Gentili insieme.

Un altra syndaction della tv italian è stata ” Cinquestelle ” fondata nel 1988, alla sua nascita aveva un collegamento con 26 televisioni, trasmetteva come oggi fa la tv di San Marino, programmi dal ” magazzino della Rai “. Su questa rete ha avuto spazio Gianfranco Funari, con il suo Funari Live, colui che si è autodefinito il ” giornalaio più famoso d’Italia “, famoso per una trasmissione su Rai 2 ” Aboccaperta: gli italiani che hanno qualcosa da dire “, tra gli argomenti delle puntate, interessanti, vi è “La parolaccia è indice di disinibizione, è una scelta liberatoria, o è soltanto e sempre cattiva educazione?

Photo by Lucas Ettore Chiereguini on Pexels.com

Sempre pronto alla ” battuta ” Funari, con espressione che andavano al di là delle classi sociali, non ci sono solo i ” nobili ” da riconoscere, quelli che vogliono un linguaggio standard. Il genere televisivo, come viene parlato, è un fenomeno stabile, transitorio, come ricorda recentemente in una trasmissione tv di SKY, una giornalista, che le “parolacce ” in televisione ci siano non è un bene. Nel passato in tv vi sono stati gli insulti tra Friedman e la Mussolini, con lei che da del ” cafone ” per non fare finire il discorso, siamo su la 7.

Nella lingua italiana la parola ” torpiloquio ” si usa per segnalare un espressione volgare, offensiva, anche se il linguaggio è specializzato a fare cogliere l’uomo e la sua rabbia, sorpresa, disgusto, divertimento. Alle parole si può dare un tono non volgare, Cazzo diventa Cacchio,CavoloCaspio.

Paolo Bonolis, grande conduttore televisivo, che di sicuro conosce le syndacation, i network televisivi, in genere, scrive un libro dal titolo ” Perchè parlavo da solo “, racconta il suo viaggio, con un diario intimo.

Il cinema insegna che bisogna fornire dettagli sulle strutture visive, avere un livello narrativo, esprimersi in modo ideologico, sono questioni di genere, si sa che nel linguaggio la sua costruzione, in televisione, come al cinema, alla radio, ha importanza l’enunciazione.

Come dire ?

Appassionati e professionisti, per usare le enunciazioni tratte dai programmi tv di Cinquestelle, spiegano le stagioni di successo, dei festival, con spettacoli affascinanti, diurni e notturni, che riguardano gli spettatori ( tratto dal Servizio Redazionale di Tigi Oggi CINQUESTELLE TV registrato in spiaggia di Tagliata di Cervia in occasione del 1° Festival Mondiale dell’Aquilone in programma dal 18 al 28 maggio 1995 )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...