Storia Mia – Due domande –

 

Il libro di Giuseppe Di Summa
Noi abbiamo affrontato la nostra parte della storia…..

Questo saggio, che è stato anche un vero libro, prima di diventare una serie di post programmati, nell’Estate 2017, scritti anche il quel periodo, è chiaro che risponde a due domande :

  • cosa dire ?
  • cosa significa quello che dico ?

Uno sguardo a……

Il concetto di imprenditore nasce come concetto della economia infatti è inteso imprenditore chi è ” attivatore ” ma oggi esso è più precisamente colui che utilizza i fattori della produzione organizzandoli , a proprio rischio , nel processo produttivo di beni e di servizi

Gli elementi caratterizzanti , dunque , della figura dello imprenditore sono : attività economica / organizzazione/ l’esercizio professionale / il fine della produzione e dello scambio di beni e servizi.

Mettiamo in chiaro come lo ” status ” di imprenditore è una qualità giuridica che implica una partecipazione professionale a determinati rapporti produttivi.

La ” concezione democratica dell’impresa ” emerse alla metà degli anni ’60 , opera una importante mediazione tra le opposte aspirazioni delle classi :

  • imprenditoriali : sempre più tese alla ricerca del c.d ” consenso sociale “
  • lavoratrici : animate dalla istanza di partecipazione ai meccanismi decisionali del processo produttivo.

Che cosa è l’Economia ?

Il termine Economia viene usato per quello insieme di fatti che riferiamo a un sistema a un sistema di agenti che mettono in moto un insieme di processi , i processi che appunto consideriamo oggetto di studio della economia. In Inglese vi sono due diversi termini : economics per indicare la scienza e economy per indicare il sistema economico.

Nasce la fabbrica e si diffonde la divisione del lavoro.

Adam Smith ( un filosofo scozzese che nel 1776 pubblicò un’opera destinata a segnare un punto di svolta nell’analisi dei processi economici ) e la divisione del lavoro.

Questo grande aumento della quantità di lavoro – scrive Smith – che lo stesso numero di uomini è capace di compiere in conseguenza della divisione del lavoro , si deve a tre diverse circostanze : in primo luogo l’aumento della destrezza di ciascun operaio ; in secondo luogo , il risparmio di tempo che si perde comunemente nel passare da una specie di lavoro ad un’altra ; infine , l’invenzione di un gran numero di macchine , che facilitano ed abbreviano il lavoro , e consentono ad un uomo di fare il lavoro di molti.

La cultura del mercato.

La propensione allo scambio mercantile diventa un momento fondamentale del sistema socio-culturale. Smith ritiene che tale propensione sia un tratto della natura umana che riflette una delle motivazioni principali dell’azione : l’interesse personale. In effetti – come hanno sottolineato diversi sociologi ( come Parsons ) e non pochi antropologi culturali – la motivazione dell’interesse personale assume diverso contenuto e significato nelle diverse istituzioni sociali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...