Ambiente teatrale

d martin luthers book page
Photo by Pixabay on Pexels.com

Shakespeare, un altro mio Professore, il più amato. Love’s Labor’s Lost presenta la scena più lunga (5.2), la parola singola più lunga ‘honorificabilitudinitatibus’ (5.1.39-40), e (a seconda delle scelte editoriali) il discorso più lungo (4.3.284-361) in tutte le opere di Shakespeare (vedere “Data e testo” sotto) – Fonte Wikipedia –

La scena più lunga, la parola più lunga, il discorso più lungo, quindi lo abbiamo imparato qui.

All’opposto, possiamo recitare un pensiero di Martin Lutero, che sostiene “Bisogna pregare brevemente, ma spesso e con intensità.“.

Quindi ha vinto chi è ” logorroico “, quindi chi eccede nella verbosità, nella loquacità ? Citando Wolton, si può dire che la comunicazione, che studia i media, lo spazio pubblico, deve scegliere l’uomo e la democrazia, piuttosto che l’economia, mi si permetta di dire che chi scrive la pensa proprio così, sceglie uomo e democrazia. Nel suo libro “Informer is not communicating”, pubblicato nel 2009 dal CNRS, ha reso popolare il termine incommunication ( fonte Wikipedia ).  La mancanza di comunicazione, della ricezione del messaggio, è un problema della nuova tecnologia, in una buona comunicazione bisogna stare attenti a non moltiplicare i messaggi.

Di chi comunica si mette in discussione persino l’aspetto fisico, accade che chi, ad esempio, a 12 anni, era famoso, era motivato, aveva interesse,  senza i media odierni, nel 2018, a 45 anni nel mio caso, non riconosca parole e copioni teatrali, non basta produrre informazioni per comunicare, bisogna stare in rete, non sempre è interessante.

Vi è il pericolo, oggi, di non stabilire una comunicazione reciproca nella vita sociale. Questo fastidio è al centro dell’insegnamento odierno, quindi l’incomunicabilità della conoscenza, per chi fa lo scrittore esiste. Il lavoro d’amore, a volte, non può essere così lungo, se si sbaglia la città dove due si amano. Il vero problema è sapere se siamo in contatto, molti non se lo aspettano dal proprio Comune di Residenza, di origine, con il quale si pensa di essere in contatto per tutto il tempo da quando si è nati. Quindi si può diventare logorroico, oppure pensare di potere scrivere lunghe scene, discorsi, parole, poi si  capisce proprio dalle scelte editoriali, che questi discorsi non si possono fare, lo spazio, la voce, anche per democrazia, sono di altri uomini e donne.

L’energia artistica, arriva da un bravo insegnate di recitazione, da uno che ha frequentato l’accademia d’arte drammatica, a 12 anni, riconoscevo i copioni grazie al telefilm Saranno Famosi, ricordo quindi che il successo è avere un contatto con il mondo, che oggi lo si veda anche sui social è chiaro, ove si vede le gente che lavora con te, come si vede chi è come te, ti assomiglia, anche  se poi, l’attrice, dal soggetto, dalla sceneggiatura, come l’attore, come il cantante, ha delle parole, un suono che esce dopo un lavoro di scrittura, lungo e difficile.

Quindi : Amo scrivere. Amo il suono e la suggestione delle parole quando s’intrecciano con i sentimenti ( Hemingway ). Bisogna fare il doppio, quindi scrivere, trovare anche il posto giusto, si può citare ancora Hemingway ” Ci sono solo due posti al mondo dove possiamo vivere felicemente: a casa e a Parigi “.

Tutte le parole, le immagini, della vita di Giuseppe Di Summa, vengono da Roma, non ho scelto un modo social, un lavoro, per condividerle, di successo, meritano solo un riconoscimento, essendo nate quasi tutte queste idee prima del 1999, anno in cui ho fermato la mia ricerca di scrittura, poi il mondo social, ne ha permesso la pubblicazione.

Un attrice che mi fa piacere sia famosa ?

L’unica che amo veramente, a dire il vero, avendo diminuito il mio interesse, essendo comunque rimasto spettatore, è Nicole Kidman, nata nel 1967, quindi prima di me che sono del 1973, che sa cogliere bene il segno del problema “Gli attori hanno il privilegio di regalare sogni e amore a persone che non conoscono, che non hanno mai incontrato, ma la vita è un film molto più grande di uno spettacolo cinematografico.

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...