#@è………..

La penna nella nostra testa

La penna : Abbiamo tutti una carta d’identità, fatta ove non piace la libertà, che bella penna salirà, imparerà la resistenza, conoscerà la chiarezza, farà festa, farà danza, con te, che bella penna ho in mano, scrive, imparerà a resistere….con te, parla poco d’amore, penso al tuo viso, vedremo se dopo lo scatto, l’amore s’accende, però- commenta il cuoco- non c’è male….poi arrivo, Con te, andrei nelle nuvole, tornerei nei fiumi, camminerei nei prati, vedrei le stelle, non seguirmi, tanto l’amo……

Giuseppe Di Summa.


Lo ha fatto / ” resta “…….

Sergej Sergeevič Prokof’ev è un grande musicista russo, con una famiglia, che avendone le possibilità, sin da bambino gli fece studiare musica. Lavorerà anche come compositore di colonne sonore. Famoso per ” poesie musicali “.

Pensateci prima di spostare un’ albero, la ninfa che protegge l’albero è lì con lui, visto che nella cultura russa, lo dimostra Dmitrij Lichacëv, gli alberi possiedono uno spirito, sono abitati. Nelle favole l’albero rappresenta qualità positive, quindi ” convivere ” con i boschi, le foreste, nel tempo, è stata la scelta. Nulla poi si è potuto con l’avanzare del progresso economico. Non tutti abbiamo la fortuna di avere protezione per amore. Un grandissimo poeta Yeats, scrive “ I due alberi “, di un immagine fatale, ricordiamo una frase del famoso poeta “Se ciò che io dico risuona in te, è semplicemente perché siamo entrambi rami di uno stesso albero “.Il mistico irlandese, non è russo, l’immagine, il suono, potrebbero rimanere troppo legata ai miti e al folclore irlandese.


Importanti sono le visioni della felicità.

Dobbiamo arrivare al Racconto della Signorina di Cechov, che nella natura, in mezzo al vento, riceve la dichiarazione, la più classica, vi amo, per il fatto che vi vedo, Natalia Vladimirova, darei tutto il mondo per restare a guardarvi il più a lungo possibile, Petr Sergeic dice. Natalia è donna ricca, di nobile casata, Peter, che la corteggia, è umile e povero, che sapendo del matrimonio impossibile, rimane per ore a guardare il viso dell’amata. L’autore è famoso per il suo modo di comunicare con gli uomini i suoi personaggi, meglio per non comunicarli, sostiene nella vita, visto che non ha avuto un buon rapporto con gli insegnanti, che
essi sono dei ” miserabili funzionari “.
Ceckov nel 1884 si laurea in medicina, ha una visione cupa della vita, seppure grazie alla letteratura, che definisce la sua amante, arriva alla visione del viso amato, così convincente, per tutti quelli come noi hanno affrontato l’ostacolo del matrimonio impossibile da farsi ( si legge la storia del lei non sposerà una ragazza di questo paese). Gli uomini sciupano le occasioni della vita, lo si comprende nei racconti di Ceckov, è lui
che scrive in un racconto che Dio ha insegnato un amore ragionevole, utile, sensato, che noi non-cattolici, è un pensiero che viviamo, anche senza essere credenti, proprio davanti al matrimonio.
A proposito di questo autore, in merito alla riflessione, che facciamo sul testo, sul creare o meno personaggi, interessanti, dichiara che è contento che il suo Ivanov è un personaggio letterario riuscito.

Pubblicato da cambiogiorno

Un progetto web concluso ed archivato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: