Sul Blog
You can put that in your blog.

 

LA CULTURA D’IMPRESA ED I PENSIERI MIEI.

Mettiamo l’Economia nel suo campo di studio, dalla teoria alla pratica, avviando una ricerca. Oggi vi sono voci rilevanti sulle spese, sull’indebitamento, cose che sono chieste, alla fine, a tutti i dipendenti di sapere presentare.  E’ un campo di studio, riguardante l’economia, da me ricostruito e studiato, sia per verificare la comprensione, sia per descrivere un mondo, non solo delle banche, che oggi, come ieri, è fatto anche di studio del divario tra nazioni ricche e povere, di commercio, famiglie, finanziamenti.

Dalle prime lettere sembra un foglietto di carta con delle cose semplici da fare.

Abbiamo perso una forma d’intelligenza ?

L’Italia ha i suoi studi, le parole che si insegnano agli italiani, che non sono le mie parole,  bisogna andare in note storiche importanti nel “ paese “ Italia, che già dal 1949 ha dei Ministri che hanno fatto richiami. Il programma di arrivo, delle parole, dei dialetti, è per molti la propria terra, il proprio territorio.

Che maniera di scrivere è ?

Trovare delle lettere e il loro significato, vuole dire rifarsi a contributi semplici, rispetto alla costruzione d’ indici, persino del PIL, che sono un percorso destinato a scovare punteggi corrispondenti a valori di redditi, patrimoni.

Il testo che leggi, nasce da ascolto di conferenze stampa, non certo dai consigli di noti studiosi come Amoroso che associa la lezione di economia a matematica e prezzi, noi siamo alla ricerca di semplici, credibili spiegazioni, la lettura è per noi un progetto, anche per quello che riguarda i dati del Censis.

Analizziamo un testo che si sappia presentare nella “ cultura d’impresa “.

Chi scrive non è un “ economista “, quindi da “ ragioniere “ vado a leggere dei dati, riguardanti spesso l’Unione Europea, per comprendere l’esibizione di discorsi, diretti oppure indiretti, che hanno come finalità, ad esempio, il commentare le scelte di consumo.

Come stanno i Manager oggi ?

Per loro una scelta di vita è dire “ si lavora !”

 Proposta teorica a un testo.

Ecco la seconda parte del testo, se le parole ci daranno la chance di finire il testo, di poterlo dire ad alta voce dipende da come sapremmo proporre la giusta teoria, senza dovere essere “ urlatori pubblici “.

L’impresa per affrontare le turbolenze di mercato, presenta quello che sa fare meglio, oggi c’è anche un rafforzamento geo-politico dei concetti dell’Unione Europea, si deve anche garantire un equilibrio verso americani e giapponesi.

Nelle famiglie sbarca la povertà.

Vi sono diversi strumenti utili per diagnosticare il mondo della cultura d’impresa.

Il concetto di soglia di povertà di una famiglia è di una certa importanza, anche il concetto di capitale umano, porta a sottolineare che nella gestione di un impresa vi sono le “ crisi “.

Tutti oggi siamo inseriti nella “ collettività “ , le regole devono essere attendibili, negli spazi pubblici è importante aprire il dibattito sulle “ vere “ performance aziendali.  La famiglia manda i figli a scuola per studiare, spesso oggi, tra le esperienze italiane, anche nei licei classici, vi sono presenze in azienda.

La performance misurata dalla contabilità è importante, oltre le statistiche, le imprese si battono per il miglioramento dell’economia nazionale. Il mercato, i prezzi che salgono o scendono, l’ufficio, la fabbrica, i prodotti, il Piano Marshall, sono sempre riflessioni sulla salute dell’Economia, ecco cosa accade nel partecipare ad una lingua che un uomo parla.

Vi sono valutazioni alte degli educatori, si pensi a quelle espresse nei libri bianchi, ad esempio da Delors, qui sappiamo oggi come ieri, la grande diffamazione che spetta ai personaggi pubblici che pensano solo al loro tornaconto, tanti sono i documenti importanti, un resoconto scientifico si fa su discorsi e parole, su opinioni, su studi, oggi hanno importanza nel cammino di riqualificazione del rapporto economia e politica i cittadini.

Vi è il problema della crescita economica e della globalizzazione, come vanno i paesi dell’euro in Economia interessa  tutti i cittadini, sui temi cosiddetti congiunturali, andamento dell’economia, contesto internazionale, vi è forte partecipazione degli esperti.

Ogni impresa, nelle sue strutture, conduce le sue performance, si aspetta maggiore redditi futuri, il gioco è leggere sostituendo i grandi manager, esperti, a noi, cosa difficile, anche impossibile a volte.

Dobbiamo seguire i passi del pensiero giuridico moderno, è ovvio, che non sono quelli del pensiero mio, di privato cittadino. Il problema dell’efficienza dei poteri ha la sua importanza, si sa quando si esprime il pensiero su qualcosa,  si è in sintonia, su altri punti si è in controversia.  Vi sono delle facciate di legalità presenti. Il diritto del momento è sempre criticato.

Ci sono diversi “ punti di vista “ in economia da sapere monitorare. Molti prendono come esempio i prodotti locali, il Made in Italy, non è che caffè, pasta, pane, la dieta mediterranea non abbia problemi, il portare un pasto a tavola è un bisogno di molti, non solo prodotti di qualità, vedi parmigiano, rischiano di vedere cambiata la loro produzione e commercializzazione. Sono problemi economici, come usare il treno oppure l’auto, che riguardano tutti gli uomini, la scarsità di denaro, di lavoro, ha la sua influenza.

Fossi devoto al denaro io Giuseppe Di Summa sarei ipocrita, non solo in un periodo di tempo l’Italia, nei suoi confini geografici ha la sua produzione, le sue attività, investimenti, vendita di beni, profitto d’impresa, i dati statistici, persino dell’Istat, dicono da tempo la crisi delle famiglie italiane che non riescono ad arrivare alla fine del mese, non tutti sono dentro al progresso tecnologico, non tutti si fidano dello sportello bancario.

C’è una interazione tra decisione di acquisto delle famiglie e vendite delle imprese.  Si consuma in base al reddito disponibile.

Vi sono delle influenze delle grandi imprese sulle scelte di consumo, si pensa al passaggio dai vestiti in seta naturale a quelli in seta artificiale, nel consumo si scelgono beni durevoli e non durevoli.  Se c’è una sovra-produzione rispetto alla capacità dei consumatori ci può essere una crisi.

Iniziamo a rilassarci, pensiamo come sempre da quale pulpito viene la predica, dalle imprese, che bene sanno che oltre al rapporto tra domanda ed offerta vi è la spesa pubblica, fatta di cose importanti come difesa, lavori pubblici, assistenza sociale.

Un prodotto italiano vince e si afferma sui mercati esteri.

Qui leggi una riflessione che si apre per la politica, che abbia credibilità scientifica ed autorevolezza giuridica, gli intellettuali, i cittadini, la loro rappresentanza politica non resta in silenzio, la dottrina adopera la sua vigilanza. La fiducia dei consumatori il problema del mercato del lavoro hanno grande importanza.

Prendiamo delle famose lettere, l’epistolario di Platone, che pone in evidenza come la filosofia sia un impegno civile fatto di riflessione sulla giustizia.

Il potenziale umano si collega a quello economico. Oggi per giustizia si deve discutere del valore del salario ( collegato a vita culturale , istruzione, godimento dei diritti di libertà )

Il management insegna che quello che piace al mondo, negli affari, diviene subito oggetto di studio della scienza dell’amministrazione, quindi l’esperienza imprenditoriale è importante.

Si passa dal rivolgersi a chiunque a chi invece ha un interesse diretto, particolare, legittimo.

Un imprenditore deve realizzare delle relazioni industriali sempre migliori, deve sposare una cultura di mercato, sa che dopo un economia agraria e commerciale è nato il mercato moderno, con la fabbrica, l’industrializzazione, il concetto di divisione del lavoro ha portato piano la macchina al posto del lavoratore.

Moneta e ricchezza hanno un loro significato in economia. La moneta è mezzo di scambio e di pagamento. La ricchezza di un paese, è data dalla somma delle risorse fisiche ed economiche di una nazione e delle risorse finanziarie dei suoi abitanti.

La grande discussione ha riguardato il debito pubblico.  Si origina questo debito quando vi è uno squilibrio tra uscite ed entrate nel bilancio pubblico nazionale.

In questo testo sono cosciente di avere semplificato il linguaggio, quindi per precisare il debito pubblico è segnato, in conclusione, da una politica economica e monetaria propria dell’Unione Europea, sempre più vincolante. Si deve assicurare una “ sana gestione finanziaria “.

All’interno del mercato del lavoro vi sono diverse teorie. Il mercato del lavoro non può non rispondere anche ad esigenze sociali. E’ difficile credere che il mercato del lavoro sia affidato ad un meccanismo di mercato puro.

Oggi diciamo che una persona è classificata come disoccupata se non ha un lavoro, un modo di dimostrare che il mondo capitalistico non è buono, nemmeno generoso, presso i Governi il problema del lavoro è fondamentale oggi.  Gli economisti si preoccupano della disoccupazione per gli effetti diretti sulle persone disoccupate, si preoccupano anche per il fatto che ci potrebbero essere risorse non utilizzate, oppure utilizzate male.

 

 

Bibliografia :

Libri consultati grazie a Google Libri. Solo per lettura.

Il diritto amministrativo: storia e prospettive

Autore : Sabino Cassese

Editore : Giuffrè

Lezioni di diritto amministrativo: Seconda edizione

Autore :  Marco D’alberti

Editore : G. Giappichelli Editore – Torino

Diritto amministrativo europeo

Autore :  Mario P. Chiti

Editore : Giuffrè.