primo album di Elvis Presley verranno fuori: pedofilia, vizi e violenze famigliari. Le forze dell’ordine,  rappresentate in due carabinieri   inetti, faranno ben poco e sarà Brisa  a risolvere  il caso rischiando in prima persona ma   riappropriandosi di tutto quello che la vita le ha tolto.

La vera e propria indagine comincerà solo dopo la parola FINE, quando il lettore avrà già la soluzione del caso.

Brisa ha anche ricevuto una lettera di complimenti di Pupi Avati che ha letto il libro ritrovandoci le atmosfere di molti suoi film.

Buona lettura e buone feste.                                                                                   

Paola Rambaldi

Photo by Pixabay on Pexels.com

CAMBIO GIORNO SPECIALE NATALE

Pubblicato da cambiogiorno

Un progetto web concluso ed archivato

One thought on “Paola Rambaldi – BRISA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: