AVVISO AL LETTORE : Il Blog CAMBIO GIORNO, dal 31 Gennaio 2023, ha chiuso tutte le sue rubriche. E’ attiva solo la sezione Parlare e dire di politica.

IL PERCORSO, AMORE, LETTERATURA.


In quale città hai detto ” ti amo “, ” TI VOGLIO BENE “, hai avuto una storia. Il nostro romano, nella domus esercitava il completo controllo sulla moglie, da questo rapporto nasce la parola struttura sociale per sapere cosa sia ereditato e trasmesso oggi : La struttura sociale, con religione e tradizione, le regole erano in mano agli uomini e ci si aspettava che le donne le seguissero. Noi abbiamo il problema della differenza tra un testo tecnico, rispetto ad uno che serve solo alla divulgazione, alla lettura, passando il tempo. Direbbe Giuseppe ” coming up go to the step one :cover story about us “.


IL MODELLO OPERATIVO.

Iniziamo col politico, che ha saputo fare il discorso della Montagna, non solo per dire sono nella tua casa con gli alpini, dicendoti guarda che sono io che ti faccio domanda, “come potrai dire al tuo fratello ‘permetti che tolga la pagliuzza dal tuo occhio’, mentre nell’occhio tuo c’è la trave?”. Giuseppe risponde, con un testo.


COSA IMPARARE.

Ti presento una recensione di storia, scritta negli anni 90, quando si diceva si saprà la verità sul Fascismo, si direbbe quindi, come è stato,che ogni politico che aspira ad una direzione politica, lo dovrà sapere, come dire il ” buffone ” sarà sostituito, da chi è nella ” realtà “, quando uno nella vita scrive di quelle che sono opere, buone o meno, deve aspettarsi lo ” pseudonimo “, un modo di dire ” alleato “, se quindi l’opera non è completa non sarai compreso ed appoggiato.


Nel solo ricordo possibile, nel silente mare azzurro, la vita insegna molto, vedi le stelle lontane

Giuseppe Di Summa

Il piccolo principe.

Il piccolo principe.
Il piccolo principe (Le Petit Prince) è datato 1943, racconta che viaggiare nello spazio, fa conoscere diversi personaggi strani. L’autore lo scrisse negli Stati Uniti, mentre abitava nella “Bevin House” di Asharoken, Long Island, NY. Il fiore, proprio lui, che ha deciso di partire, il Piccolo Principe lo ha conosciuto portandogli la colazione, lui il Principe, ha già conosciuto il pigro che non vuole viaggiare, prima del bellissimo fiore, che ha osservato a lungo. Lo dice chiaramente il protagonista che la terra non è un pianeta qualsiasi, non è solo in mano a geografi, uomini d’affari, il Piccolo Principe, in poche parole possiede un fiore, lo innaffia ogni giorno, ha idee molto diverse rispetto ai grandi. Avrebbe dovuto non ascoltare il fiore, non rinuncia mai il Piccolo Principe, a fare delle domande, non gli sfugge nemmeno l’argomento sul fiore e le sue spine.Così l’autore del testo esprime l’amore per il fiore. Si tu aimes une fleur qui se trouve dans une étoile, c’est doux, la nuit, de regarder le ciel. Se ami un fiore che si trova su una stella, è dolce, di notte, guardare il cielo. Una riflessione finale va aperta sulla distanza o meno che ci separa dall’aiuto, di chi ha letto prima di noi, ci aspettiamo di sentire come è arrivato al testo. sapendo che per molti, nella storia, Principe è stato un titolo nobiliare, aggiunto ad un nome, non a Piccolo .Spieghiamo quindi Piccolo come personaggio di pochi anni, sapendo che spesso su di essi si legge come vanno educati, oltre ad una serie di parole su come essere affettuosi con loro.

Photo by R. Fera on Pexels.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: