shallow focus photography of chocolate cupcakes
Photo by Acharaporn Kamornboonyarush on Pexels.com

 

Il valore aggiunto di mio nonno era già il cioccolato, che si usa anche per fare diversi dolci, i cittadini si organizzano adesso che arriva Natale, per mangiare diversi tipi di cioccolato.

La classica torta al cioccolato, con latte, burro, uovo, piace sempre, è un classico vedere una torta che prende il colore scuro.

In spagnolo si dice ” a escola viver “, la scuola vive, grazie alla comunità, al rapporto con esso. La genesi della nostra torta, viene anche da una buona scuola di cucina, che con equilibrio, presenta ricette a prova di collaudo, per andare sul sicuro.

Il cuoco domestico, diverso da quello della scuola di cucina, lotta anche a volte per riscaldare il forno, per le proteste della moglie, si sente dire che farà un pasticcio. Il nome cioccolato, lo sappiamo, viene dai nobili spagnoli, che non tolleravano un suono per una bevanda per nobili, scelsero un nome diverso, rispetto a quello che si presentava, decidendo per cacahuate no, chocolate si.

Intime questioni, nell’ambiente domestico, si risolvono poi se la torta è buona, esce una cosa buona per lo stomaco, buona sia calda, tiepida che fredda.

Il cioccolato ” amaro ” è chiamato ” fondente ” , contiene alta percentuale di cacao, sappiamo che anche il cioccolato ha un prezzo come merce, che dipende dalla qualità e della quantità delle risorse ambientali, dato che è un alimento che dipende dall’albero del cacao.

Ricordando il concetto di investimenti internazionali, nel settore ovviamente, vale la pena ricordare che Il 70% dei semi di cacao del mondo proviene da quattro paesi dell‘Africa occidentale: Costa d’Avorio, Ghana, Nigeria e Camerun.