AVVISO AL LETTORE : Il Blog CAMBIO GIORNO, dal 31 Gennaio 2023, ha chiuso tutte le sue rubriche. E’ attiva solo la sezione Parlare e dire di politica.

IL PERCORSO, AMORE, LETTERATURA.


In quale città hai detto ” ti amo “, ” TI VOGLIO BENE “, hai avuto una storia. Il nostro romano, nella domus esercitava il completo controllo sulla moglie, da questo rapporto nasce la parola struttura sociale per sapere cosa sia ereditato e trasmesso oggi : La struttura sociale, con religione e tradizione, le regole erano in mano agli uomini e ci si aspettava che le donne le seguissero. Noi abbiamo il problema della differenza tra un testo tecnico, rispetto ad uno che serve solo alla divulgazione, alla lettura, passando il tempo. Direbbe Giuseppe ” coming up go to the step one :cover story about us “.


IL MODELLO OPERATIVO.

Iniziamo col politico, che ha saputo fare il discorso della Montagna, non solo per dire sono nella tua casa con gli alpini, dicendoti guarda che sono io che ti faccio domanda, “come potrai dire al tuo fratello ‘permetti che tolga la pagliuzza dal tuo occhio’, mentre nell’occhio tuo c’è la trave?”. Giuseppe risponde, con un testo.


COSA IMPARARE.

Ti presento una recensione di storia, scritta negli anni 90, quando si diceva si saprà la verità sul Fascismo, si direbbe quindi, come è stato,che ogni politico che aspira ad una direzione politica, lo dovrà sapere, come dire il ” buffone ” sarà sostituito, da chi è nella ” realtà “, quando uno nella vita scrive di quelle che sono opere, buone o meno, deve aspettarsi lo ” pseudonimo “, un modo di dire ” alleato “, se quindi l’opera non è completa non sarai compreso ed appoggiato.


Nel solo ricordo possibile, nel silente mare azzurro, la vita insegna molto, vedi le stelle lontane

Giuseppe Di Summa

Lettura : Antonella Fimiani ” Donna della parola “.

copertina

Il testo racconta di Etty Hillesum, scrittrice olandese, di origine ebraica. Una vita la sua che si svolge interiormente, spetta all’autrice Antonella Fimiani, che insegna storia e filosofia, occuparsi del pensiero, delle lettere, dei diari, che hanno come sfondo storico il periodo nazista. Una persecuzione che deve allargare i nostri orizzonti, renderci più umani, a dire della Hillesum, che spinge chi legge le sue parole a capire le parole di cui al tempo la scrittrice sente il bisogno.

Il titolo è quindi corretto, per chi legge, Donna della parola, proprio per il fatto che viene raccontata anche la parte femminile, seppure l’amore per tutti gli uomini, agli occhi della Hillesum, sembra essere più importante per l’amore per un singolo uomo ( ebbe una relazione con uno psico-chirologo Julius Spier ).

Privarsi delle forze migliori, assieme al proprio stato d’animo, non la portano solo a riflessioni poetiche, spesso oltre alla cura dell’anima, in lei incontriamo riflessioni sull’importanza del corpo.

C’è la paura di vivere, nel racconto di questa scrittrice, la Fimiani ringrazia maestro di studi, amiche, per la partecipazione e la linfa ai suoi studi, c’è un percorso di ricerca che ci porta nell’amore per l’umano, una Hillesum che cammina lungo il filo spinato, come scrive in una lettera datata 3 Luglio 1943, che sente una ” voce “, che descrive la vita come qualcosa di splendido e grande, si deve lottare per costruire un mondo nuovo.

La Hillesum vive in presa diretta un dramma, ha solo 27 anni quando viene uccisa a Auschwitz, nel 1943, prima di morire consegnò i diari con desiderio di pubblicazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: