two person playing tennis
Photo by Mudassir Ali on Pexels.com

Il suono trasforma il nostro corpo, muore in noi ogni speranza, se in uno spazio non possiamo muoverci per il fischio dell’arbitro, oppure facciamo corsa non riusciamo a dimagrire rimaniamo allo stesso peso, si sa tra il suono e il movimento vi è un forte legame, una buona scuola sa fare raggiungere alti livelli, spesso è quello che chiedono a colui che chiamano ” coach “, che rappresenti una buona scuola, di provenire da qualche parte, l’esperienza giusta è qualcosa di ” terrificante ” con i giovani.

Il suono ci fa pensare alla musica, il percorso uditivo e motorio sono molto importanti nello sport, oggi nella programmazione informatica, dobbiamo prepararci ad affrontare il campo da tennis, che sarà lo sport, è il mio preferito da sempre, del quale scriverò nel 2019, vi assicuro che ho giocato molto a tennis, seppure non sono un ” coach ” di questo sport, piace, oppure dispiace, i maggiori consigli vengono dai propri idoli. Da buon brindisino, ho amato sempre Flavia Pennetta, grande tennista, la scuola giusta, ti fa scegliere le tecniche da guardare, per farlo devi osservare, chi scrive di ore di tennis ne ha viste tante.

Chi ha praticato altri sport sa cosa è ” insostituibile “, riesce a dire ” noi lavoriamo sempre ” crea un valore sportivo, negli sport di squadra per tutto il team, come per il giocatore singolo. Avere voce nelle decisioni, nella società, nel gruppo, trovare uno che sa essere attivo e inclusivo in uno sport, cosa importante. Attivare il cervello, non fare smarrire l’importanza della conoscenza umana, si differenzia, infatti,  tra sedentari e sportivi, fare morire un allenatore applicando la scienza dell’allenamento sportivo, per fare una battuta scherzosa, incoraggiare, guardare alle prossime sfide.

Che intenzioni hai di scrivere di tennis ?

Quando tuo figlio sceglie uno sport, da come è intenzionato si capisce se dura, io sin da piccolo ho scelto il tennis, il mio amore dura da una vita, è ovvio che ho dovuto praticarne anche altri, soprattutto calcio e basket, come è ovvio che nessuno deve fare dello sport una mania, sapere subito capire quanto bene hai giocato una partita, considerare situazioni di coach, di giocatore, cogliere le opportunità ufficiali, curarsi.

Se, chi scrive, oggi con il peso che ha facesse 40 minuti di basket, non gli faccio, consumerebbe circa 520 kg, sapendo benissimo che anche dormendo, stando fermo si consumano. Un ora di camminata, chi scrive cammina sempre più di 10.000 passi al giorno, arriva a 424 calorie, quindi più o meno, ancora riesco a farmi i 40 minuti di basket. Un ora di tennis, ricreativo, in base al mio peso, come lo gioco io mi porta a perde circa 575 calorie ( just to need the sound off – solo incontrare il bisogno di suonare )

Debbo dirlo, se nello spazio vi è un suono, mi muovo, poi le calorie che perdo, non scompaiono dal peso, ho un problema di motivazione, nel tennis non esiste essendo innamorato di tale sport, per molti il silenzio è impossibile, poi il suono viene usato per richiamare l’attenzione su quello che facciamo, probabilmente non lo facciamo con amore.

Se ci troviamo in un ambiente sconosciuto, non abbiamo fatto amicizia, non sappiamo i nomi delle persone, di suono ne sentiremo molto, non solo stimolati al ” ci conosciamo ? ” da suoni, immagini, potremmo pensare di vivere al buio, in un luogo poco sicuro.

Ho bisogno dunque di fare amicizia, conoscenza, faccio suonare tutte le canzoni, che ci rendono ” amici “.

Tra le news si sente, si può sorridere sonda, si sposta, arriva sul pianeta ricevuto il ” beep “, un piccolo suono, da usare, possiamo capirlo tutti, quando lo spostamento è giusto, raggiunge la quota, di uno studio, il punteggio preciso, è cosa diversa dall’usare un cercapersone.

Un suono che si conosce dopo che è avvenuto il ” bipartirsi “, ci si è divisi in due parti, quindi sul corpo, nel cervello, ora ci vuole la voce onomatopeica, per riprodurre quel suono, visto che  gracchiarestrisciarebisbigliorimbombo, bau bau , miao ,  pio pio, come tutte le trascrizioni foniche devono creare un nome che abbia un significato, quindi quando si è diviso lo spazio, i nomi cambiano significato, per questioni operative, non parliamo dei suoni umani brrr o etciù,

Se non ci conosciamo più, la musica, la sua capacità espressiva, artistica e letteraria, cambia, nulla può la raggiunta maturità che ci invita al silenzio, nel mondo dei giovani non è possibile.

person standing on manhole cover
Photo by Sebastiaan Stam on Pexels.com

Che mi sono perso con le mie scarpe ?

Se le tue scarpe potessero parlare, chissà cosa direbbero sulle cose segrete che fai.
(Sherley Mondesir-Prescott)

Non è il caso, di conoscersi tanto, a volte, per dirsi ” i profondi segreti “, come gli ha scritti, benissimo, la musica, al tempo dei grandi cantautori italiani.