La leadership.

Guidare culturalmente, politicamente, come manager, delle persone è cosa seria. La città di Roma, con la quale chi scrive ha chiuso ogni rapporto nel 2005, con la mia ultima visita, merita una riflessione, su come si aiuti gli altri a realizzare quello che desiderano.

midsection of man holding hands over white background
Photo by Pixabay on Pexels.com

Una buona occasione è mettere in buona luce un superiore, riconoscerne l’autorità, dare la possibilità di fare esercitare la funzione di guida, riconoscere i mezzi a sua disposizione.

La radiosa città di Roma, piena di statue, è una guida, lo abbiamo letto negli studi, megli interessi, non tutti, questo lo sappiamo, sappiamo fare vedere una vera leadership. La motivazione, lo spirito di squadra, sono importanti, dobbiamo accettare chi predica il cambiamento, chi sa andare in giro con questi mezzi, che gli diamo.

pexels-photo-164560.jpeg
Photo by Pixabay on Pexels.com

Un leader deve gestire la paura, che non si avrà un lavoro, soprattutto tra i giovani. Denaro e successo, cambiamento, si fanno sentire nel tempo, nella vita, il denaro si sposa, con chi crea un business di qualità.

I leader creano lavoro, sanno gestire il cambiamento, appaiono sui social, sanno investire tempo e denaro nella ricerca. Il leader, vuole fare il Manager, avere successo nel lavoro.

Bisogna entrare nel mondo del lavoro, rimanerci, essere aggiornati, su comunicazione, ricerche di mercato, arriva per tutti il momento, quando i leader, non ti fanno arrivare questi aiuti, pensi di metterti da parte, di capire quando la disciplina, la formazione, delle risorse umane, ha creato le differenze.

Non basta essere innamorati di una cultura, da essa bisogna anche ricevere, non solo il denaro, che rende felici o meno. Le proprie aspirazioni vanno fatte diventare realtà, si capisce pure quale è l’atteggiamento verso la comunicazione, se questo ti convince.

Si dice che ” con la cultura non si mangia “, ognuno in base al suo status sceglie i programmi radio e tv, gli operai hanno la loro precisa cultura, per esempio, le loro abitudini radio e tv.

Il personale ha bisogno di sentire parlare delle imprese, della lettura, della filosofia, gli psicoanalisti avvisano, state attenti a quelli che dicono ” io sto in comunità”, dato che hanno ragione, va recuperato il concetto di quello che si condivide.

Quello che leggi su Roma, che condivido, lo trovi in questo spazio web, non è un lavoro di successo, un posto nella leadership, si sappia che il dialogo è importante, non fare e parlare da solo, è fondamentale, come avere le cifre per lavorare.

Costruire un territorio, come quello di Roma, dove vi è stato un apprendimento reale, non è stato facile, rimane un’esperienza conclusa nel 2005. Chi scrive si è poi laureato a Bari, che confrontata con Roma, ha fatto scartare molte ricerche, praticamente tutte, che ovviamente non mi ha ispirato verso risultati eccellenti, seppure mi ha fatto, come Città, incontrare il tempo, i commenti del nostro tempo, l’importanza della pianificazione giornaliera, delle perdite di tempo, la formazione professionale, l’importanza della propria situazione psicofisica, cose a cui devono stare attenti tutti i Manager che si rispettino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...