CIAO CIAO ITALIA

Photo by Anastasia Dav on Pexels.com

La passeggiata per Roma, dove non mi conosce nessuno, viaggio in ” incognito “, ha dato i suoi frutti. Quando vi è un timore, l’intervento psicologico, come nei casi di ” memoria che non ricorda “, è fondamentale. Noi sappiamo di avere detto ” dove vai senza la cultura di una piazza e di un’università in Italia “, un modo per dire che si vuole illustrare dove conduce un ” paradigma ” nella vita, spiegando che l’espressione ” zelo “, ” pignolo “, non è esagerata, ci manca solo la difesa pubblica, i suoi apparecchi, da fare funzionare, per potere andare in ” giro ” con successo, sapendo che compare, per tutti, per molti, l’estinzione di un possibile rapporto di lavoro. Quindi il rapporto di lavoro che non vedrai con Giuseppe Di Summa è quello di docente, di ogni ordine e grado, in nessuna città d’Italia, chi scrive esce come un ” fulmine ” appena sente questo lavoro, diciamo che nessun lavoro si presta per interposta persona, come contemporaneamente a chi ne ha diritto, quindi ” italiani ” con tranquillità potete ritornare alle vostre piazze, con i vostri docenti, nulla in contrario.

Photo by Polina Kostova on Pexels.com

La passeggiata, come previsto ci porta sui ” sanpietrini “, ospiti del Sindaco, il legame con la storia, varia da persona a persona, da tempo a tempo, da come si vive nella società. E’ chiaro che in ogni città, in ogni tua passeggiata, s’inserisce la dialettica dell’autorità, come quella della libertà, abbiamo già detto che non siamo un ” guru “, ricordando che per vizi di merito, si può annullare una presenza per le strade, la competenza va riconosciuta, non vi devono essere conflitti.

Photo by Olga Vunder on Pexels.com

A Roma allora non dobbiamo più tornare ? Per scrivere sicuramente non più, avendo concluso la scrittura sulla storia dei romani, della chiesa, del fascismo, che ovviamente a Roma, è stata da me raccolta alla fine degli anni ’90, prima dell’ingresso nel ” duemila “. Io stesso non visito Roma dal 2005, è la città dove s’impara il linguaggio costituzionale, capire che gli Enti si propongono fini istituzionali. Quando sta accadendo qualcosa, un progetto politico, collettivo, deve raggiungere una ” finalità “, riflettere è importante, anziani e giovani, che ci vivono, vogliono e devono dare giudizi migliori dei nostri. Noi sappiamo che Roma è rispettata su ” scala internazionale “, in questo senso, può aggiungere come sempre doverosi principi, visto la presenza della Chiesa, soprattutto sui diritti umani. Il nostro viaggio e la nostra scrittura sono conclusi. Vi saluto, con questo aggiornamento, dei miei testi in italiano ed inglese, su ACADEMIA EDU, ricordandovi che chi scrive non è nessun docente italiano, sull’insegnamento non esprime nessuna ” prova contraria “, anche chi agisce occasionalmente,nello studio, deve riconoscere il merito dei docenti, il grado di Giuseppe Di Summa è solco quello di ” blogger ” che in forma specifica, fa conoscere cose, che chiunque ha studiato, apprende con ” normale diligenza “.

Photo by Pixabay on Pexels.com

Sul libro ” Le cronache di Narnia ” si può leggere :

 “Fatti, non parole: questa è la parola d’ordine.” Pag. 1105

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...