woman holding firecracker
Photo by Murilo Folgosi on Pexels.com

Nei posti, di questo 2018, che chiudono il nostro piano di COMUNICAZIONE, quindi comunicare messaggi giusti, alle persone giuste, al momento giusto. Il nostro obiettivo è rendere reale quello che leggiamo spesso, nei POST, tra ” virgolette “, è difficile da credere che la parte interessata sia ” chi insegna “, oppure chi ha fatto ” servizi tecnici “, oppure ” chi ha fatto il militare “, spesso quelli cui ” il loro comportamento ci piace “, sono stati dei ” bravi alunni “, sono grati ai loro educatori.

Questa programmazione è finita.

La domanda è ” lei quanto ha speso ? ”

Ci dicono che per Natale, in linea con gli ultimi anni, gli italiani spenderanno 171 euro a testa per i regali, il bambino quindi deve essere oggi capace di imparare ad essere un nuovo consumatore, la mappa mentale cambia, il denaro, la disponibilità è diversa.

Quindi a cosa servono le virgolette ?

A ricordare che la frase è :

  • troppo diretta
  • gergale
  • tecnica
  • metaforica
  • figurativa
  • ironica
  • dialettale
  • una parola straniera

Si dice ” tra moglie e marito non mettere il dito “, quindi non ho scritto nessun ” battibecco ” tra marito e moglie, tra fidanzati, amanti, diciamo che i contenuti appresi durante un percorso, sperimentati nella scrittura, come in ogni buon ” project work”, sono diventati una vera ” cover land ” l’idea che soddisfa alla fine, è proprio quella, ripetere un grande successo comunicativo, di parole, immagini, con il suono.

Il contesto lavorativo, formativo, deve sapere realizzare un concreto progetto di comunicazione.