Il sole e la luna

“ Il sole e la luna “

i

building architecture church monastery
Photo by Gratisography on Pexels.com

A partire dal secolo VII fino al 1870 il Papa non fu solo il pastore delle anime, rendendosi cura della comunità cristiana, in modo solidale, amorevole e fraterno, ha saputo come compito, il Pontefice, fino a quel tempo gestire un vero e proprio potere temporale. Il Papa, infatti, è stato il Sovrano dello Stato Pontificio dal 752 al 1870, Oggi il potere sugli uomini non è più definito temporale, si parla di “ potere politico “.1

La missione spirituale era iniziata ad unirsi ad una azione di Governo quando l’Italia centrale, fu invasa dai barbari, con il Papa del tempo, Leone I, che raggiunse un accordo con il capo degli Unni, un certo Attila, che porto la pace sull’intero territorio.

Gegrorio Magno 2 fu costretto dall’inattività dei bizantini ad organizzare la difesa di Roma, dall’invasione dei Longobardi, lotta che continuò anche per il suo successore Stefano II che chiese aiuto, nel 754 a Carlomanno.

La Chiesa non aveva un proprio territorio, anche se aveva molteplici donazioni ai “ Beati Pietro e Paolo “, proprio a seguito di una donazione, nacque lo Stato Pontificio. Nel 774 Carlo Magno, continuando l’azione di suo padre Pipino, donò ( Promissio Carisiaca3 ) al Papa Adriano, l’Esarcato di Ravenna ( Romagna più Bologna ) , le Marche, l’Umbria, il Lazio, parte dell’Abruzzo ed il Ducato di Benevento.

 

Lo Stato Pontificio che così nasceva non era indipendente dal potere dell’Impero Franco, rispetto al passato, il Papa non veniva più nominato dall’Imperatore, la ratifica non era necessaria per convalidare la sua elezione.

 

Carlo Magno, in merito ai rapporti, con Adriano, scriveva nei suoi Libri Carolini :

 

“ La nostra funzione è con l’aiuto della divina misericordia di difendere ovunque la Chiesa di Cristo contro gli attacchi dei pagani e le devastazioni, degli infedeli, di darle come difesa, al di fuori e al di dentro, il riconoscimento della fede cattolica, la vostro è con Mosè, di alzare le mani verso il cielo e di aiutare così la nostra lotta in modo che, con le vostre preghiere, sotto la guida e con la grazia di Dio, il popolo cristiano riporti ovunque la vittoria “.

 

 

 

Carlo Magno aveva un ambizioso obiettivo, quello di unificare tutta la cristianità occidentale, sotto un unico potere temporale e spirituale, tanto è vero che il giorno di Natale dell’800 a Roma, riceve da Leone III la corona imperiale, con la folla, sicuramente istruita a dovere, che gridava : “ A Carlo, molto pio Augusto.

Incoronato da Dio, grande e pacifico Imperatore dei Romani, vita e vittoria,……..”

 

 

 

1 Nel 1302 Bonifacio VIII promulgò la bolla Unam Sanctam Ecclesiam, in cui riaffermò la supremazia del potere spirituale sul potere temporale.-

2 Morto l’11 Marzo del 604 all’età di 64 anni.

3 Il documento contiene la promessa di donazione alla Sede Apostolica – 754-

Un poeta rimasto anonimo, è impegnato a comporre il poemetto Karolus Magnus et Leo papa, l’intento del componimento è politico, Carlo è l’unico sovrano che “ sa proteggere la Chiesa “, poi per molti l’ipotesi di Carlo come primo che crea uno spazio europeo è abbastanza azzardata.

 

Carlo Magno prescrive ai pastori e rettori delle Chiese di Dio di non tollerare nova vel non canonica.

 

Il progetto di Carlo Magno morì con lui nell’814. La conseguente divisione dell’Europa in tre tronconi e

l’inizio del regime feudale, segnarono l’inizio di un periodo oscuro per il papato. Nel X secolo si scatenarono numerose lotte tra fazioni, che portarono anche all’uccisione di un Pontefice, Giovanni X, vedendo

l’accrescersi del potere dei Vescovi, che conducevano una vita che di religioso aveva ben poco, tanto che Attone, Vescovo di Vercelli, nella metà del X secolo scriveva :

“ Mi vergogno di dirlo, ma credo sarebbe pericoloso tacerlo, che molti tra di noi, sono talmente soggiogati dalla passione, da permette a oscene cortigiane di abitare nelle loro case, di dividere i pasti con loro, di mostrare con loro in pubblico. Conquistati dal loro fascino, essi le lasciano dirigere la propria casa, fanno eredi i loro bastardi…….e per permettere a queste donne di essere ben agghindate, le Chiese vengono spogliate, i poveri lasciati nell’indigenza…..”

 

Oltre i Vescovi c’erano i Cardinali che godevano di un prestigio molto elevato, che fu riconosciuto loro dal Pontefice Nicolò II, il 13 Aprile 10594, con un decreto che fissava i modi di elezione del Papa.

Noi decretiamo e decidiamo che alla morte del Pontefice di questa Chiesa Romana, universale, i Cardinali- Vescovi, regolino con la più grande cura, la questione della successione. Essi faranno poi appello ai

Cardinali-Chierici, al resto del Clero e al popolo, per ottenere il loro consenso alla nuova elezione. Per evitare che il veleno della venalità si introduca, con un pretesto o con un altro, gli uomini pii siano i primi a promuovere l’elezione del Pontefice “.

Come ricorda Ambrogio M.Piazzoni5, la scelta del Vescovo di Roma, è ancora oggi un esempio di istituto elettorale, decine sono state le leggi elettorali, In nomine Domini diminuiva il potere laicale, la mancanza di alcune regole precise contribuì nel periodo successivo ad incrementare il fenomeno della “ doppia elezione “, prima che la situazione cambiasse, con Alessandro III, nel 1179, si contavano 14 Pontefici legittimi, con 11 “ antipapa “.

 

Contro la vita dissoluta del clero si lanciò uno dei pontefici più famosi della storia, eletto proprio con il nuovo sistema di Nicolo II, il suo nome è Gregorio VII, eletto nel 1073.

Nel decreto di elezione del 22 Aprile si legge che il nuovo Papa è “un uomo pio, un uomo potente nella conoscenza umana e divina, un amante distinto di equità e giustizia, forte nelle situazioni avverse, moderato in quelle favorevoli, di buoni costumi, pudico, modesto, sobrio, casto, un uomo la cui infanzia si è consumata nell’amore per la Chiesa Madre, il cui apice della sua vita è stata l’elevazione ad arcidiacono “6

 

 

4 In nomine Domini è una bolla pontificia promulgata da Papa Nicolò II il 12 Aprile 1059

 

 

 

5 Ambrogio M. Piazzoni LE ELEZIONI PONTIFICIE. CENNI STORICI E SPUNTI DI RIFLESSIONE

 

 

6 Registrum , I, 1

Il nuovo Papa si scontò con il sovrano germanico Enrico IV che non voleva la sottrazione della Chiesa all’Impero. Proprio da questo “ contrasto “ nasce il famosissimo Dictatus Papae – Affermazioni di principio del Papa7 – composto da 27 decreti, siamo nel 1075, in queste preposizioni il Pontefice sosteneva :

 

2……Solo il Pontefice merita l’appellativo di universale 3…….Solo il Papa può deporre o assolvere i Vescovi 12……..Al Papa è concesso deporre gli Imperatori

22…….La Chiesa romanda non ha mai errato e , come testimonia la sacra scrittura, non potrà mai errare 26…….Colui che non è con la Chiesa cattolica non può considerarsi un cattolico

27…….Il Papa può sciogliere dal giuramento di fedeltà coloro che sono soggetti a sovrani ingiusti. La tesi espressa in questi decreti è evidente : il potere spirituale è superiore a quello temporale.

Enrico IV non era molto d’accordo, nel 1076 i rapporti tra i due divennero tesi a seguito della scomunica papale ai danni dell’Imperatore8. Enrico decise di chiedere perdono e per ottenerlo fu costretto a recarsi fino a Canossa per umiliarsi. Nel Gennaio del 1077, mentre imperversava una bufera di neve, attese per tre giorni e tre notti, dinnanzi al portale d’ingresso del Castello di Matilde, inginocchiato, che il Pontefice lo perdonasse. Da questo fatto storico è nata la locuzione “ andare a Canossa “, in riferimento a chi si umilia e sa di avere sbagliato9.

Il Pontefice dopo avere concesso il perdono fu costretto a scomunicare il sovrano, per la seconda volta, nel 1080, questa volta, però, Enrico decise di mettere mano alle armi. Il Pontefice sotto assedio fu costretto a ricorrere

all’aiuto di Roberto il Guiscardo, l’Astuto10, che riuscì a rimettere le cose a posto, anche se a seguito del dispiacere il Pontefice morì nel 1085.

 

Apriamo una parentesi sulla terminologia. Nel Medioevo si credeva che il creato fosse voluto da Dio. La verità va ricercata nelle sacre scritture, tutti i saperi sono subordinati alla teologia. Il latino resta lingua scritta, nascono nella lingua parlata, le lingue volgari, che vengono poi applicate ai testi giuridici e letterari. Nei monasteri, i monaci, ricopiano a mano i testi dell’età classica.

 

Nella religione l’universalismo, si contrappone al particolarismo, si segnala l’opera di Graziano un monaco studioso di diritto canonico, che insegnava all’Università di Bologna, che scrisse nel Decretum11, che scrisse un insieme di documenti emanati dai Pontefici, mettendoli in ordine preciso, a seconda delle fonti.

 

Le Quinque compilationes antiquae sono successive al Decretum, furono completate intorno al 1191, sono un antologia, un opera non solo legislativa, anche destinata all’insegnamento.

 

Il conflitto nella Chiesa, per tornare al nostro tema, continua tra il Papa Pasquale II e l’Imperatore Enrico V, che raggiunsero un accordo nel 1122 ( Concordato di Worms12 ). Si stabili che l’investimento temporale, eccezione per i territori della Chiesa, doveva essere compiuta dall’Imperatore, mentre l’investitura spirituale spettava al

7 L’assioma “Al Papa è permesso deporre gli imperatori

8 L’umiliazione di Canossa

9 frase pronunciata nel 1872 dal cancelliere tedesco Otto von Bismarck: “noi non andremo a Canossa, né con il corpo né con lo spirito”

10 Roberto il Guiscardo compare anche nella Divina Commedia di Dante Alighieri

11 Il Decretum Gratiani, è stato ri-pubblicato nel 1582 . Risale al periodo 1119- 1140 ca )

 

12 il 23 settembre del 1122

Pontefice. Al Concordato lavorò Lamberto Scannabecchi, Cardinale, che poi sarà il futuro Pontefice, con il nome, di Onorio II. Veniva posto fine alla “ lotta per le investiture “, dopo il Concordato, si tenne il decimo Concilio della storia della Chiesa, che si tenne a Roma, in Laterano.

 

Coltivatore del sogno di stabilire la superiorità del Pontefice su tutti i sovrani cristiani fu un altro grande Papa, Innocenzo III, eletto nel 1198. Studiò teologia a Parigi, scrisse un importante opera13, De contemptu mundi. Fu eletto a soli 37 anni cosa non facile per la Chiesa.

 

L’azione di Innocenzo III fu favorita dalle difficoltà che attraversava Enrico VII, che era stato messo

ripetutamente in crisi dalle rivolte dei Comuni, dai tentativi delle città marinare d’impadronirsi della Sicilia. La mancanza di prestigio dell’imperatore fu un punto a favore per il progetto del Pontefice, che espresse in questa maniera le sue convinzioni.

 

“ Il rappresentante di Cristo, il successore di San Pietro, pur essendo meno grande di Dio, è più grande

dell’uomo….Noi siamo stati messi da Dio al di sopra dei popoli e dei regni. Nulla di ciò che nel mondo accade deve sfuggire alle cure e al controllo del sovrano Pontefice. Dio creatore del mondo ha collocato nel cielo due grandi astri per illuminarlo: IL SOLE PER IL GIORNO, LA LUNA PER LA NOTTE: ugualmente, nel firmamento della Chiesa universale, ha collocato due supreme autorità : Il papato, che regna sulle anime, e la regalità, che domina sui corpi ma è assai superiore alla seconda. Come la luna riceve la sua luce dal sole, che le è superiore per la sua qualità e la quantità sei suoi raggi, così il potere imperiale riceve tutto il suo splendore e il suo prestigio dal

potere papale” . ( 30 Ottobre 1198 )

 

Per rafforzare la sua posizione di Capo di Stato, il Pontefice s’impegnò in un’azione di bonifica del territorio pontificio, dai signorotti locali che tentavano di sottrarsi, al dominio di Roma.

 

Ottenne risultati lusinghieri riuscendo ad imporre il proprio prestigio sia al potentissimo sovrano di Francia, Filippo II Augusto, che si dichiarò suo vassallo, sia nei confronti del Re d’Inghilterra, Giovanni Senza Terra14, al quale tolse il territorio, Re che fu costretto a firmare, lo ricordiamo, la Magna Charta libertatum, in cui riconosceva significativi privilegi alla nobiltà laica ed ecclesiastica. Giovanni può riavere la sua terra dopo che ha versato un contributo al Papa.

 

Il Pontefice di cui parliamo, intervenne direttamente, utilizzando anche le armi, in Sicilia, dove impose come sovrano Federico II di Svevia, suo pupillo, affidatogli dalla madre Costanza di Altavilla, in punto di morte.

 

Non mancò di imporre il suo candidato anche in Germania dove incoronò ad Imperatore Ottone di Brunswich, nemico degli Svevi, salvo poi deporlo a favore di Federico II.

 

Il suo potere era altissimo ma un anno dopo il IV Concilio del Laterano, che riconosceva la sua grandezza, Papa Innocenzo II morì, era il 1216. Il progetto teocratico15 non era solido per il fatto

13 De miseria humanae conditionis, conosciuta anche come De contemptu mundi.

Fu soprannominato ‘Senzaterra’ (ingl. Lack-land)

14

che aveva incoraggiato, contro l’Imperatore, le istanze di autonomia di diversi popoli e questi erano pronti a rivendicare la propria autonomia, anche nei confronti del Papa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bibliografia :

 

Carlo Magno: Un padre dell’Europa Di Alessandro Barbero

Editore : Laterza

 

Esegesi medievale, Volume 2 Di Henri de Luba

Editore : Jaca Book

 

Ambrogio M. Piazzoni LE ELEZIONI PONTIFICIE. CENNI STORICI E SPUNTI DI RIFLESSIONE

 

Contemplare l’ordine: intellettuali e potenti dell’alto Medioevo Di Germana Gandino

Editore : Liguori

 

i Capitulare de imaginibus, oppure Libri Carolini, opera in quattro libri scritta presso la corte di Carlo Magno. Hanno importanza per fare comprendere il ruolo che l’Imperatore rivendicava in tema di religione. Devono occuparsi di confutare il culto delle immagini formulate nel Concilio di Nicea del 787.

 

b77eb3_5f39d8f3553742f19d81d1cbef3ef8a9

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...