Necessità di riflessione sugli effetti futuri.

the world the way i want it
Photo by Daria Shevtsova on Pexels.com

La storia c’insegna che le spie possono arrivare a patti, sanno molto, non sono docenti, spesso non riconoscono i professori, non si fanno sfuggire nemmeno una lettera, darebbero nell’occhio.  Nella storia le elezioni si sono fatte con le liste uniche, ad esempio, quando si forniscono dati elettorali, oppure economici, le spie possono essere utili, si occupano, con riservatezza di questioni importanti.

Stare sotto un’amministrazione non è facile, a volte qualcuno trama, anche un sexygate, per cambiarla. Nel 2007, ad esempio, a Londra si apre un inchiesta sui finanziamenti occulti al Partito Laburista, i round diplomatici devono risolvere anche questi problemi, oltre a quello dei diritti umani, della sicurezza, della tecnologia, spesso i giornalisti scoprono le lettere scomparse, con cui le spie, non riconoscono le dottrine economiche, oppure politiche.

D’Annunzio in Italia, a Roma frequentò l’ambiente mondano, dove chi come lui dottrine rappresenta, deve sapere essere riservato, elaborò infatti la filosofia, arrivando fino a Nietzsche, nasce l’amore con la filosofia. Si diede alla vita politica, la sua produzione letteraria si sofferma su temi riflessivi e malinconici, il suo modello rimane sempre il super-uomo.

Il linguaggio dannunziano è potente, influenza la letteratura italiana, lui riesce a dire e farsi leggere.

Il problema resta, quello delle spie, che non fanno emergere le parole, ad esempio Bretton Woods, è un “ miracolo politico “, nel 1944, ci si chiede come riportare ordine nelle relazioni economiche internazionali, si accolsero anche i comunisti.

Qui dobbiamo scoprire altre dottrine, che non è facile fermare, quella, ad esempio, di Benedetto Croce, per cui il soggetto della storia “ è l’umanità comune a tutti “, lui ebbe un rapporto di amico/ nemico con Gentile, si confrontarono sull’etica del lavoro, alla luce del sole, per comprendere i problemi della vita.

Gli scienziati debbono chiarire i rapporti tra politica e mistero, spionaggio, visto che oggi alla politica si chiedono le decisioni giuste, quindi usare scienza nelle decisioni politiche è importante, un partito non dovrebbe mai dire di non volere un docente, ad esempio, di diritto amministrativo, le espressioni di mentalità sono importanti, la povertà intellettuale di idee va combattuta.

Molti scelgono nel loro rapporto con la dottrina un cammino di espedienti, di opposizione, di essere brillanti, anche se osservatori frettolosi.

La natura umana è dotata di forza nervosa, quindi togliere una dottrina, uno studio, dando fastidio, facendola risultare frutto di faciloneria e baldanza, vuole dire confrontarsi su progetti brillanti e lungimiranti.

Per chi scrive non vi sono partiti o docenti che non si riconoscono, non ho questi problemi, seppure nelle mie pubblicazioni, nei post, leggerai sempre della difesa, in inglese, americano, del pacifismo, dell’importanza della globalizzazione.

Quando ci si riferisce ai “ soldi “ bisogna stare attenti, è chiaro che un abilità nel lavoro di politico, di professore, deve essere imparata, non insegnando io nulla, si sa la parola “ gente “ oppure “ popolo “ ci gioca dei tiri mancini, anche dei “ colpi bassi “.

Il successo, quando si conquista, soprattutto in “ patria “ rende meno grossolani, stare in categorie sbagliate, di lavoro, fa consumare forza psicologica, quindi il lavoro da proteggere, nella lettura, nella scrittura, è una necessità, seppure Giuseppe Di Summa non si occuperà in nessun modo di insegnamento oppure di candidature politiche.  Sarebbe suggestivo, nella pluralità dei post dal nome parlare e dire di politica, non avere chiuso ogni facoltà di economia, come leggi, sapendo che spesso il denaro crea un pensiero che ci porta a riconoscerci solo negli “ imperativi di mercato “. La totalità degli scritti di chi scrive su argomenti economici è chiusa in data 23.01.2019.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...