Fëdor Dostoevskij

sunset sun horizon priroda
Photo by Pixabay on Pexels.com

Quando un mortale vede i sogni, arriva a vedere anche il cambiamento di essere andato a scuola, all’Università, del vedere un sole vero, oppure una copia, di come ci si presenta agli sconosciuti.

Finisce in un campo la vecchia verità, nel sogno ci si potrebbe perdere troppo, si arriva all’incredibile, al non sapere rispondere, all’esame impossibile, alla pubblicazione impossibile.

Questo scrittore e filosofo russo, che ha conosciuto l’arresto per partecipazione a una società segreta con scopi sovversivi, passa oltre, come tutti quelli che scrivono vuole universi a noi, i suoi lettori, il suo pubblico.

Come scrive lui in Sogno di un uomo ridicolo, mi appare chiaro che sono un uomo, non uno zero, quindi comprendo le mie azioni, una soluzione pratica è importante quanto una teorica.

Lui è uno scrittore, un grande scrittore, autore di Delitto e castigo, Le notti bianche, Il giocatore, un altro Professore di Giuseppe Di Summa, anche se lascia degli scritti sul ” cittadino “, critica Cavour, il mio idolo politico, riconoscendoli comunque dell ottime doti diplomatiche, ha scritto tanto anche i ” Fratelli Karamanzov “, ha descritto detenuti, come mogli e amanti, con grande brillantezza.

Un uomo altolocato e liberale di idee, la psicologia come un’arma a doppio taglio, lo spirito positivo, che non ti rende noioso, arrivano proprio alla sua penna.

 

Prendiamo un idea molto semplice da lui, proprio sul sogno, scritta per leggerezza, qui, rispettando la nobiltà dell’autore : ” Hai visto un sogno, un delirio, un allucinazione ? ”

Di Summa direbbe ” hai mai visto un pianto ? “, una contingenza, una occasione di scrivere dopo di lui, di una cosa triste e dolorosa, per usare una frase interessante : “La contingenza che fuori del quaderno della vostra materia non si scrive”

Quindi ho trovato ” un cenno “, nella sua scrittura, per produrre una frase, una domanda, più verso un luogo comune, dovendo rispettare la materia creata da questo grande autore.

Possiamo parlare, insegna Dostoevskij se un nostro fratello può spiegarsi, se non può lui, potremmo deciderci a stare in silenzio, poi quando arrivano i cenni, non solo nell’ascolto, anche nella scrittura, al segnale, si sceglie il momento adatto, per molti quello che sogno, è la cosa migliore da ascoltare in un pianto, per me, oltre al sogno vi sono le preghiere, come quelle dei nostri fratelli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...